pendolari
5 febbraio 2019

News

Pendolari: in ritardo il 39%, cancellati il 2% dei treni su Milano, Roma. Inchiesta su oltre 2500 corse su Milano, Roma e Napoli


Ritardi cronici e cancellazioni funestano la vita quotidiana di chi va al lavoro scegliendo il trasporto su rotaia. Dall’indagine di Altroconsumo emerge che più di 250 treni in dieci giorni sono arrivati in ritardo anche di 20, 30, 40, 50, fino a 100 minuti. Quadro è peggiorato rispetto alla precedente inchiesta di Altroconsumo del 2015: i treni non puntuali sono aumentati del 6%. Oppure la corsa si è volatilizzata: cancellazioni per il 2% dei treni – 46 corse – su oltre 2.500 presi in considerazione.

La fotografia che emerge dall’indagine di Altroconsumo sui treni locali in nove stazioni di Milano, Roma e Napoli segnala un semaforo rosso costante e brutte notizie per chi deve rispettare la puntualità sul posto di lavoro. Per dieci giorni monitorati 2.576 treni al binario di arrivo: documentato per il 39% dei treni un ritardo di più di 5 minuti, per il 19% oltre 10 minuti e per il 10% oltre 15 minuti.

I risultati generali danno la cifra di una situazione pessima per i pendolari, senza miglioramenti. “Ho perso 14.400 ore di vita in 15 anni di ritardi di Trenord” – ha sbottato una pendolare sulla linea Carnate-Milano, sentita per l’indagine. Ogni città infatti ha una situazione a sé, sempre a tinte fosche. Milano e Napoli hanno le performance peggiori: i ritardi dai dieci minuti in su sono rispettivamente il 25% e il 24%. Mentre a Roma si scende all’8%. Risultati comunque da pesare: la Lombardia non va bene, ma è anche l’unica regione fra queste in cui c’è stato un aumento di pendolari (già tanti) – da 650mila al giorno nel 2011 a 735mila nel 2017 (+13%) – e che non ha ridotto le tratte (almeno, tra 2010 e 2017). Napoli registra gli stessi ritardi, con un peggioramento del quadro più macro in Campania: taglio del 15% dei treni tra 2010 e 2017 e riduzione dei pendolari (ora 279mila) del 40% rispetto al 2011. Nel Lazio la situazione è di stallo, con pendolari – 540mila – invariati negli anni.

Il caso Trenord è esemplificativo nella carenza cronica di puntualità di servizio: alcuni treni hanno fatto l’en plein: sono sette, tutti per Milano, sempre in ritardo ben oltre i 10 minuti. C’è poi il treno fantasma: il Luino-Milano Garibaldi, non è mai arrivato sei giorni su dieci. Forse sostituito da un bus ma il piano di efficientamento di Trenord non era ancora in vigore durante le rilevazioni. Il piano applicato dallo scorso dicembre prevede la riduzione di alcune linee serali e festive e la sostituzione di treni in orari non di punta con bus: 139 corse che trasporterebbero meno di 50 passeggeri; una misura scelta per far respirare un sistema sovraccarico che ha invece scatenato le proteste dei pendolari coinvolti. Altroconsumo ha incontrato Trenord e Regione Lombardia per segnalare le criticità del piano: capillarità del servizio, tempi di percorrenza più lunghi, rischi di minore puntualità. Nei prossimi mesi l’organizzazione di consumatori, che ha già vinto una class action contro Trenord per i disservizi emergenziali del dicembre 2012, seguirà il monitoraggio sull’efficienza del servizio chiedendo garanzie per gli utenti coinvolti. (Fonte www.altroconsumo.it)


Leggi anche...



Cultura, eventi, spettacoli e sport
A Ricadi il 19 agosto CAPO FESTIVAL: SAPORI, SUONI...

Nell’edizione 2019 del Capo Festival di Ricadi il turismo del gusto si esprimerà nella sua...


Cultura, eventi, spettacoli e sport
A Cortale il 19 agosto presentazione del libro «I...

Sarà presentato lunedì 19 agosto 2019 alle ore 21:30 nei Giardini Renilin Etichetta...


Cultura, eventi, spettacoli e sport
Premio La Giungla alla Riviera dei tramonti: un...

Sarà assegnato alla “Riviera dei tramonti”, il premio La Giungla 2019. La cerimonia di...


Cultura, eventi, spettacoli e sport
Santuario di Dipodi (CZ): aperto l’anno giubilare...

Con la solenne concelebrazione eucaristica della vigilia dell’Assunzione della Vergine...