polenta-verde
13 novembre 2020

Rubrica di cucina: le ricette del cuore

Ricette a Sud. Friscatula, la deliziosa polenta tutta calabrese


Friscatula, è questo il simpatico nome della polenta calabrese, un piatto povero e quasi dimenticato ma antichissimo e gustosissimo, particolarmente adatto nel periodo invernale.
La friscatula (chiamata anche fhriscatula con h aspirata nella Calabria centrale o anche frascatula), dal francese flasque che vuol dire molle, flaccido, fu chiamata così tra il tra il XIV e il XV secolo durante la dominazione angioina, ed è una polenta di mais con verdure di stagione, tuttora diffusa in Calabria in particolare nelle zone del lametino e presente con qualche variante anche nella cucina tipica siciliana.

Anticamente al Sud la friscatula veniva consumata quotidianamente dai ceti popolari, in quanto richiedeva ingredienti poco costosi e di facile reperimento, ma era bollata come cibo dei poveri. Era disprezzata a tal punto che la parola stava anche ad indicare una persona un po’ sciocca, un impiastro insomma.
Forse per questo la friscatula pian piano è stata abbandonata in favore della pasta, primo piatto più robusto e saziante.

La friscatula però, ben prima dell’avvento della farina di granturco (che come sappiamo arrivò dalle lontane Americhe e si diffuse in Italia dopo il Cinquecento), era già conosciuta nell’Antica Roma, quindi in tutte le aree del Sud Italia, e veniva preparata con sfarinati a base di legumi come fave, cicerchie e ceci, e cereali vari, a volte misti a semola di grano duro con l’aggiunta di verdure anche selvatiche. Si chiamava puls, nome della polenta di farro poi usato anche per indicare altri tipi di sfarinati, e da qui forse nacque la parola polenta.

Ma anche nella Magna Grecia c’era qualcosa di molto simile, e cioè la poltos, una zuppa di cereali con verdure. Insomma, ce n’è abbastanza per sfatare il mito italiano dei «terroni», i noti mangiatori di pasta meridionali, schierati contro i «polentoni», mangiatori di polenta del Nord Italia.

INGREDIENTI
Acqua
Farina di mais
Broccoli
Sale
Aglio

PREPARAZIONE
Fate lessare i broccoli e, una volta cotti, scolateli ma non buttate via l’acqua di cottura. In una pentola capace preparate un soffritto con olio e aglio, unite la verdura che avrete schiacciato leggermente con la forchetta e mescolate. Unite ora l’acqua di cottura dei broccoli e portate a ebollizione. A questo punto versate a pioggia la farina di mais e girate il tutto in continuazione per circa dieci minuti. La frhriscatula è pronta, si serve caldissima e con un filo d’olio d’oliva extravergine.

A questa ricetta base si può aggiungere pancetta a dadini nel soffritto, oppure, alla fine della cottura, fagioli già lessati e, a piacere, la classica spolverata di peperoncino secco.
Se poi riuscite a procurarvi un buon sfarinato di legumi macinato a pietra, miscelatelo con la farina di mais o con della semola e preparate la vostra fhriscatula: otterrete lo stesso piatto dei nostri avi romani.
Annamaria Persico


Leggi anche...



News
Covid, da Russia a Gb rischio contagi: torna...

Mentre in Italia è ancora acceso il dibattito sul Green pass Covid obbligatorio nei luoghi di...


News
Falsi nei bilanci, indagati sindaco di Palermo...

La Procura di Palermo ha iscritto nel registro degli indagati il sindaco Leoluca Orlando e...


News
Terza dose vaccino covid, ok Fda a...

Terza dose si vaccino anti covid, la Food and Drug Administration statunitense ha dato il suo...


News
Gabby Petito, trovati resti umani vicino a effetti...

Caso Gabby Petito, l'Fbi ha rinvenuto "resti umani non identificati'' nella zona di Tampa, in...