img-20200119-wa0040
21 gennaio 2020

News Lamezia e lametino

REGIONALI 2020. Cuda (PD): «PD lametino compatto, il nostro è un progetto ambizioso»


Il Pd lametino, nella sua corsa al consiglio regionale, e’ compatto attorno al suo segretario provinciale, Gianluca Cuda, gia’ sindaco di Pianopoli. E, qualora ce ne fosse bisogno, in un’affollata riunione, presieduta dal segretario cittadino, Antonio Sirianni, e dal capogruppo in consiglio comunale Aquila Villella, Cuda ha incassato l’appoggio incondizionato del partito per il suo progetto “che e’ il nostro progetto – ha detto – di rilancio di questa area centrale della Calabria”.

“Gli ultimi mesi – ha dichiarato Cuda nel concludere l’incontro – li abbiamo vissuti per cercare di mettere insieme una rigenerazione di questo partito e lo si e’ fatto con la passione di chi vive questa citta’. Abbiamo ripulito questo partito dai parassiti che hanno anche votato a destra perche’ se non sgombriamo il campo dalle ipocrisie, non andiamo da nessuna parte. La mia – ha poi sottolineato – non e’ ambizione personale, come non lo e’ stato cinque anni fa quando candidarmi con una lista che non era quella del Pd sarebbe stato un tradimento alla mia storia ed alla storia della mia famiglia”.

Da sempre convinto che “gli obiettivi personali non ci portano da nessuna parte”, Cuda ha rimarcato che “qui a Lamezia abbiamo iniziato a parlare di politica grazie al nostro segretario Antonio Sirianni che ha sposato in pieno questo progetto. Aquila Villella, poi, che si era candidata al Senato, non ha esitato e, quando le e’ stato chiesto di candidarsi come ‘semplice’ consigliere comunale, ha detto di si’. Non vi e’dubbio – ha aggiunto Cuda – che oggi questo partito sarebbe stato piu’ forte se alcuni candidati avessero scelto di fare questa battaglia con il Pd. Il processo di rigenerazione, comunque, e’ iniziato, prosegue e proseguira’ in quanto oggi, incontrando la gente e soprattutto i giovani, quando parli di progetto politico, si fa presa”.

“Il nostro – ha fatto notare Cuda – e’ un progetto ambizioso che abbraccia l’area centrale della Calabria e non e’ un progetto che finira’ il 27 ma iniziera’ il 27. Noi siamo strapieni di cariche ed energie positive che non devono andare via da questa regione. Inoltre, ci sono paesi e sindaci che sono abbandonati da tutti. Invece, noi dobbiamo far capire ai giovani che c’e’ la possibilita’ di avere un contratto a tempo indeterminato qui, in Calabria”. Da qui la sollecitazione ad “una battaglia di civilta’ e di cambiamento”, senza dimenticare che “la porta di questo partito non e’ aperta per tutti ma per chi crede in questo progetto di area centrale della Calabria che e’ ambizioso”.

Prima di Cuda, Sirianni, nell’introdurre l’incontro al quale avrebbe dovuto partecipare anche Eugenio Guarascio rimasto a Cosenza per impegni sopraggiunti, ha parlato di “gruppo che piano piano si sta unificando. Mi onoro di presentare la candidatura di Cuda – ha detto – che puo’ rappresentare Lamezia e lametino per la sua esperienza politica da segretario provinciale e da sindaco. Cuda e’ radicato sul territorio piu’ di altri e non puo’ che essere il candidato del Partito di Lamezia e del lametino”. Da qui l’invito a “votare Pd oltre a Callipo per aprirci di piu’ all’esterno come detto da Zingaretti”.

Sulla stessa lunghezza d’onda, Aquila Villella che, nel rimarcare che “la cultura non e’ data solo da un titolo di studio, ma a che dalla conoscenza e dalla presenza sul territorio”, ha invitato i presenti a “non farci assalire dall’angoscia”, facendo notare che “tra le liste della Santelli ci sono anche transfughi ecco perche’ confido che il popolo calabrese scelga per il meglio. Se il centrosinistra e il Pd e’ unito puo’ vincere e vince quando c’e’ un progetto e senso di appartenenza che porta a fare prevalere il noi inteso come comunita’. Il senso di appartenenza – ha proseguito – e’ passione come quella che ci mette il nostro segretario cittadino. Noi vogliamo un partito inclusivo, ma non ipocrita, un partito che guardi ai giovani, ai deboli, agli immigrati e la candidatura di Cuda che e’ segretario di federazione va in questa direzione. E’ una persona coerente e la sua elezione potra’ dare maggiore attenzione a questo territorio che lui conosce. Dobbiamo dare forza a persone capaci di amministrare e Cuda e’ capace, e’ del Pd, e’ lametino ed il 27 gennaio non chiudera’ il telefono”.

E’ poi seguito un dibattito al quale, tra gli altri, ha perso la parola Tonino Barberio della segreteria cittadina che ha rimarcato che “quando Cuda e’ stato eletto segretario ha lasciato un incarico pubblico remunerativo, tracciando un segno. Quindi, non solo buona amministrazione, ma anche segnale politico di discontinuita’ dalla cattiva abitudine di ricoprire cariche dirigenziali unitamente ad incarichi nelle strutture”


Leggi anche...



News Lamezia e lametino
LAMEZIA. Verifica voti, ostruzionismo avvocati...

La lista M5s Lamezia con il presente comunicato ribadisce l’importanza di fare chiarezza...


Cultura, eventi e spettacoli
TORNA «FARE CRITICA»: DAL 2 AL 6 OTTOBRE 2020 LA...

Dal 2 al 6 ottobre 2020, presso il il Chiostro San Domenico di Lamezia Terme, si terrà la II...


Blog
CARTOLINE di Daniela Grandinetti: «La spesa grossa»

I supermercati allora non c’erano, la spesa si faceva dal macellaio, nei negozi di...


News Calabria
Fusione Comuni Alto Ionio: il sindaco di Trebisacce...

Il Sindaco di Trebisacce, Avv. Franco Mundo, ha inviato una missiva ai colleghi primi...