rosmarino
4 maggio 2022

Copertina

Erbe e piante di Calabria: “rosamarina” (rosmarino), l’antica pianta della beatitudine che migliora la memoria e la concentrazione. Le ultime ricerche scientifiche


La parola rosmarino, in dialetto calabrese semplicemente rosamarina, potrebbe derivare da rus maris, rugiada di mare, oppure da rosa maris, rosa del mare, in ogni caso il binomio evoca scenari mediterranei in cui la benefica pianta sempreverde dai fiorellini azzurri è sempre cresciuta rigogliosa e utilizzata in molti modi.

In Calabria il rosmarino, grazie alle sue proprietà stimolanti e fortificanti, antispastiche, antidolorifiche, antisettiche, antiparassitarie, antinfiammatorie e antiossidanti, è usato da millenni nella gastronomia, nell’apicoltura, nella farmacopea e nella cosmesi.
Presente ovunque in orti e giardini, è stata anche protagonista di miti e leggende e considerata per lungo tempo una pianta magica, simbolo di vita eterna e di beatitudine.
Del resto già gli Egiziani usavano il rosmarino per curare le malattie dello stomaco e per adornare le mani dei defunti, i Greci lo chiamavano makarites, ovvero beato, e lo utilizzavano per abluzioni purificatrici e come incenso da bruciare per onorare gli Dei.

Per i Romani era simbolo sia dell’amore che della morte e ne usavano i rami per adornare le statue dei Lari, spiriti protettori delle anime dei defunti di una famiglia. Furono loro ad esportare il rosmarino, diffondendolo e facendone conoscere l’uso in tutto l’Impero.

Nel Medio Evo si usavano le fumigazioni di rosmarino per disinfettare gli ambienti e insieme scacciare via gli spiriti maligni e fino a non molto tempo fa si credeva che i bagni con acqua di rosmarino e i fiori posti vicino al cuore, possibilmente raccolti la notte di San Giovanni, scacciassero la tristezza e la malinconia. Un pensiero non molto diverso dalle recenti scoperte scientifiche.

Un recentissimo studio scientifico britannico della Northumbria University dimostra che abitare nei pressi della bella pianta mediterranea e in particolare annusare il suo olio essenziale potenzierebbe la capacità mnemonica di adulti e bambini, implementando anche del 15 per cento le capacità cognitive e la memoria a lungo termine.

Al momento non c’è una spiegazione scientifica al fenomeno, che probabilmente dipende dal fatto che certi aromi siano in grado di implementare l’attività elettrica del cervello.
In ogni caso, visto che non c’è nessuna controindicazione, possiamo tranquillamente circondarci di di rosmarino come facevano i nostri avi, tenendo le nostre piantine sulla scrivania, mettendo gocce di olio essenziale sul cuscino o, meglio ancora, gustare i tanti piatti della tradizione che contengono questa magnifica pianta officinale, pane, biscotti, focacce e ancora ortaggi, pesce, carne e quant’altro.
Annamaria Persico (articolo pubblicato su Reportage il 2 maggio 2018)


Leggi anche...



News
Roma vince Conference League, tifosi in festa...

I tifosi della Roma festeggiano la vittoria nella finale di Conference League contro il...


News
Mourinho in lacrime: “Roma ha fatto la...

"Abbiamo scritto la storia. Mi passano tante cose per la testa...". José Mourinho in lacrime...


News
Omicidio ex vigilessa Laura Ziliani, confessa Mirto...

Mirto Milani ha confessato di aver ucciso l'ex vigilessa di Temù, Laura Ziliani. La svolta...


News
Roma vince Conference League, Pellegrini:...

"Siamo una squadra vera e l'abbiamo dimostrato. Oggi dobbiamo festeggiare e poi ripartire,...