NEVE-AGRIFOGLIO-PETTIROSSO
22 dicembre 2019

Cultura, eventi, spettacoli e sport

Oggi solstizio 2019: misteri, curiosità e tradizioni della festa dell’Inverno


Oggi, domenica 22 dicembre alle ore 5:19, la Terra si è presentata puntuale all’appuntamento astronomico del solstizio d’inverno.
Il solstizio, dal latino sol (sole) e stitium (sistere cioè fermarsi), ci porta ufficialmente nella stagione invernale ed è in astronomia il momento in cui il sole, nel suo moto apparente lungo l’eclittica, raggiunge il punto più basso all’orizzonte, dando luogo al giorno più breve dell’anno con 9 ore e 7 minuti di luce. Dal 22 dicembre in poi però, e fino al solstizio d’estate del 2020, le ore di luce inizieranno di nuovo pian piano ad aumentare.

La notte più lunga del 2019 durerà un’ora in meno al Sud rispetto al Nord e, nuvole permettendo, permetterà di osservare le ultime stelle cadenti dell’anno, le Ursidi.

Il solstizio d’inverno ancor oggi così come nell’antichità, continua ad avere un fascino misterioso e a rappresentare un momento molto importante nella vita di tutti, una sorta di passaggio dal buio alla luce, dalla morte alla vita, che veniva celebrato dalle popolazioni di ogni latitudine del mondo con rituali trasformati poi nelle tradizioni natalizie che ancor oggi conosciamo.

Erano culti di concezione solare, dai Celti con i loro rituali che si svolgevano presso i monoliti di Stonehenge, Yule degli antichi popoli germanici fino al Sol Invictus dei pagani, ai Saturnalia dei Romani e al Natale dei cristiani.

Soprattutto dei Saturnalia romani, secondo Catullo i giorni più belli dell’anno, e quindi allo scorrere del tempo, troviamo tracce importanti nelle nostre tradizioni natalizie. Dal 17 dicembre fino a gennaio nell’antica Roma c’erano le feste di Eponalia, Opalia, Sigilllaria, Divalia, Larentalia e altre ancora.

In quei giorni era concesso di tutto, in un clima di otium piuttosto goliardico: grandi mangiate, addirittura degli schiavi coi padroni, scambio di auguri, piccoli doni, figurine in terracotta e cera e pane di tante qualità. E nelle case, illuminate da candele che stavano accese per tutto il tempo della festa, si trascorrevano le giornate fra banchetti a base di maialini arrosto, bagni caldi e lunghe partite a dadi.


Leggi anche...



News Lamezia e lametino
Lamezia Terme. Medici continuità assistenziale:...

I medici di continuità assistenziale, in servizio presso la postazione di C.A. di Nicastro...


News Calabria
Strutture socio-assistenziali Calabria: «Invitiamo...

L’ordine del giorno 26 Marzo del Consiglio Regionale, che invita la Giunta regionale a...


News Calabria
Coronavirus Lamezia.Tribunale per i diritti del...

Nel pieno dell’emergenza coronavirus, all’indomani di una delle giornate più tragiche...


News
Coronavirus. Speranza: «Misure confermate fino al...

Le misure varate per arginare la diffusione del coronavirus saranno "confermate fino al 13...