immagine-grignoli
23 settembre 2021

BLOG-le firme di Reportage

La forza positiva della nostalgia: consigli per sfruttarla al meglio


Cos’è la nostalgia? È qualcosa che tutti sperimentano o c’è qualcuno che non conosce questo sentimento? Qual è la differenza tra nostalgia e depressione? Quali sono le funzioni della nostalgia e perché è così importante? Gli esperti di Guidapsicologi.it ci spiegano quali sono i benefici della nostalgia per la nostra salute mentale, come usarla in modo positivo, e ci danno alcuni consigli per imparare a trasformare quella sensazione di perdita in una forza che ci spinge in avanti.

Cos’è la nostalgia?

Nel suo senso etimologico, la parola nostalgia deriva dal greco νόστος (nostos = ritorno) e ἄλγος (algos = dolore). Questo termine fu coniato per la prima volta dallo svizzero Johannes Hofer nella sua tesi medica scritta nel 1688 per descrivere cosa provassero i soldati quando erano fuori casa. La nostalgia oggi può essere definita come una sensazione di dolore o tristezza che si prova quando si ricorda un momento, una persona o un luogo che ci ha reso felici in passato e che non fa più parte della nostra vita. È comune provare nostalgia quando ad esempio lasciamo la casa dove siamo cresciuti per diventare indipendenti, quando perdiamo una persona cara o quando stiamo attraversando una situazione difficile della nostra vita.

La nostalgia è qualcosa che tutti sperimentano o c’è chi non conosce questo sentimento?

Sebbene la nostalgia sia stata un fenomeno ampiamente studiato sin dalla sua scoperta, ci sono ancora molti studi da fare per rispondere con precisione a questa domanda. Quello che possiamo dire ad oggi, è che la nostalgia è un sentimento universale, le sue caratteristiche si sono rivelate identiche in qualsiasi parte del mondo, e i temi sono solitamente gli stessi in qualsiasi cultura: ricordi di amici e familiari, compleanni, matrimoni, canzoni, vacanze e momenti importanti nella vita delle persone. È stato scoperto che anche i bambini di sette anni ricordano con affetto esperienze come i loro compleanni o le vacanze passate. In condizioni di buona salute mentale, si è in grado di provare nostalgia, anche se non tutti la sentono nella stessa misura. Ad esempio, chi ha una personalità nevrotica sicuramente sperimenterà più intensamente questo sentimento rispetto a chi ha un disturbo evitante di personalità. D’altra parte, essendo la nostalgia un sentimento, per le persone che soffrono di disturbi come la psicopatia o la sociopatia sarà difficile o addirittura impossibile provarla, poiché la loro gamma di emozioni può essere molto ristretta. Ci sono molti aspetti importanti da studiare riguardo alla nostalgia, e siamo sicuri che in futuro potremo rispondere a questa domanda in modo molto più concreto.

 

Nostalgia e depressione

La principale differenza tra nostalgia e depressione è che la depressione è un disturbo psicologico, mentre la nostalgia è uno stato mentale temporaneo. La nostalgia a volte può apparire come un sentimento di tristezza, ma non dovrebbe mai essere confusa con la depressione, poiché la tristezza è solo un sintomo della depressione. La depressione è un grave disturbo psicologico che deve essere diagnosticato e trattato da un professionista, a volte con farmaci psicotropi a supporto della terapia psicologica. I test di neuroimaging hanno dimostrato che il cervello di una persona che soffre di una condizione depressiva si comporta in modo diverso dal cervello di una persona sana, poiché in alcune aree mostra un livello di attivazione inferiore. Inoltre, i livelli di serotonina in queste persone sono inferiori rispetto alle persone che non soffrono di depressione. Una persona con nostalgia, o tristezza, non subisce cambiamenti così radicali o duraturi nella sua attività cerebrale. Pertanto, sebbene i primi scienziati che hanno studiato la nostalgia pensassero che fosse una malattia neurologica correlata alla depressione, o addirittura che potesse essere un sintomo di essa, ora è stato dimostrato che non è così. Gli ultimi studi a riguardo mostrano che, lungi dall’essere un sintomo di depressione, la nostalgia può diventare un mezzo per contrastarla. La nostalgia non provoca sempre sentimenti negativi, molte volte ricordare momenti felici del passato può aiutare a sollevare il morale e aumentare i sentimenti di ottimismo.

