image-147
18 aprile 2016

News

Trent’anni fa da Pisa la prima connessione ad Internet. A celebrare l’evento ci sarà pure il presidente Renzi


Il 30 aprile del 1986, da via Santa Maria a pochi passi dalla Torre di Pisa, è partita la prima connessione ad Internet che ha collegato l’Italia alla Rete Arpanet. Protagonisti di ciò che sarà in seguito definita la rivoluzione dell’era digitale sono stati i ricercatori e scienziati del Cnuce-Cnr. Molti di quei protagonisti «rivoluzionari senza averlo neppure immaginato» saranno relatori e testimoni il 29 aprile presso l’Area della ricerca del Cnr di Pisa (Via Moruzzi). Con loro, a celebrare il trentennale, ci sarà il presidente del Consiglio Matteo Renzi assieme ai protagonisti di oggi, dell’Internet del futuro.

Domenico Laforenza, oggi presidente dell’Area di Pisa del Cnr, nel 1972 era un giovane studente-lavoratore da pochi mesi entrato al Cnuce in qualità di operatore di grandi calcolatori e ha vissuto in prima persona l’epopea «internettiana» dei primi momenti. Oggi, in qualità di direttore dell’Istituto di informatica e telematica del Consiglio nazionale delle ricerche (Iit-Cnr) e del Registro.it, tratteggia nuovi scenari e orizzonti futuri della rete.

«La Rete è prepotentemente entrata nella vita quotidiana, cessando di essere uno strumento utile a una ristretta cerchia di ricercatori. Dietro l’angolo, ci aspetta un mondo totalmente connesso e senza confini, aperto e competitivo, con impatti socio-economici imprevedibili, e le cronache di questi giorni ce ne propongono uno spaccato, con laceranti dibattiti anche sul fronte della tutela della privacy, della net neutrality, del diritto d’autore, della cosiddetta “identità digitale”, del diritto all’oblio, della cybersecurity».

Per Massimo Inguscio, presidente del Cnr, l’evento pisano è anche un ritorno nella città dove si è laureato in Fisica, ma è anche la celebrazione della storia dell’informatica italiana, dove tutto è nato: «Il Cnr è stato e sarà sempre protagonista nel campo dell’Ict e delle reti e ci aspetta una nuova rivoluzione legata all’aumento esponenziale della velocità di trasmissione e alla protezione dei dati grazie alle applicazioni della meccanica quantistica in campo fotonico e crittografico. Questa occasione è un motivo in più per renderci particolarmente orgogliosi e lieti di avere con noi il presidente Renzi».


Leggi anche...



News
Ucraina, Zelensky: “Vinceremo nel 2023″

"Il 2023 deve essere e sarà l'anno della nostra vittoria". E' quanto ha detto il presidente...


News
Napoli-Roma 2-1, azzurri allungano in vetta

Il Napoli batte 2-1 la Roma nel posticipo domenicale della ventesima giornata di Serie A,...


News
Vito Chimenti, l’ex bomber muore per un...

Addio a Vito Chimenti, l'ex attaccante di serie A si è sentito male negli spogliatoi del...


News
Alfredo Cospito, il medico: “E’ quasi...

"Non cambia idea e non servirebbe trasferirlo da un'altra parte: l'unica soluzione sarebbe...