gazebo 3
2 novembre 2015

News Calabria

Rogliano crede in una città solidale


Rogliano – Sono 292, ad oggi, i roglianesi che hanno sottoscritto la cartolina di adesione per proporre l’istituzione del fondo di solidarietà comunale, quale risposta concreta al disagio economico e sociale che colpisce numerosi nuclei familiari nella città del Savuto. Una proposta lanciata, nei giorni scorsi, da Partecipa Rogliano, espressione locale del movimento Partecipa Calabria e dal gruppo Da adesso in poi. E’ da quartier generale dei promotori è palpabile la soddisfazione per la convinta presenza dei cittadini al gazebo allestito appositamente per la raccolta delle firme.

«La partecipazione dei roglianesi alla nostra iniziativa», dichiarano Rocco Calabrò di Partecipa Rogliano e Cristina Guzzo di Da adesso in poi «conferma che la comunità crede in una città solidale al di là delle appartenenze politiche. Incassato il successo della prima fase, siamo convinti che, in occasione del prossimo punto di adesione che sarà allestito il prossimo 15 novembre, ai cittadini convinti di sottoscrivere la nostra proposta, si uniranno anche tutti i soggetti politici ed istituzionali che hanno a cuore il sostegno alle famiglie roglianesi e il miglioramento della qualità della vita della nostra città».

Per aderire alla proposta – conclude la nota stampa – sarà possibile firmare anche online attraverso il social facebook o collegandosi direttamente al sito www.partecipacalabria.com.

 


Leggi anche...



News Lamezia e lametino
Nuovo Cdu Lamezia Terme: «Realizziamo le opere di...

Fra poco si sarebbero persi i finanziamenti di più di 18 milioni di euro erogati al Comune di...


News
Ndrangheta: vasta operazione internazionale della...

È in corso dalle prime ore di questa mattina una vasta operazione internazionale della...


News
Violenza sulle donne: il Codice rosso adesso è...

Via libera definitivo al cosidetto Codice Rosso, il ddl che dispone le misure per tutelare le...


News Calabria
Ferrovie Taurensi: analisi costi/benefici per la...

di Roberto Galati (Associazione Ferrovie in Calabria) Sono trascorsi ormai...