Roses background
23 aprile 2020

Storia, miti, leggende e tradizioni

23 aprile: Giornata mondiale del libro e delle rose. La leggenda di San Giorgio che sconfisse il drago dell’ignoranza


Oggi 23 aprile si celebra San Giorgio ma è anche la giornata mondiale del libro, proclamata dall’Unesco nel 1996, e la festa degli innamorati in alcuni paesi.

Una giornata veramente particolare che si celebra ormai in tutto il mondo ma che nasce in Catalogna, dove tuttora è una grande festa popolare in particolare a Barcellona, città il cui santo protettore è proprio San Giorgio: le ramblas sono letteralmente invase da fiori, bancarelle di libri e una folla immensa di persone che acquistano libri e ricevono rose in cambio.

Ma perché è stato scelto proprio questo giorno per celebrare sia l’amore che i libri? Tutto nasce da una leggenda che risale al quindicesimo secolo.
Si narra che in una cittá a Sud di Barcellona ci fosse un terribile drago che esigeva ogni anno il sacrificio di una donna e di un agnello. Un brutto giorno ad essere scelta per il sacrificio fu la figlia del Re, ma il valoroso cavaliere San Giorgio intervenne e riuscì ad uccidere il drago un attimo prima che la principessa fosse inghiottita.
Una goccia di sangue di drago cadde a terra e lì spuntò una bellissima rosa rossa che San Giorgio colse e regalò alla principessa.

Da allora i catalani commemorarono Sant Jordi regalano rose alle loro amate, un antico San Valentino. Il 23 aprile però ricorre l’anniversario della morte di tre tra i più grandi autori della letteratura mondiale: Miguel de Cervantes, William Shakespeare e Garcilaso de la Vega, e fu per questo che nel 1926 un editore valenzano, Vicent Clavel i Andrés, fuse leggenda e storia unendo il simbolo del libro, che ricordava gli scrittori, alla rosa di San Giorgio dando vita alla festa dei libri e delle rose.

San Giorgio anche in Italia è un Santo molto conosciuto e patrono di molte città tra le quali Reggio Calabria e inoltre è protettore degli Scout, infatti il 23 aprile è il giorno in cui gli esploratori e le guide rinnovano solennemente la Promessa scout. secondo Baden-Powell, il fondatore dello scautismo, suggerisce di “rammentare” ai giovani la figura di San Giorgio, santo cavaliere difensore dei più deboli e indifesi, modello da imitare e riscoprire.
Annamaria Persico


Leggi anche...



News Calabria
Zibibbo di Calabria sulle pagine del New York...

"Non ricordo di aver visto lo zibibbo da nessuna parte", ha scritto il noto critico Eric...


News
Fase 3. Bonus 600 euro: le novità

Novità sul bonus da 600 euro introdotto per tamponare le conseguenze economiche...


News
Decreto liquidità. La resistenza delle banche...

“Dall’entrata in vigore del Decreto liquidità ad oggi, nonostante denunce, proteste e...


News Calabria
Almeno il 70 % degli stagionali a casa...

Senza soluzioni strutturali per il sostegno al reddito sarà un’estate da incubo per gli...