carola_free_afp
3 luglio 2019

News

Carola è libera. L’ira di Salvini, Procuratore valuterà impugnazione


Carola Rackete torna libera. Il gip di Agrigento, Alessandra Vella, non ha convalidato l’arresto della comandante della Sea Watch escludendo il reato di resistenza e violenza a nave da guerra. Secondo la gip il reato di resistenza a pubblico ufficiale sarebbe stato giustificato da una “scriminante” legata all’avere agito “all’adempimento di un dovere”, quello di salvare vite umane in mare. Da stasera la donna tornerà quindi libera perché viene meno la misura degli arresti domiciliari.

Secondo il gip di Agrigento la decisione di attraccare a Lampedusa non sarebbe stata “strumentale, ma obbligatoria” perché i porti della Libia e della Tunisia non sono stati ritenuti porti sicuri. Di altro avviso la Procura secondo cui non c’era “lo stato di necessità”. Inoltre, per la Procura l’impatto tra la nave Sea watch e la vedetta della Gdf è stato “volontario”, come spiegato ieri dal Procuratore Luigi Patronaggio al termine dell’udienza di convalida. “E’ stata valutata negativamente, in maniera volontaria, la manovra effettuata con i motori laterali della Sea Watch che ha prodotto lo schiacciamento della motovedetta della Guardia di finanza verso la banchina. Questo atto è stato ritenuto, da noi, fatto con coscienza e volontà”, ha detto.
Carola Rackete è accusata per i reati 1100 del codice della navigazione, cioè resistenza a nave da guerra, e l’articolo 337 del codice penale, cioè resistenza a pubblico ufficiale. Ma da stasera è tornata libera.

“È evidente che si rispettano le decisioni dei giudici, occorre leggere le motivazioni, si valuterà un’eventuale impugnazione”. Così il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio in commissione Antimafia sul provvedimento da parte del gip di non convalidare l’arresto. “Il nostro punto di vista – aggiunge – era diverso, per noi era necessitata l’azione di salvataggio e non era necessitata invece la forzatura del blocco che riteniamo un atto un po’ sconsiderato bei confronti della motovedetta della Guardia di finanza”.
Il prefetto di Agrigento ha firmato il decreto di espulsione: disposto nei confronti di Rackete un provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale con accompagnamento alla frontiera. “Ho firmato pochi istanti fa il provvedimento di espulsione per Carola Rackete”, ha detto all’Adnkronos il Prefetto di Agrigento Dario Caputo. “Le confermo che ho firmato il provvedimento – dice. Vedremo cosa accade adesso perché è previsto un ulteriore interrogatorio ma nulla impedisce la firma del decreto di espulsione”. (Fonte AdnKronos)


Leggi anche...



News Lamezia e lametino
Elezioni Lamezia. M5S ORGANIZZA SABATO 19 OTTOBRE...

Un futuro di crescita per Lamezia Terme è realizzabile anche puntando sulla tutela e la...


Cultura, eventi, spettacoli e sport
«SORELLE X LA SICUREZZA STRADALE SULLA 106»: LA...

“Sorelle x la Sicurezza Stradale sulla Statale 106” è il titolo della originale campagna...


News Calabria
Catanzaro: oggi Assemblea generale della Cgil Area...

Dall’emergenza sanità al lavoro, sono tanti i temi da affrontare nel corso dell’Assemblea...


News Calabria
Campagna «Io non rischio»: i Cavalieri della...

La Sezione di Cosenza dell’ANCRI (Associazione Nazionale Insigniti dell’Ordine al Merito...