cibo-calabrese
25 gennaio 2021

Società

Ristoranti calabresi a Roma, bandiere dei sapori di un territorio: censimento Unsic delle “insegne” regionali nella Capitale a sostegno dei ristoratori


Il principale riferimento è ovviamente la nduja. Ma anche il peperoncino e la cipolla di Tropea. Non mancano richiami storici, ad esempio Scilla e Cariddi. O geografici. Benvenuti nelle insegne calabresi della ristorazione regionale della Capitale. L’offerta è ricca e include citazioni di ambasciate, locande, padelle, perle, spuntini. E se la comunità calabrese è tra le più vaste a Roma, l’offerta culinaria non è da meno.

Le bandiere sono rappresentate dai menù. Nella maggior parte dei casi, fedeli alla tradizione, benché alcuni li abbiano affiancati a quelli della tradizione romana.

Tra i primi piatti includono fileja alle verdure piccanti, stroncatura ammollicata, cavatelli ai frutti di mare, pasta ca’ muddhìca e alici, ravioli di cernia. Tra i secondi: frittuli, costolette di agnello, baccalà alla cosentina, gallinella. Immancabili la soppressata, i peperoni cruschi, la ricotta salata e la provola.

L’iniziativa “I territori nel piatto”, lanciata dal sindacato datoriale Unsic a sostegno delle imprese del settore ristorazione, è caratterizzata proprio da un “censimento” della cucina tipica regionale a Roma, città simbolo di incontri e contaminazioni. In un periodo difficilissimo, il sindacato ha voluto valorizzare l’identità e la storia dei tanti ristoranti, offrendo una vetrina gratuita on-line a beneficio degli utenti e degli oltre tremila uffici – soprattutto Caf, Patronati e Caa – dello stesso sindacato sparsi per il territorio. Una cinquantina i ristoranti con proprietari abruzzesi inclusi nell’iniziativa. Ma l’elenco è in costante evoluzione.

La difficile situazione del settore, specie in una città come Roma caratterizzata dal turismo internazionale, ci ha spinto a lanciare l’iniziativa ‘I territori nel piatto’ per valorizzare l’aspetto della cucina regionale dei circa 350 ristoranti censiti – spiega Domenico Mamone, presidente dell’Unsic. “Si tratta di un piccolo strumento di promozione gratuita che potrà essere utile soprattutto nella fase di ripresa. Come ricorda la Fipe, nel 2020 il settore ha perso 38 miliardi complessivi a causa di una chiusura media di 160 giorni, con un saldo negativo tra aperture e chiusure di 9.232 unità. I ristori hanno coperto molto parzialmente gli incassi perduti, più efficace è stato il credito d’imposta del 60 per cento per i canoni di locazione e del 30 per cento per l’affitto ramo di azienda. Ma occorrerà moltiplicare iniziative e sforzi, lavorando soprattutto d’ingegno, per rilanciare tutto il settore turistico”.

Qui l’elenco dei ristoranti calabresi a Roma: https://unsic.it/news/r-estate-in-italia/


Leggi anche...



News
Trump torna e attacca: “Biden un disastro”

(Adnkronos) "Vi manco già? Biden ha iniziato in modo disastroso". Donald Trump si presenta...


News
Milan espugna l’Olimpico, 2-1 alla Roma

(Adnkronos) Dopo due sconfitte consecutive in campionato contro Spezia e Inter, il Milan...


News
Nuovo Dpcm, Bonaccini: “Ipotesi scuola chiusa...

(Adnkronos) "La situazione nella scuole è complicata. Una delle novità dovrebbe essere...


News
Di Maio: “M5s scriverà il futuro del Paese”

(Adnkronos) "Sono anni che ci danno per morti, sbagliando. Il MoVimento 5 Stelle non solo...