felici-e-conflenti1-1
23 dicembre 2018

Copertina

La Strina calabrese, il senso antico del Natale in un canto di gioia. Il testo completo


Ohi fhà… ohi fhà/ tu ‘a strina’ m’hai di fhà/e si ‘a strina un mi la fhài/un mi muaticu di ccà!… sono questi i primi versi della Strina calabrese, il tipico e antico canto beneaugurante del periodo che va da Natale all’Epifania.

Una bellissima tradizione popolare che esprime tutto il senso antico di un Natale che forse non c’è più, in cui la gioia per l’annuncio della nascita di Gesù si mescolava ai buoni auspici per la famiglia, per il lavoro e le cose più care di un tempo, e cioè la terra e gli animali.
La Strina (di cui esistono tante versioni diverse a seconda della località) si cantava e si canta ancora durante le festività natalizie, in particolare nel periodo che va da San Silvestro all’Epifania (ma anche a Natale in alcuni territori), per portare gli auguri di buon anno ad amici e parenti ed è simile in tutta la regione.

Gruppi di giovani e meno giovani chiamati strinari, muniti di organetto o altri strumenti anche casalinghi, la sera vanno in giro e bussano alle porte di parenti e amici, suonando strumenti tradizionali (chitarra, organetto e tamburelli) e cantando in coro versi beneaguranti. In genere vengono fatti accomodare dai padroni di casa e viene offerto loro da mangiare e da bere, ma se la porta non viene aperta gli strinari vanno via cantando simpatici improperi.

La Strina è una tradizione antichissima, un canto di questua dal sapore vagamente orgiastico probabilmente derivante dai riti di propiziazione origine pagana, ai quale poi si è aggiunta la celebrazione della nascita di Cristo.

Qualche storico ha visto un illustre prototipo della Strina nella poesia giambica greca, ma in ogni caso la Strina risale a un’epoca in cui il canto e la musica accompagnavano non solo il ciclo della vita di ogni singola persona, ma anche quello dell’intera comunità. Era il canto esorcizzante e benaugurante che accompagnava la nascita del nuovo anno e scacciava il male che avrebbe potuto manifestarsi.

Il nome Strina del resto deriva da Strenna, la dea dei Romani preposta ai doni, che consistevano in cestini colmi di frutta, fiori, dolci coperti col miele che si offrivano agli dei, a parenti e amici all’inizio del nuovo anno.
Annamaria Persico

‘A Strina (testo tradizionale lametino)
‘Mpena arrivatu salutu li mura
e pua salutu a vue’ cari patruni.

Rit. : ohi fhà… ohi fhà …
tu la strina’ m’hai di fhà
e si a’ strina un mi fhai
un mi muaticu di cca’! …

Mazzu di juri e mazzu di jurilli
prima alli randi e pue alli piccirilli … Rit.

Fhammi la strina chi mi suali fhari
chilla di Capudannu e di Natale … Rit.

‘Unn’è brigogna si cantu la strina
‘a strina a cantau Gesu’ Bambinu … Rit.

Fhammi la strina e fhammilla di fhicu
mu ti sta’ buanu stu biallu maritu … Rit.

Fhammi la strina e fhammilla di meli
mu te sta ‘bbuanu sta bella mugghjeri … Rit.

E di Francischiallu mi ‘ndavia scurdatu
ch’era ‘llu juri di lu parintatu … Rit.

Ammianzu sta’ casa ci cantau ‘nu gallu
‘a rrobba mu te trase ccu’llu carru … Rit.

Ccha’ Diu te mandassi tantu granu
quantu ‘ndi fhici Cutru e Corigghjanu …Rit.

Cchi’ Diu te mandassi tantu vinu
quant’acqua porta ‘llu jummi allu pendinu … Rit.

‘Un ffare mu mi vuatu a Santu Ruaccu
ch’a nive m’ha arrivatu allu dinuacchju … Rit.

‘Un ffare mu mi vuatu a Santa Vitu
ch’a nive m’ha arrivatu allu villicu … Rit.

Cala priastu e non tardà
ca la strina m’ha di fhà … Rit.

Viju nà lucicella vascia vascia
dammu ti pigghj li manu alla cascia … Rit.

Si ‘lu tizzune fhusse i rivuattu
lu sacciu certu ca siti allu liattu … Rit.

Pigghja le cose e ‘ncignate a bbistire
fha chianu chianu dammu ti fhà male … Rit.

Ammianzu stà casa cci pende ‘na catina
mu puazzi fhari ‘na fhiggja reggina… Rit.

Ammianzu stà casa cci pende nu catu
mu puazzi fhari nu figghju abbucatu … Rit.

Siantu lu sgrusciu di ‘nu tavulatu
criju ca mò scindi nu vuccellatu … Rit.

Siantu lu sgrusciu di nu manigghjune
criju ca mò scindi nu bbuttigghjunie… Rit.

Fhammi la strina e nun tardare cchjua
ca de fhriddu ‘nu su ggià muartu due … Rit.

E di ‘nu grubbu mi fhuju na gatta
jamunindi ca la strina è fatta! … Rit.


Leggi anche...



News Calabria
A Catanzaro si celebra la XXIV Giornata della...

Anche in Calabria, a Catanzaro, si celebra oggi 21 marzo 2019 dalle ore 9 la XXIV Giornata...


News Calabria
Sanità. Venerdì 22 marzo Convegno «La sanità...

Si terrà domani 22 marzo alle ore 17 presso il Centro Congressi Prunia di Lamezia il convegno...


News
Equinozio di primavera con la Superluna:...

Uno spettacolo raro che non riaccadrà prima del 2030 quello della Superluna di Primavera....


News
Benvenuta Primavera: tradizioni e simboli della...

Oggi 21 marzo si celebra l'arrivo della Primavera, la stagione più amata dell'anno. Si tratta...