Microsoft Word - Qualche sgorbio in mostra.docx
23 febbraio 2020

Copertina

L’Editoriale di Francesco Polopoli: «Qualche sgorbio in mostra»


Beh, è lo sdoganamento di qualche mostro iconizzato, se così si può dire! Ci ha pensato un artista bambino, Joe Whale, un talento innato con la passione per i disegni.

I suoi erano letteralmente cacassòtta, come diciamo dalle nostre parti. In altri termini sgorbi, ghirigori, imbratti, schizzi informi (es. «ha linchjutu u quadern’i ‘cacassotti!», «hai riempito il quaderno di scarabocchi»). Gli insegnanti lo hanno finanche etichettato come poco intelligente, inadatto ad esprimersi e a rappresentare la realtà fenomenica: certo non poteva essere un Kant, sarebbe stato inimmaginabile alla sua età!

Era un piccolo filosofo, questo sì che lo possiamo dire, come del resto ogni nostro cucciolo che prova a ricostruire questo mondo selvaggiamente adulto. Ad incoraggiare il piccolo, fortunatamente, ci sono sempre stati i suoi genitori, che hanno guidato il loro figlio, affinché seguisse le proprie attitudini senza vincolarlo assolutamente nelle scelte. Per quanto i canali mediatici abbiano fatto la loro parte, Instagram da aprifila, ad esempio, in men che si dica il suo spazio creativo è diventato pervasivo in lungo ed in largo.

Oggi i figurini di Joe sono diventati virali e vengono presentati in svariati corsi e convegni d’arte: come se non bastasse, il garzoncello scherzoso, di anni 9, ha conseguito pure un ingaggio lavorativo con un bel gruzzoletto. Penso al ristorante “Number 4” di Shrewsbury che recentemente gli ha commissionato di decorare intere sale con i suoi stilizzati lavori artistici: 11 ore per il nostro “Doodle Boy”, come è stato simpaticamente soprannominato, mentre si sbracciava liberamente sulle pareti del locale. Altro che Spiderman! Quanto mi vien da dire, in barba a questa storia, senza essere barboso, è che spesso c’è un’impercettibile intelligenza artistica che passa inosservata: è più facile essere censori piuttosto che posare lo sguardo dell’oltre leopardiano. Eppure il riconoscimento e il valore si misurano quando vanno al di là di quella siepe Recanetese: o ci assiepiamo dentro il recinto del bigottismo? Quindi, con la dovuta cautela, cacassuttijari è la coniugazione verbale dell’Infinito: ben fece, allora, Leopardi a regalarci non poche cancellature del Bello.
Francesco Polopoli


Leggi anche...



News Calabria
Coronavirus. Al Policlinico di Catanzaro tre morti...

Sono tre i pazienti morti nel reparto di Malattie infettive del Policlinico Universitario...


Cultura, eventi, spettacoli e sport
L’uomo di oggi tra storia e fede: RIFLESSIONE...

Attualmente, per la situazione che stiamo vivendo, in presenza del coronavirus, non ci...


News
CORONAVIRUS. BOLLETTINO DELLA REGIONE CALABRIA 31 MARZO

In Calabria ad oggi 31 marzo sono stati effettuati 7661 tamponi. Le persone risultate positive...


News Calabria
PRC: «CONTRO IL CORONAVIRUS NON AFFIDIAMOCI ALLA...

Ad una gestione dissennata, di anni, della sanità calabrese si accompagna,in questi giorni...