cannone-caso-aversa
17 giugno 2017

Cultura

Il caso Aversa tra rivelazioni e misteri. Martedì a Catanzaro la presentazione del libro di Antonio Cannone


Organizzata dalla prefettura di Catanzaro, con la collaborazione del Centro «Riforme-Democrazia-Diritti» di Lamezia Terme, martedì 20 giugno, alle ore 18,30, presso la «Sala del Tricolore» del Palazzo di Governo, sarà presentato il libro del giornalista lametino, Antonio Cannone Il caso Aversa tra rivelazioni e misteri (Falco Editore).

Il prefetto Luisa Latella saluterà i convenuti e a presentare il libro e conversare con l’autore, saranno il giornalista Gianfranco Manfredi; il commissario per il coordinamento delle iniziative di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso, Vincenzo Panico; il procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Lamezia, Salvatore Curcio e il professore Enzo Ciconte, docente dell’Università Roma Tre. Coordinerà l’incontro Costantino Fittante, presidente del Centro.

Il caso Aversa a distanza di 25 anni, nonostante una verità giudiziaria accertata, continua a presentare lati irrisolti e per molti versi oscuri.

Il libro percorre la vicenda a partire dalle dichiarazioni dei due pentiti della Sacra Corona Unita, che si autoaccusarono del duplice omicidio del Sovrintendente di Polizia Salvatore Aversa e della moglie, Lucia Precenzano avvenuto a Lamezia il 4 gennaio 1992.

A parte le confessioni dei due pentiti pugliesi, nel libro sono raccolte anche le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia lametini. Una vicenda segnata dalle prime affermazioni, rivelatesi poi false, di Rosetta Cerminara che indicò in due persone, innocenti, gli autori del duplice delitto.

La prefazione al volume è stata curata da Enzo Ciconte, esperto dei fenomeni mafiosi, mentre Gianfranco Manfredi e il noto avvocato penalista Armando Veneto nei loro contributi, parlano di «caso-limite di ordinaria ingiustizia» e di un caso «irrisolto, uno dei misteri più tenebrosi della storia del potere in Italia».

Il libro inquadra il duplice omicidio anche in un contesto politico alquanto difficile e palesa le responsabilità «morali» della classe politica dell’epoca.

Il fatto criminale avvenne poco dopo lo scioglimento del Consiglio comunale di Lamezia per infiltrazioni mafiose e proprio Aversa contribuì con le sue indagini a determinare la scelta dell’allora ministro dell’Interno, Enzo Scotti. Così come indagava anche su un precedente duplice omicidio, quello di due netturbini, Cristiano e Tramonte, vittime innocenti di una «faida» per il controllo della gestione della raccolta dei rifiuti.


Leggi anche...



Salute, benessere & ambiente
Il Parco nazionale dell’Aspromonte...

Sarà il Parco nazionale dell’Aspromonte ad ospitare, dal 6 all'8 aprile, il meeting...


News
Maltempo. Prefetture al lavoro per viabilità e...

A partire dalla seconda parte della giornata di domenica, è atteso un drastico cambiamento...


News Calabria
Difesa del suolo, la Regione Calabria avvia...

Si è svolta ieri presso la Cittadella regionale, presieduta dal presidente Mario Oliverio...


News
Ritorna sul mercato il cioccolato militare

Grazie all’accordo fra l’Istituto chimico farmaceutico militare di Firenze e Fonderia del...