FOTO 6607
28 dicembre 2019
FOTO 6607

Cultura, eventi e spettacoli

TUTTO IL SUCCESSO DELLA MOSTRA FOTOGRAFICA CON CUI SI CONCLUDE L’ANNO DEL FESTIVAL OLISTICO MORGANA


Una lettura di intense immagini fotografiche, visualizzate in chiave olistica, è stato il leit motiv della rassegna di successo proposta da Raffaele Ceravolo e Francesco Milana nel ricco programma incentrato sul tema del benessere proposto dalle valenti organizzatrici dell’associazione culturale Maradan nell’edizione 2019 del Festival Olistico Morgana: Marcella Ritto, Adele Catalano e Anna Maria Morabito.
Un tema specifico che ha messo in evidenza i quattro principali asset della fotografia: l’immagine, nella sua essenza di platonica sensazione visiva riprodotta come emanazione che sostituisce il mondo reale; il colore, per far comprendere a fondo il messaggio emozionale che riceve chi guarda una foto, oltre a cosa il colore comunica e come l’anima risponde; la composizione, per far apprezzare l’emozione che genera uno specifico taglio fotografico della realtà, oltre a come incide sul piacere e cosa tocca a chi guarda; la forma, per dire quale significato olistico hanno le forme e a cosa ci riportano nel momento in cui osserviamo un soggetto.

Nelle sequenze di otto scatti che Francesco Milana ha presentato al Festival, si nota quanto la sua passione per la fotografia sembri nascere quasi all’improvviso, mentre in effetti matura attraverso piccole esperienze giovanili, che man mano diventano chiare e profonde.
Per questo, in Milana si delinea chiaramente l’esigenza di compiere scelte stilistiche e contenutistiche sempre più consapevoli.
Per l’artista della macchina fotografica la predilezione di interpretare il paesaggio su largo respiro rappresenta un modo per entrare nella natura in maniera inclusiva e partecipativa su base reciproca, come se il paesaggio fosse per il fotografo uno specchio dell’anima e il fotografo fosse una parte inalienabile del paesaggio che vive attraverso i suoi scatti.
Anche Raffaele Ceravolo, appassionato di fotografia da più di 20 anni, ricerca le armonie e la luce attraverso quel meraviglioso strumento che è la macchina fotografica.
Per Ceravolo, la luce rimanda immagini che vanno a rispecchiarsi, nell’immediato, negli stati d’animo e nei sentimenti dei più attenti, nell’intuizione del pittore, del poeta, nell’opera che nascerà.
In occasione del Festival Olistico Morgana ha selezionato e presentato quattro scatti tra le migliaia di foto realizzate.

La foto 6546, che nasce 8 anni prima dall’essere realizzata, che è una foto che sottende la consapevolezza della fragilità umana e quanto basti perché il dolore possa mutare il senso della vita. Eppure, è soltanto riappacificandosi con esso che è possibile un ritorno costruttivo al quotidiano mutilato dalle assenze.FOTO 7304FOTO 6666FOTO 6546
La foto 6607, che esprime il concetto della circolarità dell’inizio e della fine, spesso da noi stessi generata. Nella foto, la vela che vira rappresenta il durante che si stacca dall’infinito dello sfondo.
La foto 6666 che, invece, rappresenta un saluto per chi ci sarà sempre. Uno scatto in cui il sole tramonta per diventare alba in un altrove.
Infine, la foto 7304, che nasce da una suggestione: passeggiando sulla Via Marina, alla bellissima luce delle prime ore del mattino, Ceravolo intravede nell’intreccio delle radici di un albero la sinuosità di un corpo femminile, drappeggiato come pieghe leggere di un foulard. Il corpo di donna come radice che trattiene e dà nutrimento.
Per la Calabria, l’edizione 2019 del Festival Olistico Morgana si è rivelato essere un evento di elevata importanza, con intensi viaggi sensoriali e di pensiero, che ha fatto scoprire e apprendere a quanti vi hanno preso parte tutti i benefici per il corpo e la mente offerti da questa particolare disciplina, da considerare soprattutto come una vera filosofia di vita.


Leggi anche...



News
Sondaggio Ixè: tra Lega e PD 2 punti. Stabile la...

Questa settimana le intenzioni di voto fotografano un arresto della flessione della Lega...


News Lamezia e lametino
Lamezia. D’Elia (LBC): «Degrado e abbandono...

Se gli ultimi provvedimenti dell’amministrazione comunale vanno nella direzione positiva di...


Cultura, eventi e spettacoli
1970 – 2020: SENZA MEMORIA NON C’E’ FUTURO....

Nonostante la pioggia che ha impedito lo svolgimento in Piazza della Repubblica, si è svolta...


News Calabria
Nuovi bandi GAL BATIR: all’UniReggio l’incontro...

Area dello Stretto, Costa Viola e Piana di Gioia Tauro-Rosarno sono le zone in cui le imprese...