thumbnail
23 aprile 2016

News

LCV decide di non investire più a Gioia Tauro. La Cgil ed il presidente della Regione Calabria chiedono al Governo d’intervenire


«LCV Capital Management ritratta gli impegni presi con il Governo per la realizzazione di un investimento in Italia nel campo automobilistico. Con un colpo di scena la società, che opera nella gestione di capitali attraverso fondi di investimento attivi esclusivamente sul mercato americano, ha stravolto gran parte del piano industriale già annunciato che avrebbe creato nella sua prima versione un’occupazione a oltre 1.500 lavoratori».

Così Salvatore Barone, responsabile delle Politiche industriali Cgil ha commentato l’incontro di giovedì scorso al Ministero dello Sviluppo economico, convocato per valutare, dopo quasi un anno di gestazione, il progetto per la produzione di un’autovettura «Made in Italy» rivolta al segmento C del mercato automobilistico europeo, da realizzarsi negli stabilimenti ex Isotta Fraschini a Gioia Tauro e ex OM di Modugno, in provincia di Bari.

«Un piano industriale», ha spiegato Barone «per il quale era previsto un finanziamento da parte di Invitalia per oltre 63 milioni di euro tra contributi agevolati e a fondo perduto, e che avrebbe occupato a regime 888 lavoratori a Gioia Tauro e 636 a Modugno, in aggiunta ai 114 previsti per la Holding facente capo alla società Tua Autowork appositamente costituita. I lavoratori interessati al progetto originario vivono da anni una situazione drammatica, gran parte di loro sono stati già licenziati per la chiusura delle precedenti società e per 190 dipendenti della ex OM Modugno scadrà a giugno la mobilità in deroga. Una situazione che dovrebbe consigliare il Governo a mettere mano fin da subito innanzitutto alle tutele sociali che gli ultimi provvedimenti sugli ammortizzatori hanno così gravemente compromesso».

«LCV ha infatti comunicato, in modo del tutto inusitato», ha proseguito il dirigente della Cgil «il taglio definitivo dell’investimento nello stabilimento di Gioia Tauro, giustificandolo con la necessità di contenere i costi che avrebbe comportato la doppia collocazione industriale. In alternativa nessun nuovo Piano è stato presentato, ma solo generiche ipotesi di decentramento della produzione in altre aziende italiane. Il governo si è limitato a prendere atto dello stravolgimento del Piano, non riconoscendo più di fatto i contenuti del Protocollo d’intesa che aveva sottoscritto il 1° luglio 2015 proprio nella sede del Mise tra l’allora ministro Guidi, le Regioni Calabria e Puglia, i sindaci e le organizzazione sindacali».

«Si è di fronte ad una situazione paradossale poiché, a seguito degli impegni presi, i dipendenti dello stabilimento calabrese avevano intrapreso corsi di riqualificazione lavorativa e per i quali la Regione ha già speso oltre 2 milioni di euro».

«Alla richiesta della Cgil di verificare l’attendibilità e la credibilità del progetto, la cui impostazione industriale risulta ora mutilata, si è risposto con la semplice indicazione di affidare a Invitalia il compito di esaminare una documentazione integrativa che LCV dovrebbe presentare per procedere al finanziamento dell’investimento nel solo stabilimento di Modugno. Una decisione che non solo ha lasciato attoniti Istituzioni e sindacati calabresi, ma che non risponde ad oggi neppure alla necessità di garantire per la realtà pugliese la credibilità e l’efficacia del residuo piano industriale, di cui non si conoscono più i reali contorni e che deve fare i conti con le criticità straordinarie del mercato dell’automobile, in particolare nel segmento C dove si registra una competizione all’ultima auto venduta tra i più grandi produttori europei e mondiali».

«Per questi motivi la Cgil chiede al Governo «un supplemento di valutazione sulle conseguenze del venir meno degli impegni di LCV. Occorre fare di tutto per evitare contrapposizioni tra aree del paese e lavoratori. Bisogna ricercare tutte le soluzioni per dare una prospettiva di lavoro per tutti bandendo ogni possibile guerra tra poveri. E’ quanto si aspettano i lavoratori di Gioia Tauro e Modugno e le comunità locali», ha concluso Salvatore Barone.

Sulla stessa lunghezza d’onda della Cgil, il commento del presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio: «Abbiamo già stigmatizzato immediatamente ed in termini netti contestiamo il comportamento dei rappresentanti del gruppo americano che ha sottoscritto il contratto di programma a seguito del quale la Regione Calabria ha attivato concreti impegni anche nel settore della formazione. Così come abbiamo preannunciato che la Regione si opporrà, in tutte le forme ed in tutte le sedi, all’interruzione senza validi motivi di una procedura già avviata. Auspichiamo anche un adeguato intervento da parte del Ministero competente che siamo fiduciosi non mancherà. Anche ed in primo luogo da parte dell’Amministrazione di “Invitalia” a cui è affidato il compito e la responsabilità di gestire i “Contratti di Sviluppo” e quindi la valutazione del progetto»


Leggi anche...



News Lamezia e lametino
Waste Water. Lamezia Rifiuti Zero: «Non possiamo...

Il termine "etica ", deve fare parte integrante e fondamentale del nostro essere uomini, deve...


News
CDM. Stop cartelle esattoriali fino a 31 gennaio,...

Via libera del Consiglio dei ministri al dl 'ponte' che proroga al 31 gennaio lo stop...


News
CRISI: verso il Conte Ter con esuli renziani....

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricevuto ieri pomeriggio al Palazzo del...


News Lamezia e lametino
Operazione Waste Water. Lamezia Bene Comune: «Su...

Il Movimento Lamezia Bene Comune accoglie positivamente la notizia dei primi risultati...