cuccioli_cane-e-gatto
16 gennaio 2020

News Lamezia e lametino

Lamezia Terme. Nota della consigliera Maria Antonietta D’Amico e Amministrazione Comunale di Lamezia Terme su violenza contro gli animali


«Ancora una volta mi ritrovo a denunciare un vile gesto di violenza contro i cani.
Mi ero ripromessa di non intervenire per un po’, per lo meno non così immediatamente, sulla “questione animalista” seppure, come molti di voi sanno, sia molto sensibile al problema. E confermo il mio impegno a lavorare, come amministrazione, su una serie di attività per intervenire fattivamente sulla problematica del randagismo, predisponendo, iniziative a cui i giornali locali hanno dato ampio spazio proprio nei ultimi giorni.
Purtroppo stamattina mi sono giunte le foto dell’ennesima violenza (due nel giro di 24 ore!!!) su un cane randagio di cui si occupa la mia amica volontaria lametina, Clara Solla.
Come Lametina, come Madre, come Cittadina e come rappresentante dell’amministrazione sono fermamente convinta che vigliacche azioni del genere debbano essere denunciate e condannate! Si tratta di gesto in cui sono ravvisabili i reati di tentato delitto di uccisione di animali previsto dall’ art. 544-bis del Codice penale e punito con la reclusione da tre a diciotto mesi, o quantomeno quello di maltrattamento di animali, art. 544-ter (reclusione da tre mesi a un anno o multa da 3.000 a 15.000 euro).

Per questi motivi l’amministrazione che rappresento, per come già comunicatomi personalmente dal Sindaco, si costituirà parte civile nell’auspicata ipotesi di identificazione dei colpevoli e di celebrazione del processo.
Tenuto conto della stretta correlazione tra la violenza arrecata sugli animali e la pericolosità sociale di soggetti ignoti che agiscono in questo modo come Amministrazione ci impegneremo per prevenire e reprimere eventuali illeciti di tale portata, mediante controlli e forme di collaborazione con Autorità competenti. Si osserva che la competenza in tema di lotta al randagismo e tutela degli animali d’affezione è del Comune e che quest’ultimo ha diritto di chiedere il ristoro dei danni subiti in conseguenza di un fatto che costituisce reato, come prevede l’orientamento giurisprudenziale prevalente in quanto la richiesta di risarcimento del c.d. “danno all’immagine” trova proprio fondamento nell’ormai pacifico riconoscimento della titolarità di diritti della personalità anche in capo agli enti e nelle ammissioni al risarcimento della lesione che , sotto il profilo della turbativa dell’operato della P.A., il reato arreca al pregio, alla reputazione ed all’onore dell’Ente dell’interesse tutelato dalla norma penale violata è dalla legge incaricato (Cass. Sez.III n.35868 del 25.10.2002; Cass.Sez. I n.47469 dell’11.12.2003).
Danno all’immagine di una amministrazione che da subito si è impegnata e quotidianamente si impegna nel dare un volto nuovo alla città su questo tema.»

La consigliera Maria Antonietta D’Amico
Amministrazione Comunale


Leggi anche...



Blog
ROVISTANDO NEI CASSETTI di Fiore Isabella: «La...

Questa volta non mi sono risparmiato, andando al fondo di un cassetto dimenticato dove...


News
2 Giugno. CNDDU: «L’importanza storica della...

Il Coordinamento nazionale dei docenti della disciplina dei diritti umani intende ricordare,...


News Lamezia e lametino
Lamezia Terme. 74° anniversario della nascita...

L'Amministrazione Comunale di Lamezia Terme oggi 2 giugno, in occasione del 74° anniversario...


Cultura, eventi e spettacoli
Lamezia Terme: il nuovo inno a Sant’Antonio....

“Taumaturgo instancabile, Portatore del Verbo divino. Antonio, mite ed umile di cuore”....