porcino
4 ottobre 2017

Copertina

Al via sabato al Parco della Biodiversità la XVIII Mostra micologica «Città di Catanzaro»


Fino a qualche giorno fa avevamo l’impressione che, per vedere qualche fungo, sarebbe stato necessario aspettare il tardo autunno. E’ intervenuta, invece, madre natura portando tanta pioggia e già i risultati cominciano a vedersi: inoltrandoci nei nostri meravigliosi boschi dei monti silani e delle Serre, i funghi spontanei si vedono sempre più numerosi.

Se le condizioni metereologiche continueranno clementi, ne dovremmo trovare in abbondanza, per arricchire al meglio la XVIII Mostra micologica «Città di Catanzaro», fornendo nel contempo ai visitatori più opportunità di visionare, ammirare e apprendere.

L’appuntamento è programmato per sabato 7 e domenica 8 ottobre presso il Parco della Biodiversità Mediterranea.

L’evento è organizzato dal Gruppo micologico «Sila Catanzarese», avente sede nel capoluogo di regione, e sarà il presidente dello stesso Gruppo, Emilio Corea, ad inaugurare la mostra alle ore 9,30 di sabato 7 Ottobre.

La XVIII Mostra «Città di Catanzaro» si svolgerà con un programma più nutrito che in passato. In primo luogo con la esposizione dei tanti funghi freschi (speriamo tantissimi) che saranno raccolti sia dai soci del Gruppo che dai volontari ed appassionati.

In sostanza si esporranno tutte le specie che crescono durante questo periodo dell’anno nei nostri boschi. I funghi saranno i protagonisti della manifestazione che si svolgerà, come accennato, sabato e domenica prossimi (orario di apertura al pubblico: sabato 9,30-13 e 15,30-20; domenica 9,30-13 e 15,30-19,30). L’ingresso sarà libero.

Gli esemplari saranno esposti sia col nome scientifico e col nome volgare, a mezzo di apposito cartellino sul quale verrà pure riportata l’indicazione della commestibilità, contrassegnata anche da una fascia colorata rossa per i funghi velenosi, gialla per quelli non commestibili e verde per i commestibili.

I vari esemplari avranno un ordine sui tavoli secondo il «metodo sistematico», in base al quale si procederà a raggruppare le specie appartenenti allo stesso genere ed alla stessa famiglia.

Nell’arco dei due giorni della manifestazione, gli esperti dell’associazione, oltre a rifornire i banchi per l’esposizione di esemplari freschi, saranno a disposizione dei visitatori per dare informazioni utili a distinguere le specie mangerecce da quelle velenose ed ogni altro tipo di informazione sul mondo dei funghi.

La Mostra, infatti, ha soprattutto lo scopo di far conoscere i funghi dal vero agli appassionati ed a tutti coloro che si avvicinano a questo mondo meraviglioso.

Quest’anno, nell’ambito della manifestazione, oltre al consueto concorso Il porcino più grande, è previsto uno nuovo concorso, quello del Porcino più bello.

Coloro che intendono partecipare dovranno presentare esemplari di porcini freschi che siano, ovviamente, in condizioni di idoneità al consumo, da consegnare agli organizzatori entro le ore 16,30 di domenica. La proclamazione dei vincitori con relativa premiazione avverrà alle ore 18 della stessa giornata, per ambedue i concorsi.

La manifestazione prevede anche un «Laboratorio artistico/didattico» per bambini, che si terrà dalle ore 10 alle ore 12 di domenica.

Obbiettivo importante della manifestazione è anche la sensibilizzazione dei cittadini sulla pericolosità di questo prodotto della natura quando raccolto senza la necessaria conoscenza e prudenza, tanto pericoloso da indurci a ribadire con forza che, prima di procedere alla preparazione dei fungi raccolti, occorre rivolgersi gli esperti del settore cioè ai micologi che sono consultabili presso la sede delle Associazioni micologiche e presso l’Ispettorato micologico dell’Azienda sanitaria provinciale.

In giro non mancano volumetti e guide, i giornali pubblicano avvertimenti e consigli, fotografie e disegni per distinguere un fungo dall’altro. Ma non è così facile, non basta un libro o i disegni per consentire di distinguere i funghi buoni da quelli velenosi.

Tant’è vero che spesso capita proprio agli incauti conoscitori di imbarcarsi nella esperienza diretta con le intossicazioni da funghi. La mostra micologica ed i consigli degli esperti sono una occasione importante per recepire qualche piccola buona conoscenza e, soprattutto, acquisire quegli atteggiamenti di prudenza che sono la via maestra per evitare le intossicazioni.

Per tutti coloro che vorranno approfondire la materia e diventare conoscitori sicuri su un buon numero di specie, verrà offerta la possibilità di frequentare il Gruppo micologico che è una associazione senza fini di lucro.
Gruppo micologico «Sila Catanzarese»


Leggi anche...



Cultura, eventi, spettacoli e sport
«21 GENNAIO 1921- 21 GENNAIO 202. I CENTO ANNI DEL...

Il 21 gennaio  ricorre il centesimo anniversario della Fondazione del Partito Comunista...


News
Sant’Anna Hospital. Cgil, Cisl e Uil ricevuti...

In attesa di concludere il percorso che porta al rinnovo dell'accreditamento del Sant'Anna...


News Calabria
Lavoratori Leonardo trasferiti. Lo Papa: «È una...

Prima costretti a lavorare un giorno a settimana, a mettere in tasca poche centinaia di euro...


News Calabria
RC: «De Magistris, una candidatura per vincere e...

Luigi De Magistris ha dichiarato la sua disponibilità a rappresentare una Calabria che non ha...