 

Quali sono le funzioni della nostalgia e perché è così importante

Negli ultimi 300 anni, il ruolo della nostalgia nella vita delle persone è stato studiato sempre più a fondo. Gli ultimi studi dimostrano che la nostalgia ha diverse funzioni, alcune delle quali si rivelano molto importanti per il nostro benessere emotivo. Scopriamoli di seguito:

  1. Fa sì che ci si aggrappi di più alla vita dandole un maggior significato. Sapere che la vita può regalarci ancora una volta momenti felici come quelli vissuti in passato ci aiuta ad andare avanti. Inoltre, ricordare come eravamo e confrontarlo con come siamo ora può darci un senso di identità e continuità che ci guida in nuove esperienze.
  2. Ci aiuta ad affrontare meglio il futuro. La nostalgia ci prepara a vivere esperienze simili a quelle vissute in passato, e ci aiuta ad avere una visione ottimistica del futuro, sperando che il risultato di queste nuove esperienze sia positivo come quello del passato.
  3. Ci motiva ad andare avanti. Ricordare le situazioni che abbiamo superato con successo in passato e sapere che possiamo usare le stesse strategie in futuro per superare altre situazioni che si presentano ci fa sentire forti e al sicuro.
  4. Contrasta le emozioni negative. A volte, quando stiamo attraversando un momento difficile della nostra vita, rivivere momenti felici del passato (a patto di non lasciarci trasportare da essi) può aiutarci a sentirci più allegri e ottimisti e contrastare i pensieri negativi che ci assalgono.
  5. Ci insegna a valorizzare di più il qui e ora. Sapere che forse in futuro ricorderemo questi momenti con nostalgia ci fa desiderare di viverli più pienamente e sfruttare al meglio ogni istante felice del presente.
  6. Rafforza le relazioni sociali. La nostalgia ci fa ricordare i momenti positivi e mettere da parte quelli negativi, così può incoraggiare due persone che non si parlano da molto tempo a voler riprendere il rapporto, sia esso di amicizia, amore o famiglia, spinti dal desiderio di rivivere i bei momenti del passato.

 

Suggerimenti per imparare a usare questa sensazione e la sua forza in modo positivo

La nostalgia può svolgere una funzione fortemente benefica per la nostra salute mentale se impariamo a trarne vantaggio. Ecco alcuni consigli per trasformare quella sensazione di smarrimento in una forza che ci spinge in avanti.

  1. Ricorda i momenti che ti trasmettono positività. Si può arrivare a pensare che ricordare momenti felici del passato sia qualcosa di negativo poiché ci ricorda che quel momento di felicità è già passato e chissà se accadrà di nuovo. Invece è proprio il contrario: se ricordiamo momenti vissuti che ci rendono felici, come il giorno in cui ci siamo laureati, quel concerto in cui ci siamo divertiti tantissimo, il momento in cui il nostro animale domestico più amato è tornato a casa o quelle vacanze indimenticabili, sicuramente verremo invasi da una piacevolissima sensazione di benessere e gioia, che pur provenendo dal passato, agirà sul nostro presente.
  2. Inizia ad apprezzare il qui e ora. Se non diamo abbastanza valore al presente e vediamo continuamente gli aspetti negativi della nostra vita, è normale che ci sentiamo profondamente tristi quando ricordiamo i momenti felici che abbiamo vissuto in passato. Ma se impariamo a guardare al presente con positività, valorizzando i momenti felici che viviamo e le belle persone che abbiamo intorno, il passato non sarà più un luogo così triste per noi, e potremo ricordarlo senza dolore.
  3. Cerca insegnamenti nelle esperienze passate. Tutte le esperienze vitali della nostra vita, positive o negative che siano, alla fine ci insegnano qualcosa, e questi insegnamenti possono essere molto utili in futuro quando si vivranno situazioni simili. Può essere una cosa molto positiva saper guardare indietro al passato e chiedersi, cosa mi ha insegnato quell’esperienza? Come potrei trarne vantaggio nella mia vita presente o futura?
  4. Impara a dare valore alle persone della tua vita. A volte ci sentiamo tristi quando ricordiamo momenti felici con persone che sono ancora nella nostra vita, ma con le quali forse, a causa di alcune circostanze, il rapporto non è così intenso come prima. Non è mai troppo tardi per esprimere a queste persone il valore dei momenti felici trascorsi insieme e per far loro sapere quanto e cosa significano per te.

 

 

 

 

 

 


Leggi anche...



News
Covid, da Russia a Gb rischio contagi: torna...

Mentre in Italia è ancora acceso il dibattito sul Green pass Covid obbligatorio nei luoghi di...


News
Falsi nei bilanci, indagati sindaco di Palermo...

La Procura di Palermo ha iscritto nel registro degli indagati il sindaco Leoluca Orlando e...


News
Terza dose vaccino covid, ok Fda a...

Terza dose si vaccino anti covid, la Food and Drug Administration statunitense ha dato il suo...


News
Gabby Petito, trovati resti umani vicino a effetti...

Caso Gabby Petito, l'Fbi ha rinvenuto "resti umani non identificati'' nella zona di Tampa, in...