2008_potenzoni_13
18 giugno 2019

Storia, miti, leggende e tradizioni

Il Corpus Domini tra arte e tradizione: le Infiorate e gli altarini della fede popolare


La Solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo (Sollemnitas Ss.mi Corporis et Sanguinis Christi), comunemente chiamata con l’espressione latina Corpus Domini (Corpo del Signore), è una delle principali solennità della Chiesa cattolica e si celebra il giovedì successivo alla solennità della Santissima Trinità oppure, in alcuni Paesi tra cui l’Italia, la domenica successiva.

La festa del Corpus Domini, che quest’anno cade giovedì 20 giugno, proclama la fede della Chiesa nella presenza reale di Gesù Cristo nel pane e nel vino consacrato. E’ nata nel 1246 in Belgio e due anni dopo istituita ufficialmente dal Papa Urbano IV ed è caratterizzata dalla processione eucaristica che percorre le vie delle città e dei paesi, recando in maniera solenne l’ostensorio che mostra l’Ostia consacrata. E’ il Cristo che si manifesta nella sua totale presenza, corpo, sangue, anima e divinità.

La processione del Corpus Domini simboleggia Lui che cammina con gli uomini per le strade della vita, un rito molto sentito nelle comunità cristiane che nel tempo è stata arricchito da tradizioni popolari, come gli altarini, allestiti davanti alle abitazioni con fiori e preziose coperte ricamate, e le infiorate, cioè le strade che diventano tappeti di coloratissimi petali, testimonianze pubbliche di fede e manifestazione della gioia di accogliere il Cristo nella vita quotidiana. Nel giorno del Corpus Domini, soprattutto al Sud, si usa anche festeggiare l’onomastico di coloro che portano il nome Salvatore.

Le origini delle Infiorate si fanno risalire alla prima metà del XVII secolo, si pensa che l’usanza di creare quadri per mezzo di fiori sia nata nella basilica vaticana ad opera di Benedetto Drei, responsabile della Floreria vaticana, e di suo figlio Pietro i quali usarono per la prima volta fiori frondati e minuzzati ad emulazione dell’opere del mosaico il 29 giugno 1625, festa dei santi Pietro e Paolo, patroni di Roma.

Lentamente la tradizione si diffuse in vari paesi e città, e ancor oggi si perpetuano in molte località italiane e raggiungono notevole livello artistico. Tra le Infiorate più belle ricordiamo quelle di di Genzano, Genazzano, Arcinazzo Romano, Ranzi, Fucecchio, Spello, Gambatesa, Noto, Agropoli, Cusano Mutri.

Una delle più belle in Calabria è l’Infiorata di Potenzoni, piccola frazione del comune di Briatico in provincia di Vibo Valentia, dove per il Corpus Domini gli abitanti del paese, insieme ai maestri infioratori, allestiscono il paese a festa, realizzando tappeti floreali prevalentemente a tema sacro dal grande valore artistico.

Anche quest’anno la tradizione si ripete e oggi migliaia di visitatori visiteranno le stradelle dei quattro rioni, Agave, Glicine, Torre e Chiesa, per partecipare a questo straordinario e gioioso rito di fede popolare.
Annamaria Persico


Leggi anche...



News Calabria
Allerta Meteo Calabria: allarme arancione martedì...

Messaggio di Allertamento Unificato emesso oggi da Protezione Civile Calabria ha valenza di...


News Calabria
NUOVA STATALE 106: «SENZA LE INFRASTRUTTURE LA...

Il Sud dell’Italia si sta svuotando sempre di più dei suoi giovani. Nei 7 anni della crisi,...


Cultura, eventi, spettacoli e sport
Festival delle erranze e della filoxenia: terza...

Il Festival delle erranze e della filoxenia fa tappa a Serrastretta, nel cuore del Reventino,...


News Calabria
NUDM Reggio Calabria: «Accanto ai pazienti, alle...

La notizia della possibile chiusura dell'Hospice "Via delle Stelle" non può che allarmare la...