_114781388_gettyimages-1216160906
27 ottobre 2020

Copertina

Soffriamo di Pandemic Fatigue (Stanchezza da Covid): superarla con resilienza. Interpretare il cambiamento come transizione necessaria


Sono passati poco più di otto mesi, e la tanto acclamata nuova normalità non è bastata. Non sono bastati gli sforzi fatti perché non appena si è abbassata la guardia, il virus ha ripreso a circolare e l’Europa si trova ad essere travolta dalla seconda ondata, in anticipo rispetto alle previsioni fatte dagli esperti, che vedevano nuovi picchi con l’arrivo del freddo. Invece non è stato così, in estate i primi focolai e in autunno la situazione è esplosa, ancora una volta.

Ma se prima c’era la voglia di uscirne insieme, se si credeva nella necessità di misure contenitive e si era disposti a sacrificarsi per il bene comune, ora si è diffusa la sensazione che ogni sforzo è stato vano. Si è reduci da una battaglia la cui vittoria è stata breve e che ha lasciato dietro di sé disoccupazione, angosce e disagio sociale diffuso a ogni livello. Ne parliamo con la dott. ssa Giulia Giorgi di Guidapsicologi.it, per capire come affrontare i mesi a venire nel migliore dei modi possibile.

Stanchezza da covid. Quali sono le categorie più colpite e perché
Con stanchezza da Covid, spiega la dott.sa Giulia Giorgi, «Si intende uno stato di spossatezza, mista a preoccupazione e sfiducia a fronte di una situazione di pandemia mondiale e di cui non si intravede la fine. Le categorie più a rischio sono quelle di cui fanno parte tutti i gruppi di popolazione che non possono contare sui fattori di protezione né individuali né collettivi. A livello individuale esistono fattori di protezione sia da un punto di vista fisico che psicologico (autostima, senso di autoefficacia, la capacità di giudizio critico e di filtrare informazioni anche cliniche sulla pandemia). A livello di Ambiente di vita (contesto sia fisico che sociale) costituiscono fattori protettivi: la possibilità di vivere in un contesto sociale adeguato in termini di condizioni igienico- sanitarie (il substrato socio- economico di appartenenza), il sistema di credenze e di valori che le persone hanno per cultura e formazione personale, il supporto di una rete scolastica e lavorativa, la presenza, nel sistema valoriale di una certa persona, di fiducia nelle Istituzioni oltre a competenze di cittadinanza sociale adeguate e realistiche che rendano quella stessa persona aderente alle misure di sicurezza richieste dalla pandemia.»

In che misura influiscono la delusione e la demoralizzazione nella stanchezza da Covid
«I dati statistici indicano che la “Pandemic fatigue” potrebbe rischiare di rendere la popolazione meno attenta al rispetto delle regole per mancanza di fiducia o perché il prezzo per proteggersi dal contagio è diventato troppo alto da pagare. Anche se, per il momento, “le stime confermano che la maggior parte della popolazione sostiene le risposte nazionali al Covid-19, il che è notevole dopo quasi un anno di lockdown e restrizioni”», spiega Giorgi.

È possibile continuare a vivere in modo tranquillo e consapevole al tempo stesso? Come?
«Certamente si, anzi sta proprio nella capacità di ogni cittadino di sviluppare RESILIENZA, lo sviluppo di una vita il più serena possibile. La gravità e la dimensione dell’Epidemia da Covid-19 hanno richiesto un’implementazione di misure invasive con un impatto senza precedenti nel quotidiano di tutti, compreso di chi non è stato direttamente toccato dal virus.

Perciò, il suggerimento è di cercare di impostare abitudini di vita sane ma nuove, in linea con le norme di sicurezza imposte dalla Pandemia, percepire questo cambiamento come una transizione necessaria per uscirne, non come un’imposizione. A livello psicologico, se siamo riusciti ad adattarci al lockdown, pur con difficoltà, questo significa che noi esseri umani anche se fatichiamo a cambiare un’abitudine (ricordiamoci che cambiare un’abitudine è molto stressante per il nostro cervello!) sopravviviamo anche dopo averla cambiata! Inoltre, anche a fronte dell’incertezza sulla fine della Pandemia e della percezione di un tempo indefinito nel quale si sta protraendo tutto questo, ricordo di cercare di focalizzarci sulle cose della nostra quotidianità e vita, meno urgenti e davvero necessarie. Facciamo una scala di priorità, di scadenze, e valutiamo cosa sia davvero indispensabile fare o cosa, invece, può essere rimandato a tempi migliori.», raccomanda l’esperta

Quale il ruolo di un’informazione contraddittoria e di poca chiarezza nelle misure restrittive
«Le informazioni che arrivano dalle Istituzioni sono decisive in quanto la “Pandemic fatigue” potrebbe rischiare di rendere la popolazione meno attenta al rispetto delle regole per mancanza di fiducia o perché il prezzo per proteggersi dal contagio è diventato troppo alto da pagare. Dare informazioni chiare, misure di protezione semplici ed incisive, così come la comunicazione di pochi dati sono fattori che tranquillizzano la popolazione, evitano di far insorgere la paura oltre a rabbia e frustrazione per non sentirsi aiutati adeguatamente dalle Istituzioni nel fronteggiamento della Pandemia.»

Stanchezza da Covid? Consigli per contrastarla

– Non lasciarsi sopraffare dall’iperfagia di informazioni sulla pandemia e sui contagi
– Attenersi ai dati diffusi da siti Ufficiali come OMS ed Istituto di Sanità
– Cercare di coinvolgersi in attività sociale anche extra lavorative correlate alla pandemia
– Rispettare le regole di Distanziamento Sociale pensando che queste limitazioni sono indispensabili per una quanto più rapida risoluzione della Pandemia
– Focalizzare le proprie giornate ed attività contingenti di vita su ciò che è veramente urgente e non sul futuro troppo lontano


Leggi anche...



News Lamezia e lametino
Giornata Nazionale per la sicurezza nelle scuole:...

LAMEZIA TERME. In occasione della “Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole”, con...


Cultura, eventi, spettacoli e sport
A Lamezia Terme «ARTE-FICIO-lavorare con arte»...

Il 25 novembre data in cui ricorre la "Giornata Internazionale per l'eliminazione della...


Cultura, eventi, spettacoli e sport
Prima edizione di “Catanzaro Game Contest”: il...

Dal 28 Settembre al 22 Novembre migliaia di cittadini catanzaresi e non solo, hanno...


Cultura, eventi, spettacoli e sport
PREMIO FABRIZIO DE ANDRÉ XIX: ecco i 30 ARTISTI...

Il Premio Fabrizio De André ha superato quest’anno i 1800 iscritti tra Musica, Pittura e...