Il Convento della Riforma 
a San Marco Argentano (Foto di Angela Pulicano)
27 novembre 2018
Il Convento della Riforma a San Marco Argentano (Foto di Angela Pulicano)

News Calabria

Open Calabria: «Cervicati e San Marco Argentano, terza e importante fusione tra Comuni nella regione»


Giovedì 22 novembre, nella gremita sala consiliare del comune di Cervicati, si è svolto un incontro divulgativo sul progetto di fusione tra San Marco Argentano e Cervicati. Dopo l’istituzione di Casali del Manco, risultante dalla fusione tra Casole Bruzio, Pedace, Serra Pedace, Spezzano Piccolo e Trenta, e di Corigliano-Rossano, si tratterebbe della terza fusione tra comuni in Calabria (al netto di Lamezia Terme).

L’incontro è stato coordinato dal sindaco di Cervicati Massimiliano Barci e ha visto la partecipazione di Gianfranco Donadio, in qualità di antropologo e etnografo, di Virginia Mariotti, Sindaco di San Marco Argentano, e del gruppo di lavoro sui comuni calabresi di OpenCalabria, rappresentato da Francesco Aiello, Francesco Foglia e Michele Mercuri.

Gli obiettivi dell’evento erano due: da un lato, il gruppo di lavoro di OpenCalabria ha illustrato alcuni risultati preliminari legati all’analisi economico-finanziaria dei bilanci dei due comuni. Dall’altro lato, si è discusso del probabile impatto sulla struttura delle spese e delle entrate derivante dalla creazione del nuovo ente.

In base ai dati del triennio 2013-2015, Cervicati ricade nella fascia di comuni ad elevata spesa pro-capite, a causa della sua ridotta dimensione che impedisce recuperi di efficienza nella gestione dei servizi ai cittadini.

In caso di fusione, si potrebbe osservare una riduzione delle spese procapite per gli abitanti di Cervicati, mentre la struttura delle spese procapite del nuovo comune, non dovrebbe discostarsi, in modo significativo e a regime, da quella di San Marco Argentano (la fascia di dimensione rimane inalterata).

Dal lato della struttura delle entrate, non si dovrebbero osservare sostanziali variazioni con le attuali configurazioni, poiché l’incidenza dei principali tributi locali (IMU, TASI, TARI, Addizionale IRPEF) è sostanzialmente analoga nei due comuni. Significativi sono i dati sulla raccolta differenziata. Entrambi i comuni raggiungono elevate percentuali di raccolta differenziata (nel 2017 73,84% a Cervicati e 77,4% a San Marco Angentano) e, quindi, le due comunità godono già della tariffa regionale più bassa per il conferimento dei rifiuti in discarica. Ciò significa che, a parità di altre condizioni, non dovrebbero registrarsi variazioni nella tariffa TARI post-fusione.
Il bonus fusione.

Dall’elaborazione dei dati relativi al contributo di solidarietà comunale e ad altri trasferimenti erariali ottenuti nel 2010 da Cervicati e da San Marco Argentano risulta che il nuovo comune otterrebbe un incentivo per la fusione pari a più di 1,6 milioni di euro all’anno. Questo bonus annuale verrebbe trasferito al nuovo comune per una durata di 10 anni a partire dalla sua istituzione e si aggiungerebbe ai trasferimenti statali ordinari determinando un incremento annuo del 93% dei trasferimenti erogati ai due comuni nel 2018, ossia prima della fusione.


Leggi anche...



News
Revocata la scorta fuori regione a Rocco Mangiardi:...

La nota stampa di Rocco Mangiardi in merito alla riduzione del servizio: "Colgo l’occasione,...


Cultura, eventi e spettacoli
TIP TEATRO: una settimana di grandi appuntamenti...

Oggi (lun 18 febbraio) alle 18:00 Leggere e scrivere a scuola e fuori Incontro con il...


News Lamezia e lametino
Erredi Think Green: «Un anno di Isola ecologica di...

Comunicato stampa relativo ai risultati ottenuti dall'ISOLA ECOLOGICA DI LAMEZIA TERME per...


News Calabria
D’Ippolito (M5S): «Ospedale di Lamezia in serio...

L’integrazione tra le aziende Mater Domini e Pugliese-Ciaccio di Catanzaro metterebbe in...