foto-4-cantagalli-300x225
11 agosto 2019

News Lamezia e lametino

Lamezia Terme. Fiore Isabella su pericolo Cantagalli: «Nessun intervento dagli anni 60, attivarsi prima dell’irreparabile»


Mi associo alla denuncia di Fernando Miletta sui rischi “…di una ennesima tracimazione del torrente Cantagalli, in particolare nella zona a valle dell’ex comune di Sant’Eufemia Lamezia… “. Il fatto che, da anni, non venga più effettuata alcuna manutenzione, né ordinaria né straordinaria non può non produrre preoccupazione negli abitanti che ne osservano l’incuria ed il più totale abbandono. Rispetto agli aspetti toccati dalla documentata disamina di Fernando Miletta vorrei aggiungere alcune informazioni utili per avere un quadro, spero più completo, dello stato dell’arte.

Lo stato del torrente Cantagalli, che nasce a monte del centro storico di Sambiase e scende a valle interessando alcune zone a ridosso delle frazioni Acqudauzano, Gabella, Santa Maria e Crozzano, è in una fase di preoccupante dissesto. Nessun intervento, infatti, è stato attivato negli anni recenti, tant’è che le ultime opere manutentive risalgono a metà degli anni “60 del secolo scorso, allorquando furono edificate delle briglie che, introducendo salti di fondo, diminuivano, per tratti, la pendenza e quindi la capacità erosiva della corrente stabilizzandone le sponde.

Da allora nessun intervento concreto è stato predisposto per il risanamento dei luoghi. Al momento, una folta vegetazione invade il corso dell’acqua nella sua fase discendente fino all’ingresso nel rione “Miraglia” di Sambiase, dove la Provincia, negli anni scorsi, ha progettato e realizzato, con incassamento del torrente, una sopraelevata di accesso e di uscita dal centro abitato per il superamento del vecchio budello di via Domenico Porchio. Sarebbero sufficienti due alberi di pioppo, anche di quelli rinsecchiti, per ostruire l’attuale imbocco del corso dell’acqua, in casi malaugurati di piogge alluvionali di forte entità, per devastare l’abitato di Sambiase a ridosso del torrente medesimo e fino a Pitizzanni. Sarebbe utile conoscere, considerato che, nella logica degli interventi di regimazione e sistemazione fluviale, la tutela dei luoghi a valle non può prescindere dagli interventi idraulico-forestali da attivare a monte. Ad ogni buon fine, ritengo necessario che gli organi preposti alla tutela del territorio a livello regionale e locale, ivi compreso il consorzio di bonifica, si pongano la domanda se è il caso di intervenire in tempo, prima che accada l’irreparabile.
Fiore Isabella
(Già consigliere comunale PCI Lamezia Terme)


Leggi anche...



News Lamezia e lametino
Lamezia Terme. Tredicina di Sant’Antonio:...

Ringraziamo di cuore i fedeli che, con senso di responsabilità, attraverso le prenotazioni...


News
Malati cronici del lametino: «Ambulatori ospedale...

Non basta non riuscire ancora oggi a prenotare una visita in ospedale se non urgente. Non...


News
Il successo di BidiBee, l’app per gli...

Molte volte si parla di differenze tra nord e sud, e alcune volte queste differenze sono tali...


News Lamezia e lametino
Lamezia Terme. Milena Liotta: «Si metta in campo...

In un momento di fortissima crisi economica, con il rischio che interi segmenti di società...