Nicola Mastroianni
11 giugno 2018
Nicola Mastroianni

Opinioni

Mastroianni (Pd): «Dopo sette mesi di gestione commissariale, Lamezia è ancora nel baratro più totale»


Non aiuta il rapporto con la citta l’atteggiamento autoassolutorio della terna commissariale, che non può che trasformarsi, con il trascorrere del tempo in una valutazione di incapacità amministrativa ad affrontare, dirimere e risolvere la complessità dei problemi strutturali della città, soprattutto dinanzi alle istanze legittime dei cittadini e degli operatori economici in forma singola o associata che, a quanto pare, rimangono puntualmente disattese o addirittura censurate senza possibilità di confronto e contraddittorio.

Siamo consapevoli che i problemi sono quasi tutti eredità del passato ma, dopo circa sette lunghi mesi dallo scioglimento del Consiglio comunale, la città è ancora nel baratro più totale.

La disponibilità dei Commissari ad incontrare i cittadini accompagnata però dalla chiusura totale nel merito hanno creato un diffuso clima di sfiducia ancora più marcata anche nei confronti dello Stato ed una forma di rassegnazione per quello che appare un evidente peggioramento della qualità della vita a causa del decadimento e dello sconforto generale, del degrado ambientale e dello stato di abbandono che regna sovrano in ogni angolo della città.

Una situazione sociale ed economica, quella della città di Lamezia Terme, fortemente compromessa, istituzionalmente inefficiente e inadeguata ad aiutare il faticoso compito della città ad amministrarsi con rigore etico, morale e ordine amministrativo.

Strade dissestate con voragini che mettono quotidianamente a repentaglio la sicurezza stradale, semafori non funzionanti ormai da mesi, erbacce e arbusti di ogni genere che impediscono di camminare sui marciapiedi, rifiuti che invadono le strade a qualsiasi ora della giornata, impianti sportivi comunali chiusi, teatri comunali chiusi, piscina comunale chiusa, riduzione idrica nelle ore diurne e notturne, illuminazione pubblica carente di manutenzione, gestione del verde pubblico manco a parlarne, parchi e luoghi pubblici in stato di totale abbandono: in altri termini una comunità che si sta arrendendo perché sta perdendo la fiducia e la speranza.

Una città off-line che nell’immediato futuro rischia l’effetto implosione sociale aggravato dal possibile e mai scansato rischio dissesto finanziario delle casse comunali.

E’ fin troppo evidente la gravità e le conseguenze della situazione sotto il profilo sociale ed economico per il futuro della terza città calabrese se nel particolare e difficile momento non vengono adottate misure di salvaguardia, di guida e di sostegno concreto dagli enti e dalle istituzioni sovracomunali.

Ne consegue quindi l’urgente necessità di un intervento di tutte le organizzazioni politiche, sociali, economiche, professionali, culturali e sportive che si riconoscono nei principi democratici a sollecitare e pretendere una maggiore disponibilità, sui problemi, dei Commissari ed allo Stato, una maggiore attenzione verso Lamezia.
Nicola Mastroianni
ex consigliere comunale Pd Lamezia Terme


Leggi anche...



Cultura, eventi e spettacoli
Arrivederci Trame! Savatteri: «Lamezia Terme...

Oltre 15 mila presenze di pubblico, 80 ospiti provenienti da tutto il mondo, 24 libri...


News Lamezia e dintorni
Curinga: al via i lavori di manutenzione delle...

Sono iniziati i lavori di manutenzione ordinaria e di sfalcio dell’erba delle strade...


News
Cattedrale di Catanzaro, Oliverio scrive al...

Il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, in relazione ai lavori della cattedrale...


News
Risultati amministrative 2018: M5S in stallo, Pd...

Nel secondo turno delle amministrative di ieri 24 giugno sono stati chiamati alle urne 2,8...