piero-grasso-a-vibo
10 ottobre 2017

News cultura, spettacolo, eventi e sport

Al via Tropea Festival Leggere&Scrivere, primo ospite il presidente del Senato Piero Grasso


Ha aperto ieri i battenti il Festival LeggereScrivere 2017, la kermesse letteraria che fino a sabato 14 ottobre colorerà Vibo Valentia di creatività e cultura con dibattiti, mostre, eventi gastronomici e concerti.

Primo ospite della rassegna culturale Leggere&Scrivere 2017 è stato il presidente del Senato, Pietro Grasso, che ha presentato davanti ad una folta e giovane platea Storie di sangue, amici e fantasmi, un libro che raccoglie, a 25 anni dalla strage di Capaci e di via d’Amelio, le emozioni e la vita dell’ex magistrato antimafia. Originario di Palermo, il presidente Grasso durante il racconto non ha dimenticato l’influenza mafiosa che ha condizionato tutto il suo percorso.

«C’è una gara a minimizzare», ha detto Grasso, «Cosa Nostra, Camorra e ