forestale-discarica-1024x593-696x403
8 ottobre 2019

News Calabria

Rifiuti. Traffico di veleni Milano-Calabria: 11 arresti, 2 discariche illegali nel lametino, 1,7 milioni di euro di profitto in un anno


Enormi quantità di rifiuti prodotti da impianti industriali e da privati cittadini. Spazzatura della raccolta indifferenziata e persino rifiuti ospedalieri. C’era un po’ di tutto in quelle circa 14mila tonnellate smaltite illecitamente nel 2018 da una associazione a delinquere smatellata questa mattina con 11 arresti dai carabinieri della Forestale di Milano coordinati dalla Dda del capoluogo lombardo. Il profitto dei due traffici di rifiuti contestati, a vario titolo, agli arrestati si sarebbe aggirato intorno ai 1,7 milioni di euro, 780mila euro circa dei quali sequestrati grazie alle indagini finanziarie dei finanzieri del Gico.

Secondo quanto spiegato dagli inquirenti, le indagini, dirette dal sostituto procuratore Alessandra Dolci e dal pm Silvia Bonardi, avrebbero permesso di ricostruire un complesso ma collaudato sistema che si occupava ad esempio di smaltire i rifiuti raccolti dall’azienda municipalizzata di Napoli stoccandoli in diversi capannoni dismessi in Brianza, nel Comasco e nel Milanese (per esempio a Varedo, Gessate e Cinisello Balsamo) ma anche in provincia di Trento. Quando questi siti erano pieni (è il sospetto degli investigatori, venivano “ripuliti” da una serie di incendi, come accadde ad esempio nel deposito di via Chiasserini 104 a Milano, parzialmente distrutto da un rogo divampato il 14 ottobre 2018. In quello sarebbe stata trovata anche “monnezza napoletana”. I carabinieri forestali hanno registrato da parte dei principali indgati una frenetica ricerca di luoghi dove stoccare i carichi di rifiuti che ufficialmente sarebbero dovuti essere “trattati”, tanto che quando non riuscivano a farli sparire al Nord, questi venivano riportati al Sud, finendo in due discariche illegali a cielo aperto e interrati in una cava nel territorio di Lamezia Terme (Catanzaro).
Al Sud finivano precisamente presso la Cava Liparota a Gizzeria (Catanzaro), dove già nel 2014 erano stati scoperte armi e droga in fusti interrati, e alla Cava Parsi a Lamezia Terme, in modo così incurante di ogni regola da causare «la devastazione di un intero territorio». Complessivamente, nel corso dell’indagine, sono state sequestrate 14mila tonnellate di riuti, che solo nel 2018 «hanno fruttato 1 milione e 400 mila euro». (Fonte AskaNews)


Leggi anche...



Cultura, eventi e spettacoli
Parte Miss Italia Calabria 2020: il 20 Luglio a...

Al via Miss Italia Calabria 2020, la kermesse è pronta a ripartire con le selezioni. A...


News Lamezia e lametino
Lamezia. Associazione Anni d’argento: «Vicini ai...

“Distanti ma sempre uniti”. Non è stato solo uno slogan ma ha rappresentato in questi...


News Lamezia e lametino
Lamezia Terme. Centri estivi: pubblicato avviso per...

L’Amministrazione Comunale di Lamezia Terme ha pubblicato un avviso per l’erogazione di...


News
Assegno universale, Bonetti: «Farlo partire da...

“Sicuramente servono risposte e l’assegno unico e universale è una di queste e contiamo...