82794523_2649592018490756_95826076197978112_o
31 luglio 2020

Cultura, eventi e spettacoli

Teatro. Al via dal 9 agosto GRAECALIS 2020


Si aprono le luci su “ GRAECALIS -Il vento della parola antica” , Ciclo di rappresentazioni classiche a cura del Teatro di Calabria giunto al settimo anno di vita.

Il progetto, che ha visto la luce nel 2014, in pochi anni è riuscito a conquistare un posto di rilievo all’interno dello scenario artistico regionale, grazie anche ai numeri registrati dalla rassegna.

E’ un’edizione profondamente differente, quella del 2020: fino a pochi giorni fa, solo un sogno per gli organizzatori. Eppure, il sostegno combinato del pubblico più affezionato, dei partner “storici” del TdC (Fondazione Rocco Guglielmo e Circolo Placanica) e dell’Assessorato alla Cultura hanno reso possibile approntare, in pochi giorni, un cartellone artistico che animerà, anche quest’anno, l’estate catanzarese.

“Realizzare quest’anno GRAECALIS era una necessità bruciante: avevamo bisogno di ritrovare il nostro pubblico dal vivo, dopo mesi passati a tenerci vicendevolmente compagnia con gli spettacoli virtuali di DIGITALPoiesis.”, afferma la presidente del Teatro Anna Melania Corrado. Un’esperienza esaltante e positiva, quella degli spettacoli in digitale che hanno registrato oltre diecimila visualizzazioni complessive in due mesi e mezzo, ma pur sempre attraverso lo schermo di un PC.

Da ieri, nel Complesso Monumentale San Giovanni è tornato a soffiare il vento della parola antica: a dare il via a questa edizione, l’incontro “PROGETTO TRAGEDIA”, una vera e propria lectio magistralis a cura del prof. La Rosa dedicata ai fondamenti filosofici della tragedia greca.

Il focus di questa edizione è, infatti, la Parola: “Abbiamo sentito il bisogno di ritornare a lavorare sul concetto stesso di Tragedia, a comprenderlo e sviscerarlo nelle sue pieghe più profonde, ma soprattutto far capire al nostro pubblico perché, dopo oltre duemila anni, è ancora attuale e più che mai rivoluzionario parlare di tragedia greca”, afferma Luigi La Rosa, vicepresidente e autore del TdC.

Dopo Progetto Tragedia sarà infatti la volta di “EDIPO -Ferite di Luce”, un recital dedicato alla figura dell’omonimo personaggio del mito con scene tratte dalla tragedia “EDIPO RE” di Sofocle.

Fare spettacoli, in tempo di pandemia e norme che impongono distanziamento sociale anche tra pubblico e attori in scena non è certo semplice. Il TdC ha tuttavia colto questa criticità, trasformandola in opportunità per ripensare il concetto di Tragedia e lavorare profondamente su una messa in scena essenziale, trasmettendo la Tragedia in purezza.

“ E’ una sfida artistica molto stimolante, che ci consente di lavorare in profondità sui personaggi, cesellare le parole, definire i caratteri e costruire emozioni più profonde e mature”, dice Aldo Conforto, regista del TdC.

Un GRAECALIS diverso, ma non certo meno stimolante ed entusiasmante per i membri della Compagnia e per gli spettatori stessi, che hanno risposto con enorme entusiasmo al primo appuntamento della Kermesse.

Appuntamento nei giorni 9, 13 e 23 di Agosto, per animare questa inconsueta estate catanzarese col vento della parola antica, che torna a soffiare più forte che mai su Catanzaro.


Leggi anche...



News Lamezia e lametino
LAMEZIA. INIZIO ANNO SCOLASTICO: GLI AUGURI DEL...

Il suono della campanella questa mattina ha dato ufficialmente il via al nuovo anno scolastico...


News Calabria
Legacoop Calabria: il 25 settembre l’assemblea...

“Lavoro sostenibile: economia circolare, innovazione e tradizione” è il tema...


News Calabria
Coordinamento Bruno Arcuri: «Autorità Idrica...

A ritmo serrato. Così, con questi termini che risultano involontariamente ironici il...


News Calabria
Scuola e sanità. Notarangelo (PD): «Fronte...

“La riapertura delle scuole, oltre ad essere una necessità, ha un valore e un significato...