6a00d8341c684553ef014e8916a4a0970d-800wi
12 aprile 2020

Blog

L’Editoriale di Francesco Polopoli: «Jugale, Benigni ce lo ricorda. E noi!?»


Giufà è il famoso personaggio delle favole popolari e, per estensione, è anche il tipo credulone ed un po’sciocco.

Dopo la scomparsa di Giangurgolo, la maschera caratteristica della nostra regione, che per secoli si era accompagnata sulle piazze di tutta Italia insieme a Gianduia, Pulcinella, Balanzone ed Arlecchino, si impose il racconto delle balordaggini sottilmente sapienti di questo nuovo personaggio, detto più propriamente Jugale, e messo finanche in versi da Antonio Chiappetta.

Di questa macchietta (perché così è, se vi pare), il poeta cosentino Michele De Marco scriveva: «un tipo eccentrico, in apparenza quasi idiota, ma in definitiva ammantato di una certa sua genialità semplice, che fa perdonare e rende simpatiche le stramberie eterogenee».
giangurgolo
Comunque, facendo un breve salto nel tempo, più all’indietro, per il suo predecessore Giangurgolo ci fu una notevole considerazione negli spettacoli della Commedia dell’Arte tra i secoli XVII e XVIII tanto da riempire persino le strade, oggi sempre più occupate, invece, parliamo per le grandi città, da statue viventi ed artisti di ogni risma on the road.

Giangurgolo
In un’incisione dell’abate Jean-Claude Richard de Saint-Non che descrive “i dintorni di Reggio” è chiaramente visibile una scena drammaturgica, dove ne è appunto protagonista.incisione

Ma torniamo a Jugale! Chi era costui, nel dirla con un’espressione manzoniana? Nel ricondurlo a Gianni Boccalarga o Gianni Golapiena, caratterizzandone quasi immediatamente le peculiarità, sarebbe una persona dalle chiacchiere facili, uno spaccone stile Miles gloriosus plautino, oppure un uomo di grande ingordigia e fame. Insomma, un personaggio di molte parole e di pochi fatti, e perciò risibile, come un soggettone da Zelig! Diamone un racconto a questo punto, e ne ricostruirete facilmente le caratteristiche in una comunione di ilarità; piace pure al comico toscano Benigni, il che è un gran dire, gustiamocelo, allora:

Jugale e ra trippa
«Na vota ‘a mamma disse a Jugale:

– O Jugà, iu vaju a ru jume a lavare. Vide ca c’è ‘na trippa, mintila a cocere ca quannu tuornu n’a mangiamu. Te raccumannu: cocila bona!

Jugale mintiu ‘a cassarola cu l’acqua supra ‘u fuocu e ra trippa intra. Chiù tardu pe vidire si era cotta ‘a ‘mpilau cu na brocca e tutta a fetenzia e schicciau a ru mussu.

Quannu a mamma tornau le cuntau chi l’era successu, A mamma cominciau a gridare pue ce disse:

– Tu l’avia ‘e lavare bona bona, cu tanta acqua. Va a ra lavare, ma sulu duve c’è acqua assai.

Cussì Jugale parte, ma siccome l’acqua le paria sempre poca, camina camina arriva a ru mare. Finarmente, dice, ca ‘a puozzu lavare.
Lava e lava; dopu avire lavatu pe na matinata, penzau:
– E mo a chine domannu si è bona lavata?
Mentre guarda ‘ngiru vide na barca mienzu ‘u mare.
Allora se minte a gridare a ri pescaturi:
– A vue! a vue! lestu, lestu! Veniti ccà! Veniti ccà!
I piscaturi dicenu:
-Tornamu ‘nterra ca ha d’essere successu ‘ncuna cosa ‘e malu! c’è n’uominu chi pare disperatu.
Arrivati domannanu a Jugale:
-Chi t’è successu? Pecchì gridi tantu?
-Nente! Volia sulu sapire si sta trippa è lavata bona!
Pe tutta risposta i piscaturi piglianu i remi e ce fanu ‘na bona mazziata.
Jugale ciangiennu domanna:
Ma chi vaju fattu, ca me minati cussì?
-N’hai fattu perdere tiempu! Mo pe riparare grida sempre:
-Signure, facitili curriri!
– Allora Jugale, tuttu ruttu pe re lignate c’avia avutu, sinne va chianu chianu gridannu sempre:
– Signure, facitili currire! Signure, facitili currire!

Camina, camina arriva a nu vuoscu duve c’era nu cacciature appostatu pe pigliare nu riepule.
Jugale se minte a gridare:
– Signure, facitili currire! Signure, facitili currire!
Cussì ‘u riepule scappa e ru cacciature arrabbiatu s’abbicina e ru comincia a minare.
Jugale ciangiennu domanna:
Ma chi aju fattu? C’avia de dire?
Avie de dire:
Signure, facitili ammazzare!
Jugale se piglia ‘a trippa e sinne va ripetiennu:
Signure, facitili ammazzare!
Trova due chi se ‘mbriganu e comincia a gridare:
-Signure, facitili ammazzare!
Chiri due lassanu e se ‘mbrigare e vanu versu Jugale e ru comincianu a minare.
Jugale cu tutte l’ossa rutte, domanna:
– Ma chi avia de dire?
-Avie e dire:
-Signure, lassatili spartire!
Jugale, ciangiennu sinne va e arriva a ru paise. Passa davanti ‘a ghiesa e vide dui ziti cu tanta gente.
Allora comincia a gridare:
– Signure facitili spartire!
‘Un ve dicu chi fanu i parienti; s’abbicinanu e ci ne dunanu tante ca Jugale mancu se po moticare.
– Disgraziatu, ‘mbece de augurare bona fortuna a ri ziti,ce dice ‘mpemmu se spartenu!
Jugale ancora ciangiennu domannau:
– E chi avia de dire?
– Signure, facitili ridere! Oje è ‘na bona jornata!

Jugale piglia a trippa e si ne va.
Passa davanti a na casa duve c’era nu muortu. Allora comincia a gridare:
-Signure, facitili ridere. Oje è na bona jornata!
Allora a gente nesce fora e ci ne duna tante ca un be dicu.
Jugale restau mienzu muortu ‘nterra. Stavota le mancau a forza de domannare chi avia de dire.
Musciu, musciu tornau a ra casa. E ra trippa? A trippa ‘un l’avia chiù! cu tante mazziate chisà duv’era finuta!
Cussì quannu tornau a ra casa a mamma ce dunau ‘u riestu».
Che altro aggiungere: «bona lavata sta trippa», ahahah!
(rielaborazione dal racconto orale di A. Coltellaro)

Comunque, per concludere, siamo diventati tutti «Jugali sti casi casi», almeno in questo periodo di Quarantena, mi sa! Servirà uno svezzamento, poi, o una cura!
Francesco Polopoli


Leggi anche...



News Calabria
Zibibbo di Calabria sulle pagine del New York...

"Non ricordo di aver visto lo zibibbo da nessuna parte", ha scritto il noto critico Eric...


News
Fase 3. Bonus 600 euro: le novità

Novità sul bonus da 600 euro introdotto per tamponare le conseguenze economiche...


News
Decreto liquidità. La resistenza delle banche...

“Dall’entrata in vigore del Decreto liquidità ad oggi, nonostante denunce, proteste e...


News Calabria
Almeno il 70 % degli stagionali a casa...

Senza soluzioni strutturali per il sostegno al reddito sarà un’estate da incubo per gli...