libro-viaggio-2
2 dicembre 2019

Cultura, eventi, spettacoli e sport

Libri. il “Viaggio” di Cannone che fa riflettere sulla condizione umana. L’ultimo libro dello scrittore lametino presentato nel Vibonese


Un incontro ricco di significati e di profonde riflessioni “sulla condizione umana, sul potere economico-finanziario; sulle multinazionali che dominano il nostro pianeta; sui sentimenti e sulle nostre angosce quotidiane. Sulla mafia e sul consumismo, sulla nostra coscienza che si interroga; sulle nostre passioni, sulla politica e su un mondo alla deriva che ci obbliga a pensare al prossimo come un nemico e che fa dell’individualismo esasperato un modello da seguire in un’umanità priva di valori”.
Di questo e di tanto altro si è discusso a Sant’Onofrio alle porte di Vibo Valentia, nel corso della presentazione dell’ultimo libro dello scrittore e giornalista lametino, Antonio Cannone, “Viaggio tra i destini paralleli della mia Terra”.

Dibattito partecipato con numerosi interventi da parte di un pubblico attento e interessato alle tematiche del libro di Cannone che ha interagito spiegando i contenuti della sua opera partendo da “quelle vite parallele che ognuno di noi incontra – ha evidenziato – e che sono di fatto ciò che è il nostro vissuto. Questo lavoro è la coscienza mia, ma credo un po’ di tutti noi, che ci interroghiamo sul vivere quotidiano, su ciò che è giusto o sbagliato, sulle relazioni, sulla nostra esistenza, sulla fede, sulla morale, sulla morte. E tutto, partendo dal tempo che passa e da ciò che noi, venendo al mondo, incontriamo e che già percepiamo all’interno del grembo di nostra madre. Ovvero, un’umanità fatta già da altri prima di noi e alla quale ci adattiamo per poi, durante il corso della vita, contribuire a costruire, cambiare, migliorare o peggiorare”. Ad introdurre la serata, il sindaco del centro vibonese, Onofrio Maragò che ha parlato della sinergia con l’Associazione “L’Isola che non c’è” e dell’impegno dell’Amministrazione da lui diretta nel campo del sociale. Ad illustrare l’opera di Cannone, lo storico vibonese, Michele Furci che non ha esitato a definire il libro “un testo profondo e semplice allo stesso tempo, che abbraccia argomenti a noi tutti cari e che viviamo quotidianamente. Un intelligente punto di vista sul presente che aiuta a riflettere e ad interrogarci”. Per Concetta Silvia Patrizia Marzano dell'”Isola che non c’è”, il messaggio del libro di Cannone “ha una valenza sociale di grande significato e ci dice delle verità sul mondo di oggi e sulle quali occorrerebbe aprire una discussione in ogni momento del nostro vivere”.


Leggi anche...



News
Scuola. Agli alunni disabili negata continuità...

Gentile Senatrice, sono un docente, pensionato di recente, per circa vent'anni impegnato nel...


Cultura, eventi, spettacoli e sport
Al Museo Marca «Memoria di un Giardino», mostra...

Memoria di un giardino è la prima mostra personale di Maria Luigia Gioffrè. Un percorso...


News Calabria
Conferenza stampa su “Crisi call...

Il settore dei call center è uno dei più esposti ai problemi della delocalizzazione e della...


News Calabria
BASTA VITTIME: «IL COORDINAMENTO TERRITORIALE DI...

Il Direttivo dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” denuncia...