terzo-settore
1 aprile 2020

News Calabria

Strutture socio-assistenziali Calabria: «Invitiamo la Giunta a sospendere l’esecutività del regolamento regionale n.22/2019»


L’ordine del giorno 26 Marzo del Consiglio Regionale, che invita la Giunta regionale a sospendere l’esecutività del regolamento regionale n.22/2019, ha destato incredulità e preoccupazione da parte di alcuni Rappresentanti della Consulta.

La loro reazione lascia noi esterrefatti visto che, aldilà dell’emergenza corona virus, si registra un blocco che ha posto le strutture socio-assistenziali nelle condizione di erogare i servizi senza tutela giuridica ed economica, e, oggi, solo grazie all’interessamento del nuovo governo regionale, che si stanno erogando i pagamenti del 2019, salvando le strutture dal baratro. Altro che corona –virus!!!

Sono allarmati, per le conseguenze che una eventuale sospensione creerebbero alle 400 strutture che si sono adeguate, assumendo il personale necessario. Noi chiediamo di pubblicarne il numero, in quanto, ad oggi, non ci risultano tali ingenti adeguamenti, anzi!!!

Chiediamo ai portavoce di preoccuparsi soprattutto per le strutture che ad oggi stanno operando senza contrattualizzazione e senza poter accedere agli strumenti bancari, per tutte le strutture che ogni giorno maturano debiti senza poter vantare crediti e, proprio in un momento di eccezionalità quale stiamo vivendo, non hanno la possibilità di pagare il dovuto agli operatori che rischiano ogni giorno… non hanno la possibilità di lavorare da casa, ma si recano al lavoro con dedizione e sacrificio, prendendosi cura di anziani, minori, disabili, resi ancora più vulnerabili dalla quarantena salvavita.

Esprimiamo gratitudine al consiglio Regionale, al Presidente della Giunta Regionale, On. Santelli e all’assessore al Ramo, On. Gallo che, in piena emergenza Corana Virus, hanno dimostrato sensibilità e competenza, ritenendo opportuno e urgente ritornare sulla Delibera n. 503 “ La Riforma del Welfare”, la cui attuazione ha di fatto sancito il collasso del pur debole sistema socio-assistenziale in Calabria, tant’è che numerosi sono i ricorsi al TAR, proprio per l’ illogicità dei Regolamenti approvati.

L’ordine del giorno del Consiglio Regionale è un intervento dettato dal buon senso che mira, in un momento così tragico, proprio a tutelare le fasce più deboli della popolazione. Evidentemente chi ne è rimasto contrariato sicuramente non vive la nostra realtà, non ha contezza né esperienza dei servizi socio-assistenziali. Peraltro, la Delibera n. 503 altro non è che l’attuazione del Regolamento dell’autorizzazione e accreditamento delle strutture socio-assistenziali, contestualmente al passaggio delle competenze amministrative ai Comuni. La Delibera prevede, anche, a fronte di un adeguamento di requisiti organizzativi e strutturali, un aumento delle Rette per buona parte delle strutture socio-assistenziali, salvo che la stessa retta aumentata non è sufficiente a coprire i reali costi del lavoro, i cosiddetti requisiti organizzativi.

Un componente stesso della Consulta del terzo settore afferma che: “pur non condividendo il criterio di calcolo delle tariffe, che non tengono conto fino in fondo del costo del personale, abbiamo obtorto collo accettato in Conferenza Permanente l’ultima versione del Regolamento, con la garanzia che, immediatamente dopo la sua approvazione, saremmo tornati a ragionare sulle parti da implementare e sistemare..” Unitamente all’accreditamento di ulteriore numerose strutture (senza nessuna analisi del fabbisogno così come dal L. 328/2000) ha comportato un notevole aumento della spesa, senza alcun investimento finanziario da parte della Regione, ribaltando così, i maggiori oneri sui Comuni e sugli utenti. Un’ulteriore perplessità la ribadiamo con riferimento alla composizione della Conferenza permanente regionale istituita dal precedente Assessore al Ramo: ci sembra strano che il Rappresentante dei Comuni nella Conferenza fa affermazioni in contrasto con quello che dice l’ANCI, emblematico addirittura il Ricorso al TAR avverso a questa Delibera, del Comune Capoluogo di Regione.

Ancora più strano ci sembra l’affermazione dell’illustre prof. Gianni Pensabene, Presidente del Forum del terzo settore (Rappresenta realtà quali l’accademia dell’uncinetto, la confraternita del baccalà,
associazioni di calcetto, etc..) che pur non avendo mai gestito una struttura socio-assistenziale, pretende di determinare le sorti di tutte le strutture calabresi.
Siamo sicuri che l’assessore al Ramo avendo già dichiarato la necessità di concertare con tutti gli attori una vera “Riforma del Welfare”, si circonderà di persone competenti in materia, visto i risultati ottenuti fino ad ora.., magari anche l’ordine degli assistenti sociali, finora mai coinvolto e, che, quindi continua ad avere l’illusione che la Regione Calabria aveva attuato la Legge quadro 328 del 2000!!! L’auspicio resta, sempre e comunque, quello di dare attuazione alla “Riforma” tenendo presente l’obiettivo principale dell’integrazione socio-sanitaria come nel resto d’Italia, ottimizzando così i servizi essenziali in termini di qualità e di costi economici.
Cosenza, 31/03/2020 CO.S.S.A.C
(Coordinamento Strutture e Servizi Socio-assistenziali Calabria)
Dott.ssa Sonia De Luca


Leggi anche...



Blog
ROVISTANDO NEI CASSETTI di Fiore Isabella: «La...

Questa volta non mi sono risparmiato, andando al fondo di un cassetto dimenticato dove...


News
2 Giugno. CNDDU: «L’importanza storica della...

Il Coordinamento nazionale dei docenti della disciplina dei diritti umani intende ricordare,...


News Lamezia e lametino
Lamezia Terme. 74° anniversario della nascita...

L'Amministrazione Comunale di Lamezia Terme oggi 2 giugno, in occasione del 74° anniversario...


Cultura, eventi e spettacoli
Lamezia Terme: il nuovo inno a Sant’Antonio....

“Taumaturgo instancabile, Portatore del Verbo divino. Antonio, mite ed umile di cuore”....