san-pasquale
17 maggio 2019

Storia, miti, leggende e tradizioni

San Pasquale Baylon, protettore delle donne e… inventore dello zabaione


San Pasquale Bailonne protettore delle donne, mannateme ‘nu marito rubicondo e sapurito, comme a vuje, tale e quale, gloriosissimo San Pasquale.

Oggi 17 maggio si festeggia San Pasquale Baylon, santo molto amato nel Napoletano e in tutto il Sud Italia.

Ma come nacque questo culto? Alla fine del XVII secolo i Frati Minori Alcantarini, provenienti dalla Spagna, costruirono a Portici il convento francescano del Granatello. Tra questi frati vi era anche Pasquale Baylon, un giovane di origine contadina, che si occupò prima della cucina e poi della questua, distinguendosi per cultura, bontà e spiritualità.

Dopo la sua morte fu proclamato Beato nel 1618 e poi Santo nel 1690. I Frati laici alcantarini lo scelsero come loro patrono e perciò nelle loro attività invitavano incessantemente tutti a pregare e ad invocare l’intercessione di San Pasquale.

Gli Alcantarini furono chiamati anche i monaci di San Pasquale e tutti i luoghi di culto da loro realizzati o in cui si fermavano erano denominati, al di là della loro ufficiale intitolazione, conventi di San Pasquale.

Anche il convento alcantarino al Granatello, intitolato a San Pietro d’Alcantara, importante per le sue opere d’arte e poiché nel 1769 vi fu aperta la prima scuola di Portici e perché possedeva una ricca biblioteca che era considerata la migliore della Campania, da allora fu chiamato convento di San Pasquale.

Non si sa bene per quale motivo, ma da secoli e forse ancor oggi, in questo luogo di culto si sono sempre recate le ragazze in cerca di marito. Famosa è la preghiera popolare, citata spesso anche da Matilde Serao, da recitare per nove sere di seguito per trovare l’anima gemella: San Pasquale Bailonne protettore delle donne, mannateme nu marito rubicondo e sapurito, comme a vuje, tale e quale, gloriosissimo San Pasquale.

San Pasquale è però anche il protettore dei cuochi e dei pasticceri, perché inventò lo zabaione. Secondo alcuni creò questo dolce a Torino e consigliava alle spose infelici di prepararlo e farlo mangiare ai mariti affinché riaccendesse in loro la fiamma della passione. Da qui il nome: San Baylon in torinese diventò Sanbajon e poi zabaione.

Un’altra versione, tutta meridionale e oseremmo dire più maliziosa, racconta che il Santo creò questa ricetta in Spagna e la portò in Italia, dove la consigliava alle donne ma sempre per lo stesso motivo. La ricetta e anche il culto di San Pasquale si diffuse così da Napoli a tutta l’Italia meridionale grazie al dominio spagnolo nel Regno delle Due Sicilie.
Annamaria Persico


Leggi anche...



News
Scuola. Proposte CNDDU su assegnazione e...

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani intende, in...


News
Maida protagonista di un laboratorio di...

Si è concluso con gli esami di profitto nei giorni scorsi il Laboratorio di Urbanistica del...


News
Stato emergenza: ipotesi di proroga fino al 31 ottobre

Il governo starebbe pensando di prorogare lo stato di emergenza da Covid 19 al 31 ottobre,...


News
Coronavirus. Bozza nuovo Dpcm: stop ai voli,...

Le proposte, a quanto si apprende da fonti del ministero della Salute, sono contenute nel...