san-patrizio
17 marzo 2019

News

17 marzo, festa di San Patrizio. Curiosità, storia e leggende del patrono d’Irlanda


La festa cristiana di San Patrizio si celebra ogni anno il 17 marzo in onore dell’omonimo patrono dell’Irlanda, morto appunto il 17 marzo del 461.
Il vero nome di San Patrizio (che deriva dal tardo latino Patricius, letteralmente “patrizio” cioè di nobile stirpe), era Maewyin Succat e visse in Irlanda tra il 385 e il 461. Di origini scozzesi, San Patrizio a sedici anni fu rapito dai pirati irlandesi e venduto come schiavo al re Dalriada, il sovrano di un regno che comprendeva all’epoca parte della Scozia e dell’Irlanda.

Fuggito dalla corte, il giovane si fece diacono col nome latino di Patrizio, diffuse con fervore i dettami della fede cristiana e divenne vescovo. A lui papa Celestino I affidò il compito di evangelizzare le terre irlandesi, compito che il futuro santo svolse con grande impegno, favorendo la contaminazione tra elementi cristiani e celtici pagani.

A San Patrizio si deve il simbolo dell’Irlanda, il trifoglio, che gli servì per spiegare agli irlandesi la Trinità (un unico Dio, in tre Persone), probabilmente anche quella della croce celtica, che unisce la croce cristiana al simbolo celtico del sole. Saint Patrick, questo il nome in lingua originale irlandese, ebbe un’approfondita conoscenza di miti e leggende locali e l’intuizione di mescolare gli insegnamenti cristiani alle tradizioni celtiche per rendere il messaggio di conversione più comprensibile.

La Festa di San Patrizio è molto antica, risale al periodo tra il nono e il decimo secolo, si celebra tuttora in oogni angolo del mondo ed è caratterizzata da festose parate nelle strade e grandi bevute di sidro e specialmente di birra, il tutto predominato dal colore verde sia nell’abbigliamento che negli addobbi.

San Patrizio è la festa degli irlandesi e la si festeggia ovunque siano presenti comunità irlandesi o i pub cosiddetti ‘Irish’ che il 17 marzo per celebrare degnamente la tradizione.

Diverse leggende e modi di dire sono legati a San Patrizio. Si dice ad esempio Pozzo di San Patrizio per indicare una riserva infinita di ricchezze dall’origine misteriosa. Secondo la fede popolare Patrizio pregava in una caverna molto profonda nell’isolotto lacustre di Lough Derg, nella contea irlandese di Donegal e a volte spingeva i fedeli ad entrarvi perché potessero vedere con i loro occhi l’ingresso dell’inferno, luogo che appariva appunto infinito.

E sapete perché in Irlanda non ci sono serpenti? Si narra che sia stato proprio Patrizio a scacciare i serpenti dall’Irlanda quando nel 441, al termine di un digiuno di 40 giorni e 40 notti sul monte Croagh Patrick, il santo scagliò una campana dalla montagna e per il frastuono tutti i serpenti fuggirono…

Più probabilmente l’assenza di questi rettili in Irlanda è dovuta all’ultima era glaciale, quando 12.000 anni fa il freddo tenne lontano i rettili e poi al disgelo non riuscirono a o tornarvi perchè a quel punto quella terra era un’isola circondata dal mare. Ma questa è scienza, credibile ma sicuramente meno affascinante della leggenda.

Il nome Patrizio è diffuso in Italia al maschile ma molto di più al femminile, Patrizia, e dal suo culto e da quello di Santa Brigida d’Irlanda, evangelizzatrice come San Patrizio, probabilmente nascono alcune tradizioni popolari riguardanti soprattutto le celebrazioni dei morti e di tutti i santi.


Leggi anche...



News
Super Ponte di Pasqua: il decalogo per non perdere...

Ci siamo, il ponte di Pasqua è arrivato, e per alcuni durerà fino al 6 maggio. Gli studenti...


News Lamezia e lametino
Nuovo Cdu Lamezia Terme: «Dirigenti comunali 2...

Se la notizia divulgata dal segretario aziendale del sindacato UIL corrisponde al vero e viene...


News
Barometro Politico: fiducia nel governo Conte, la...

Secondo i dati del Barometro Politico di aprile dell’Istituto Demopolis, nel voto per la...


Storia, miti, leggende e tradizioni
Santa Pasqua: la leggenda di Gesù e il melograno

Gesù saliva faticosamente la via del Calvario e dalla Sua fronte trafitta di spine cadevano...