tuttiisanti-800x400
1 novembre 2018

Copertina

La festa di Ognissanti, quando il Cielo e la Terra si incontrano


Oggi primo novembre è il giorno di Ognissanti, chiamato anche Tutti i Santi, festa che celebra tutti i santi della tradizione religiosa cristiana.

Fu Papa Gregorio IV nell’835 a scegliere il primo giorno di novembre da dedicare a tutti i gli Apostoli, i Santi, i Beati, i Martiri e i Confessori della Chiesa cattolica, mentre il Papa Sisto IV nel 1475 rese la festa di Ognissanti obbligatoria per tutta la cristianità.

Questa celebrazione ha però radici molto più antiche, probabilmente derivano dalla cultura celtica che divideva l’anno in due periodi, quello estivo della nascita e del rigoglio della natura, e quello invernale, dello stato di quiete e di morte apparente della terra.

I periodi venivano celebrati il primo a maggio, Beltane, il secondo ad ottobre, Samhain, festa dalla quale discende direttamente l’anglosassone e attualissima Hallowen. Una notte magica, l’unica in cui sulla terra è aperto il passaggio per l’aldilà.

Anche i Greci avevano feste simili dedicate ad Ade e Persefone e un culto dei morti importante che ha lasciato tracce evidenti soprattutto nel Sud Italia, così come i Romani che in autunno inoltrato celebravano Pomona, per ringraziare gli Dei dei doni ricevuti dalla Terra.

Quando i Romani conquistarono la Gallia (di tradizione celtica) Cesare decise di integrare le due feste e stabilì una data unica, cioè la notte il 31 ottobre e il primo novembre. Questa notte magica veniva chiamata Nos Galan-Gaeaf, cioè Notte delle calende d’inverno, momento di contatto tra il mondo dei vivi e quello dei morti.

Con l’avvento del Cristianesimo al significato di questa, che era una festa agricola, la Chiesa vi aggiunse un senso più spirituale e religioso di commemorazione vera e propria dell’aldilà.

Per togliere ogni residuo di paganesimo celebrò in diversi periodi i Santi e i Beati e per lungo tempo la festa pagana e quella cristiana si affiancarono. Solo nell’835 Papa Gregorio IV, per diminuire ancor di più il peso dell’antico culto precristiano, le fece coincidere scegliendo per Tutti i Santi il 1° novembre di ogni anno, festa che cadeva nel giorno successivo alla notte delle pagane Calende d’inverno.

Nel X secolo la Chiesa introdusse la nuova festa dedicata ai defunti, scegliendo la data del 2 novembre ma gli antichi culti pagani in qualche modo continuarono a sopravvivere e a giungere fino a noi nelle tradizioni popolari e gastronomiche, che sottolineano in tanti modi l’unicità di questo momento d’incontro tra la Terra e il Cielo.


Leggi anche...



Cultura, eventi, spettacoli e sport
Scuola. Decreto Inclusione: i Partigiani della...

I Partigiani della Scuola Pubblica esprimono alcune loro perplessità in merito...


Cultura, eventi, spettacoli e sport
A Catanzaro il 29 maggio il «Festival dello...

Torna a Catanzaro il Festival dello Sviluppo Sostenibile promosso da ASviS, la più grande...


News Lamezia e lametino
Lamezia Terme: Premio nazionale di musica ad...

Grande successo per l’orchestra della scuola media di Pianopoli, che fa parte...


Salute, benessere e ambiente
TUTTO PIZZA 2019: Il maestro pizzaiolo Sorbillo...

Continua l’avanzata della nutraceutica del food tramite un prodotto tradizionale come la...