tavolo-relatori-a-pazzano
7 agosto 2019

Cultura, eventi, spettacoli e sport

«QUESTIONE MERIDIONALE A BRUXELLES»: i punti da esporre al Parlamento Europeo


“Per noi è importante dosare le politiche per la crescita in modo differente tenendo conto anche delle aree più disagiate e tra queste sicuramente c’è il nostro Mezzogiorno. Occorre un rilancio per il Sud e vogliamo il pieno sostegno dell’Europa”.
Queste le dichiarazioni del premier Giuseppe Conte rese all’incontro del 2 agosto con la nuova Commissaria Europea Ursula Van der Layer in visita a Palazzo Chigi.
Dichiarazioni rese all’indomani degli incontri avvenuti in Calabria, a Villa Caristo e Pazzano, il 27 e 28 luglio, con al centro la Nuova Questione Meridionale da portare a Bruxelles, collegata alla autonomia differenziata.

Il doppio appuntamento, organizzato da Rosella Cerra e Cinzia Lamberti con Pino Aprile, fondatore del progetto “Il Popolo delle Formiche ed i nuovi Mirmidoni”, alla presenza della europarlamentare del Movimento 5 Stelle Rosa D’Amato, ha avuto lo scopo di portare la Questione Meridionale a Bruxelles. Nel corso della due giorni il giornalista Pino Aprile ha chiarito che:
“Abbiamo lanciato un appello prima delle elezioni [europee] ai candidati per chiedere che si impegnassero per fare, se eletti, una richiesta della costituzione di una Commissione d’Inchiesta Parlamentare Europea sulle ragioni e soprattutto sulla persistenza della Questione Meridionale, ovvero della povertà del Sud di infrastrutture, di possibilità di lavoro, poiché è vero che l’imprenditoria, in assenza di strade, autostrade, aeroporti, fatica a nascere e poi quel ritardo viene attribuito a chi ne è vittima, come se fosse il colpevole. (…) Il Mezzogiorno d’Italia oggi è la più ampia area geografica dell’Europa che non ha infrastrutture di livello europeo”. Precisa che sono sempre di più i movimenti, le associazioni, ma anche pezzi della politica che si stanno “raccogliendo attorno a questa proposta perché il Parlamento Europeo faccia una sua indagine su questo e chieda all’Italia come questo possa essere ancora possibile dopo un secolo e mezzo” [dall’unità d’Italia].

Rosa D’Amato, europarlamentare al secondo mandato del M5S presente a tutti e due gli incontri, ha dichiarato da parte sua: “L’obbiettivo è di riuscire a portare l’Europa più vicina ai nostri territori e soprattutto le opportunità che questa Europa dà. In questo caso della Questione Meridionale noi abbiamo l’intenzione di alzare l’attenzione delle problematiche del Sud di cui l’Europa è già attenzionata perché i fondi europei sono ad esempio dati in percentuale maggiore alle regioni cosidette meno sviluppate. Tutto il Mezzogiorno lo è. (…) Bisogna capire però le motivazioni politiche e sociali e quindi riuscire a portare a Bruxelles l’attenzione di tutti gli stati membri che sono ben 28. (…) Nascerà un comitato per creare la Commissione d’inchiesta al Parlamento Europeo che necessita di una rete per mettere insieme 188 parlamentari europei che richiederanno questa attenzione per il Sud Italia. Faremo rete con tutte le regioni meno sviluppate d’Europa con più parlamentari e più forze politiche”.

Di fatto tutte e tre le richieste poste nel 2015 nella petizione n. 0748 hanno trovato accoglimento. Tale petizione, consegnata nel giugno 2015 alla Commissione Petizione a Bruxelles da Rosella Cerra e Roberto Longo, coautori della stessa, richiedeva infatti:
A) Che le ripartizioni dei fondi dello Stato alle regioni del Sud Italia, venissero fatti in proporzione al numero degli abitanti, ossia al 34%. Nel mese di maggio del 2019 il premier Conte ha firmato il decreto attuativo, per cui tale criterio dovrebbe partire dal prossimo 2020.
B) La revisione sterica dell’unità d’Italia. Di fatto negli ultimi anni sono sempre più numerose le pubblicazioni che raccontano quale fu la reale storia di annessione e genocidio che il Sud subì con il processo di unificazione e lo scippo di risorse che ebbe inizio da quella data.
C) L’istituzione di una commissione d’inchiesta speciale della durata di anni tre denominata “Dignità, vita, lavoro, sicurezza, salute, ambiente e protezione dei consumatori in tutti i territori dell’unione europea” che facesse luce sulle situazione di degrado ambientale, sociale ed economico delle regioni del Sud.
Tutto ciò trova un senso ed un completamento delle richieste della petizione, forse perché è l’Europa che lo sostiene.
L’articolo 3 del Trattato di funzionamento dell’Unione Europea stabilisce che:
“Essa promuove la coesione economica, sociale e territoriale, e la solidarietà tra gli Stati membri”.
Tale principio viene ribadito nell’articolo 222 nella versione consolidata del Trattato, definita proprio “Clausola di solidarietà”:
“L’Unione e gli Stati membri agiscono congiuntamente in uno spirito di solidarietà qualora uno Stato membro sia oggetto di un attacco terroristico o sia vittima di una calamità naturale o provocata dall’uomo”.

Potrebbero essere questi i termini con i quali portare la Questione Meridionale a Bruxelles e richiedere la Commissione d’inchiesta europea. Nello specifico ciò che si potrebbe chiedere è proprio stabilire se il mancato sviluppo o l’avanzato impoverimento del Sud Italia non sia dovuto ad “attacco terroristico” o “calamità naturale” ma invece sia “provocato dall’uomo”.
Dagli incontri in Calabria, ai quali hanno dato il loro contributo oltre Pino Aprile e Rosa d’Amato anche il Prof. di Economia Politica Università Magna Grecia di Cz Vittorio Daniele, gli scrittori Alfredo Fulco e Santo Gioffrè, l’Architetto Arrigo Lagazzo, i sindaci di Stignano Pino Trono e di Pazzano Sandro Taverniti, l’assessore regionale al lavoro Angela Robbe, i giornalisti Michele Albanese e Giorgio Metastasio, e l’esperto di archeologia industriale Danilo Franco, è emerso un altro obiettivo e cioè che venga istituita proprio in Calabria un’ agenzia LLP (Life long learning programme) al fine di garantire gli scambi culturali tra i decisori europei che sia legata, anche attraverso protocolli d’intesa con le diverse associazioni ed istituzioni, alla valorizzazione dell’Ecomuseo delle Ferriere dell’ex regio demanio di Stilo con l’auspicio che presto anche questo diventi realtà.


Leggi anche...



News Lamezia e lametino
Elezioni Lamezia. M5S ORGANIZZA SABATO 19 OTTOBRE...

Un futuro di crescita per Lamezia Terme è realizzabile anche puntando sulla tutela e la...


Cultura, eventi, spettacoli e sport
«SORELLE X LA SICUREZZA STRADALE SULLA 106»: LA...

“Sorelle x la Sicurezza Stradale sulla Statale 106” è il titolo della originale campagna...


News Calabria
Catanzaro: oggi Assemblea generale della Cgil Area...

Dall’emergenza sanità al lavoro, sono tanti i temi da affrontare nel corso dell’Assemblea...


News Calabria
Campagna «Io non rischio»: i Cavalieri della...

La Sezione di Cosenza dell’ANCRI (Associazione Nazionale Insigniti dell’Ordine al Merito...