reflection-e1490481833152-1014x487
14 marzo 2020

Cultura, eventi, spettacoli e sport

Il tempo del Covid-19 è, dunque, una soglia: possiamo varcarla solo cambiando


di Vincenzo Altomare

“Consideriamo la maniera in cui spendiamo la nostra vita. Questo mondo è un luogo d’affari. Non c’è altro che lavoro, lavoro, lavoro. Un irlandese che mi vide mentre stavo prendendo gli appunti in un prato, era convinto che io calcolassi i miei redditi. Penso non vi sia nulla, nemmeno il delitto, più contrario alla poesia, alla filosofia, alla vita stessa di questo incessante trafficare. Se un uomo impiega mezza giornata a camminare nei boschi perché ciò gli piace, rischia di essere considerato uno scioperato; ma se egli occupa tutta la giornata come speculatore, sarà stimato cittadino industrioso e intraprendente”.

Il brano è di Henry David Thoreau, critico sociale e naturalista statunitense, vissuto nel XIX secolo. Ho citato questo brano perché lo trovo molto pertinente con quanto stiamo vivendo, e non da oggi.

Il covid-19, per quanto paradossale possa sembrare, fra le molte cose compulsivamente ripetute soprattutto dai media, costituisce “anche” un’opportunità. Lì dove governi e politici, per inettitudine o miopia civica, non sono riusciti a condurci, ci costringe (o ci invita, dipende dallo sguardo che ciascuno di noi proietta sulla realtà) un virus… ​

Si tratta di approfittare di questo tempo per meditare sul nostro stile di vita. Sul consumismo compulsivo cui siamo abituati. Su ciò che rappresenta realmente ciò che è essenziale e ciò che è superfluo. Su quali basi abbiamo finora costruito la nostra vita: “affari” o relazioni?

È importante porsi queste domande, anche perchè un’illusione campeggia nelle nostre coscienze: dal 3 aprile (data quanto mai convenzionale), ci ripetiamo sui social o ‘faccia a faccia’, tornerà tutto normale! E ce lo diciamo con una certa enfasi che potremmo definire augurale.

Ebbene: è tempo di chiederci in cosa consista, per noi, la cd «normalità». Quale normalità dovrebbe tornare? In realtà, dovremo fare in modo che il tempo post-pandemico, piuttosto che essere segnato ancora una volta dalla dittatura degli affari e del consumismo, divenga la celebrazione della consapevolezza (Illich), di una rottura, del nostro più autentico e profondo cambiamento, cercando ciascuno di noi la propria via all’essenzialità. ​ ​

Questa è la parola-chiave: «essenzialità».

Il tempo del covid-19 è, dunque, una soglia: possiamo varcarla solo cambiando, anzitutto noi stessi.

Castrolibero, giovedì 12 marzo 2020


Leggi anche...



News Calabria
Coronavirus. Al Policlinico di Catanzaro tre morti...

Sono tre i pazienti morti nel reparto di Malattie infettive del Policlinico Universitario...


Cultura, eventi, spettacoli e sport
L’uomo di oggi tra storia e fede: RIFLESSIONE...

Attualmente, per la situazione che stiamo vivendo, in presenza del coronavirus, non ci...


News
CORONAVIRUS. BOLLETTINO DELLA REGIONE CALABRIA 31 MARZO

In Calabria ad oggi 31 marzo sono stati effettuati 7661 tamponi. Le persone risultate positive...


News Calabria
PRC: «CONTRO IL CORONAVIRUS NON AFFIDIAMOCI ALLA...

Ad una gestione dissennata, di anni, della sanità calabrese si accompagna,in questi giorni...