ingerenze-usa-locandina
15 settembre 2022

News cultura, spettacolo, eventi e sport

CIRCOLO AGORA': “Ingerenze degli USA in politica estera” è il titolo della nuova conversazione online dal 16 settembre


Venerdì 16 settembre sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la conversazione, organizzata dal Circolo Culturale “L’Agorà”, avente come titolo “Ingerenze degli USA in politica estera”. Gli Stati Uniti sono presenti quasi ovunque: non c’è angolo del globo dove non abbiano interessi e nel quale non cerchino di fare sentire la loro influenza. Le radici di questa “prassi” risalgono alla Dottrina Monroe del 1823. Questa dottrina fu presentata nel suo messaggio al Congresso del 2 dicembre 1823: in essa Monroe proclamò che le Americhe dovevano essere libere da future colonizzazioni europee, così come dovevano essere e libere dall’interferenza europea negli affari delle nazioni sovrane. “L’America agli americani” è il motto che sintetizza perfettamente la Dottrina Monroe, una strategia di politica internazionale e un’ideologia enunciata dal presidente statunitense James Monroe nel 1823 in un discorso al Congresso sullo stato dell’Unione. In origine aveva scopi difensivi, perché mirava a evitare che gli europei colonizzassero dei territori americani indipendenti, ma dalla fine dell’Ottocento è diventata lo strumento per giustificare gli interventi militari degli Stati Uniti nei Paesi dell’America Latina. Gli Stati Uniti dall’enunciazione della Dottrina Monroe nel 1823 in poi hanno interferito più di ogni altro Paese al mondo nelle dinamiche interne di molti stati americani, africani, asiatici ed europei: campagne di disinformazione, pressioni sul piano economico, finanziamenti occulti a beneficio di associazioni, partiti o singoli esponenti politici graditi a Washington, operazioni segrete (le cosiddette “covert operations” della CIA) e, quando il repertorio “morbido” non sortiva l’esito sperato, colpi di stato. Tra la fine dell’Ottocento e la seconda guerra mondiale sono stati numerosi i casi di intervento armato statunitensi in America Latina, considerato da Washington il proprio “cortile di casa”, per riprendere un’efficace espressione usata da Noam Chomsky: Panama, Honduras, Nicaragua, Messico, Haiti, Repubblica Dominicana. Le ingerenze degli Stati Uniti in politica estera hanno compreso azioni sia esplicite sia segrete volte a modificare, sostituire o preservare governi stranieri. Gli Stati Uniti hanno eseguito almeno 81 interventi noti, tra espliciti o sotto copertura, in politica internazionale durante il periodo 1946-2000. Successivamente alla seconda guerra mondiale, il governo degli Stati Uniti ha organizzato operazioni per favorire cambi di regime, nel contesto della guerra fredda, per contendersi l’influenza e la leadership a livello globale con l’Unione Sovietica. Operazioni significative comprendono il colpo di Stato iraniano del 1953 (operazione Ajax) orchestrato da Stati Uniti e Regno Unito, l’invasione della baia dei Porci del 1961 contro Cuba, il favoreggiamento del genocidio indonesiano e il sostegno alla “guerra sporca” argentina, oltre all’area tradizionale delle operazioni degli Stati Uniti, quali l’America centrale e i Caraibi. Verso la fine della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti nel 1945 ratificarono la Carta delle Nazioni Unite, la quale vincolava legalmente il governo degli Stati Uniti alle disposizioni della carta, compreso l’articolo 2 (paragrafo 4), che proibisce la minaccia o l’uso della forza nelle relazioni internazionali, tranne in circostanze molto limitate, pertanto qualsiasi rivendicazione legale avanzata per giustificare il cambio di regime da parte di una potenza straniera comporta un onere particolarmente delicato. Inoltre, gli Stati Uniti hanno interferito nelle elezioni nazionali di molti paesi, tra cui il Giappone negli anni ’50 e ’60 per mantenere al potere il Partito Liberal Democratico di centro-destra utilizzando fondi segreti, nelle Filippine organizzando la campagna per la presidenza di Ramón Magsaysay nel 1953, in Libano per aiutare i partiti cristiani nelle elezioni del 1957 usando finanziamenti segreti, in Italia per favorire la Democrazia Cristiana in funzione anticomunista durante le elezioni politiche del 1948. In diverse occasioni, a far data dal 1942, gli Stati Uniti hanno fatto ricorso alla guerra economica, propinando diversi embarghi. Per molti anni, le Nazioni Unite sono state bloccate dalle grandi potenze, soprattutto dagli Stati Uniti – non dall’Unione Sovietica o dal Terzo Mondo. A partire dal 1970, i veti americani sulle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza sono stati molto più numerosi di quelli posti dagli altri paesi membri (la Gran Bretagna è al secondo posto; segue, a grande distanza, la Francia mentre l’Unione Sovietica è al quarto).  L’Onu è stata in grado di rispondere all’aggressione irachena perché – per una volta – gli Stati Uniti l’hanno consentito. La severità senza precedenti delle sanzioni delle Nazioni Unite è stata il risultato delle intense pressioni e minacce esercitate dagli Usa. Subito dopo aver approvato le sanzioni, gli Usa fecero in modo di bloccare l’azione diplomatica organizzando, insieme con la Gran Bretagna, un impressionante spiegamento di forze nel Golfo sostenuto dalle dittature dinastiche che governano gli stati petroliferi della regione, mentre dagli altri stati giungeva una partecipazione solo formale. Queste alcune delle cifre che saranno oggetto di analisi da parte di Gianni Aiello, ricercatore e presidente pro-tempore del Circolo Culturale “L’Agorà”. Tenuto conto dei protocolli di sicurezza anti-contagio e dei risultati altalenanti della pandemia di COVID 19 e nel rispetto delle norme del DPCM del 24 ottobre 2020 la conversazione sarà disponibile, sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, a far data da venerdì 16 settembre.


Leggi anche...



News
Alfredo Cospito, il medico: “E’ quasi...

"Non cambia idea e non servirebbe trasferirlo da un'altra parte: l'unica soluzione sarebbe...


News
Omicidio-suicidio Ortona, soffoca il fratello...

Ha ucciso, soffocandolo, il fratello minore e, poi, si è impiccato. Il dramma, che risale a...


News
Lazio-Fiorentina, Sarri: “Abbiamo lottato...

"La squadra ha sofferto e lottato fino alla fine". L'allenatore della Lazio Maurizio Sarri...


News
Lazio manca l’aggancio al 2° posto, con la...

La Lazio non va oltre al pareggio per 1-1 in casa contro la Fiorentina e manca l'aggancio...