Ucraina, due piazze per la pace ma restano le distanze
6 novembre 2022

News

Ucraina, due piazze per la pace ma restano le distanze


Due piazze per chiedere la pace. La giornata delle manifestazioni per l’Ucraina vede le opposizioni schierate in città diverse, Roma e Milano, e una serie di sfumature sul percorso da seguire per ottenere una tregua, che viene invocata da tutti. Sullo sfondo, al di là delle polemiche politiche che comunque si intrecciano, è il tema del sesto invio di armi a Kiev che resta il nervo scoperto del fronte progressista schierato per la pace.

Carlo Calenda e Matteo Renzi monopolizzano l’appuntamento all’Arco della pace a Milano. Enrico Letta, Giuseppe Conte e gli altri partiti progressisti, senza bandiere, sfilano a Roma ma non insieme. A scaldare l’atmosfera ci ha pensa sin dal mattino il leader di Azione, che mette subito le cose in chiaro: “A Roma una manifestazione contro ‘il bellicismo europeo’ e il diritto dell’Ucraina di difendersi; a Milano una piazza contro l’aggressione Russa. Resistenza vs Resa”. Una contrapposizione che attraversa tutta la giornata, nonostante venga subito respinta da Letta: “Nessuna polemica da parte nostra”.

Ma oltre ai tweet infuocati di Calenda sono le parole di Conte, il primo ad arrivare in piazza, a tirare subito una linea che passa proprio nel mezzo del fronte delle opposizioni: “Ho sentito dire al ministro Crosetto che il governo si appresta a fare il sesto invio di armi all’Ucraina. Il governo non si azzardi a procedere senza aver interpellato il Parlamento, tanto più trattandosi di un governo che non è più di unità nazionale”, dice subito il leader del M5s.

E’ una posizione che viene subito sposata da Articolo 1: “E’ impensabile che si decida un sesto invio senza passare per le Camere”, dice il coordinatore Arturo Scotto. Che certo non dispiace a Sinistra Italiana: “E’ evidente che la soluzione militare non è la soluzione”, spiega Nicola Fratoianni. E anche ai Verdi: “Le decine e decine di migliaia di persone che sono a Roma non sono certo filo putiniane ma vogliono portare i grandi Stati a un tavolo di trattative”, sottolinea Angelo Bonelli.

Mentre per il segretario di +Europa Benedetto Della Vedova “serve proseguire il sostegno umanitario, economico e militare alla resistenza Ucraina”. Così, mentre Peppe Provenzano chiarisce che “le polemiche politiche le strumentalizzazioni sono del tutte fuori luogo”, il tema armi e come arrivare alla pace resta molto presente nel fronte progressista. Attraversando anche il Pd. “Sono convinto che una straordinaria partecipazione dal basso debba essere ascoltata e valorizzata”, sottolinea Andrea Orlando. E non è un caso se Letta, a due passi da piazza san Giovanni, viene bersagliato da qualche contestatore che gli rimprovera: “Basta inviare armi”.

Il segretario del Pd, sfilando nel corteo, ribadisce che “la pace è la cosa più importante di tutte”, che “noi siamo a nostro agio in una piazza che chiede pace, per noi la pace vuol dire la fine dell’invasione Russa. Questo è il punto centrale”. E sulle armi a Kiev, spiega: “Quando il governo avanzerà una proposta la vaglieremo e se ne parlerà. Abbiamo sempre detto che lavoreremo in continuità con quello che si è fatto, in linea con le alleanze europee e internazionali di cui facciamo parte”.

E’ la capogruppo alla Camera Debora Serracchiani a specificare: “Noi abbiamo tenuto finora una posizione lineare: aiutando l’Ucraina si aiuta l’Europa. Finora noi lo abbiamo sempre fatto. Siamo disposti a ragionare con il Governo”.

Il ‘sipario’ sulla giornata di manifestazioni spetta a Calenda, perchè il raduno di Milano si tiene nel pomeriggio e slitta fino al crepuscolo. Il leader di Azione se la prende soprattutto con il leader del M5s: “Conte è stato con Salvini quando era Putinista, è filo Trumpiano, ha firmato la via della seta con i cinesi e poi ha deciso che è progressista. Adesso ha deciso che è pacifista. Domani deciderà che è comunista e tra quattro giorni diventerà nazionalista”. “C’è una definizione per Conte -incalza Calenda- si chiama qualunquismo, e nella cultura italiana il qualunquismo è di destra, non c’entra niente con la sinistra”. Parole che arrivano dopo la sferzata mattutina riservata da Conte al terzo polo: “Non ho capito se la piazza di Milano è per la pace o per la guerra”.

Per il segretario del Pd, invece, Calenda sceglie il ramoscello d’ulivo: “Mi dispiace che Letta non sia qui. Non sarebbe stato contestato. Qua c’è metà del Pd lombardo. Nessuno avrebbe contestato Enrico Letta perché se c’è una cosa che va riconosciuta a Enrico Letta è la totale linearità sulla questione ucraina. E quindi qui sarebbe stato solo applaudito”.


Leggi anche...



News
Terremoto Turchia e Siria, vescovo di Aleppo:...

"Eravamo al terzo piano, la paura è stata enorme e ora tutta la gente è in strada, al freddo...


News
Sanremo 2023, lettera Zelensky e niente video:...

Niente più video del presidente ucraino Volodymir Zelensky a Sanremo 2023. Ci sarà un...


News
Verona-Lazio 1-1, gol di Pedro e Ngonge

Termina in parità sul punteggio di 1-1, Verona-Lazio, il primo dei due posticipi del lunedì...


News
Regionali Lombardia, da Colombo a Strada: i nomi...

L'ex magistrato di Mani Pulite Gherardo Colombo, il fondatore di PizzaAut Nico Acampora,...