18238675_1757225837628884_4226330116108190903_o
21 aprile 2020

Blog

Qualche gioco di logica del millennio scorso


di Francesco Polopoli
Detta così, sembrerebbe un discorso catapultato nei secoli: invece no, anche se, di fronte alla playstation, quanto rassegnerò è passatempo cestinabile, roba d’altri tempi, insomma!

Uno è il gioco del quindici: un rompicapo classico creato nel 1874 da Noyes Palmer Chapman, postino in servizio a Canastota, e popolarizzato nel 1880 da Samuel Loyd. Quest’ultimo descrisse per la prima volta il suo fifteen puzzle nel volume Sam Loyd’s Cyclopaedia of 5000 Puzzles, Tricks and Conundrums, pubblicato postumo nel 1914 dal figlio omonimo.

In che cosa consiste? È una tabellina di forma quadrata, su cui sono posizionate 15 tessere, numerate progressivamente a partire da 1, che vanno riordinate dopo averle “mescolate” in modo casuale. Mi è stato detto di esso matematizzandolo: «una qualunque sequenza di mosse che riporti la casella vuota nella posizione originaria comporta un riordinamento delle tessere che corrisponde in termini matematici ad una permutazione pari. Le permutazioni pari di un certo numero (nel nostro caso 15) di oggetti sono esattamente la metà di tutte le permutazioni possibili, che sono 15! (15 fattoriale), per un totale di 15x14x13x12x11x10x9x8x7x6x5x4x3 configurazioni possibili».

Capite da soli che a un certo punto la mia applicazione abbia fatto da tangente a questo gustoso papello, curioso solo delle mie mani e fiero (pure, sic!) di far parte ancora dell’età manuale. Non che ce l’abbia con quella digitale: solo che i nomi a volte mi dicono più cose, manuale è mano e digitale e dito, per esempio. Beh, a volte la parte dà meno del tutto, anche se qualcuno può dirmi che essere alla mano è toccare il cielo con un dito, vabbè! Altri giochi della mia generazione sono gli ottocenteschi jeu de puces e La Torre di Hanoi (o di Lukas) senza escludere l’ultimo-novecentesco cubo di Rubik: sarebbe triste vederseli in qualche mostra museale, non che non ne abbiano la dignità di starci, ci mancherebbe! Tuttavia un sano ritorno agli oggetti può restituirci la considerazione più reale di essere tuttora Soggetti, almeno credo!


Leggi anche...



News Lamezia e lametino
Lamezia Terme. Marco Ammendola (LBC): «Fondi...

In questo periodo storico, dove l'emergenza non è solo sanitaria ma anche economica e...


News Calabria
Sanità Calabria. «Numerosi errori nella...

“Numerosi errori nella stesura della graduatoria provvisoria dei medici di medicina...


News Calabria
Fisascat Cisl in piazza. Fortunato Lo Papa:...

Anche la Fisascat Cisl parteciperà alla giornata di mobilitazione nazionale “Ripartire dal...


News Calabria
Legacoop Calabria: via libera al bilancio. Oggi...

Via libera al bilancio della Legacoop Calabria. La direzione regionale, guidata dal presidente...