img-20201020-wa0018
22 ottobre 2020

Cultura, eventi, spettacoli e sport

«Calabria, terra mia» trionfa al Festival del Cinema ma non tra i calabresi. Il viaggio di Bova tra congiuntivi persi e tovaglie a quadretti


GUARDA IL VIDEO Calabria, terra mia

Il corto, che da ieri impazza sui social, pare non abbia soddisfatto i calabresi e ha suscitato pareri pittosto negativi. Se da un lato è apprezzabile lo sforzo compiuto dalla Regione e dalla compianta presidente (1.700.000 euro), dall’altro non ci si riconosce in una visione non solo agiografica ma anche distratta e superficiale della Calabria, dialoghi scadenti (e anche sgrammaticati) e carenza di contenuti a metà tra lo spot pubblicitario e immagini da film-commedia americano.

È stato presentato alla Festa del cinema di Roma il cortometraggio “Calabria, terra mia”, scritto e diretto da Gabriele Muccino. L’opera, fortemente voluta dalla compianta presidente della Regione Jole Santelli, scomparsa il 15 ottobre scorso, è stata proiettata in anteprima assoluta nel Teatro Studio “Gianni Borgna”, alla presenza di Muccino, degli attori protagonisti, Raoul Bova e Rocìo Munoz Morales, e del producer Alessandro Passadore.

Nel posto riservato al presidente Santelli è stato posizionato un grande mazzo di rose rosse e bianche. In sala tante personalità del mondo istituzionale e della cultura, tra cui il presidente facente funzioni della Regione, Nino Spirlì, gli assessori regionali Gianluca Gallo, Fausto Orsomarso, Sergio De Caprio, Sandra Savaglio, Francesco Talarico e Domenica Catalfamo, parlamentari e consiglieri di tutti gli schieramenti politici, il sottosegretario Anna Laura Orrico e il commissario della Calabria Film commission Giovanni Minoli.

Il cortometraggio, prodotto da Viola film per Regione Calabria, dura 8 minuti e racconta la storia di un uomo (Bova) che porta la sua compagna (Munoz Morales) a conoscere per la prima volta la Calabria, in un viaggio alla scoperta degli angoli più suggestivi della regione. Protagonisti assoluti sono gli agrumi più caratteristici della Calabria – il bergamotto, il cedro, le clementine e il limone di Rocca Imperiale -, che rappresentano il filo conduttore dell’opera. Il tutto condito dalle effusioni amorose dei due fidanzati, tra un «quanto sei bella» di Bova e la promessa di Rocìo: «Da qui non me ne vado più».

Annamaria Persico


Leggi anche...



News
Festival di Spoleto, Oliverio rinviato a giudizio....

CATANZARO. “Centomila euro per promuovere l’immagine turistica della Calabria, pagare uno...


News
Decreto Ristori. UNSIC: «Ecco le categorie...

Sono attualmente tre - e potrebbero essere quattro a gennaio - i “Decreti Ristori”,...


News Calabria
PETIZIONE A FAVORE DELL’INTITOLAZIONE...

Giorno 20 Novembre è venuto a mancare il Dott. Pasquale Alcaro. Dal 1981, anno della sua...


Cultura, eventi, spettacoli e sport
Lamezia Terme. Concluso con successo il Campionato...

Si è tenuto lo scorso sabato 21 novembre, presso il Palasparti di Lamezia Terme, il...