BaccalaJPG
7 novembre 2016

Copertina

Concorso menu tipico lametino: l’evento cultural-gastronomico dell’anno


Baccalà fritto o alla tiella? Mulingiani chjni, cunzate o alla parmigiana? Grispelle culla sarda o senza sarda? A questi e altri gustosi dilemmi troverà soluzione «Menu tipico lametino», il nuovo progetto cultural-gastronomico che sarà presentato in conferenza stampa a Lamezia Terme il 9 novembre alle 12, presso l’Istituto professionale di stato per i servizi alberghieri e ristorativi Luigi Einaudi, diretto dalla dr.ssa Rossana Costantino.

La manifestazione «Menu tipico lametino», curata dall’Accademia delle tradizioni popolari calabresi e patrocinata da Regione Calabria, Provincia di Catanzaro, Comune di Lamezia Terme, in collaborazione con Unpli Calabria, Pro Loco di Lamezia Terme e Ipssar Luigi Einaudi di Lamezia Terme, nasce dall’interesse di Gianfranco Caputo, manager di servizi turistici nonché presidente dell’Accademia, verso la cultura popolare soprattutto in campo gastronomico, e dalla necessità di valorizzarla per soddisfare l’esigenza, non solo dei lametini stessi ma soprattutto di visitatori e turisti, di conoscere la storia e le tradizioni della ricca e variegata gastronomia locale.

Il progetto prevede nella prima parte, che si svolgerà in collaborazione con varie associazioni, di chiamare i lametini ad una consultazione pubblica per esprimere il proprio parere sulla cucina del territorio per stabilire quali sono i piatti tipici nelle categorie dei primi piatti, dei secondi con contorno e dei dolci.

Nella seconda parte una commissione popolare, composta da cento persone di ogni fascia di età, in possesso di determinate competenze, capacità e abilità e residenti nel comune di Lamezia Terme, procederà a valutare e selezionare, in base a dei criteri prestabiliti, i tre piatti da inserire nel «Menu tipico lametino».

Infine i piatti selezionati dalla commissione popolare saranno oggetto di un concorso gastronomico organizzato e diretto dallo chef Pietro Notaro, in collaborazione con l’Ipssar Luigi Einaudi di Lamezia Terme e l’Associazione provinciale cuochi catanzaresi delegazione di Lamezia Terme.

Il concorso, riservato a tutti i professionisti lametini ed alle principali aziende agrituristiche e ristorative operanti nel comune, si svolgerà presso le cucine dell’Ipssar di Lamezia Terme nel mese di maggio del 2017. La valutazione dei piatti in concorso sarà affidata ad una giuria di esperti che dovrà esprimersi attraverso un’apposita scheda e alla fine eleggerà il «Menu tipico lametino».

Esaurita questa fase, il progetto prevede la promozione del Menu tipico nelle offerte turistiche, la pubblicazione di un libro di ricette tipiche lametine e l’istituzione di un festival gastronomico.


Leggi anche...



News
Webuild, oltre 6 mld di nuovi ordini acquisiti e in...

È di oltre 6 miliardi di euro il valore consolidato dei nuovi ordini acquisiti e in corso di...


News
Nato, Putin: “Adesione Finlandia e Svezia non...

L'adesione alla Nato di Svezia e Finlandia non preoccupa la Russia che si riserva tuttavia di...


News
Nanotecnologie su Beni culturali, premiata Zuccalà

“Con Heritage Preservation Lab, un nuovo settore specialistico dedicato al Restauro e alla...


News
Ucraina, intelligence Usa: guerra al rallentatore e...

Il Presidente russo Vladimir Putin mantiene l'obiettivo di conquistare la gran parte del...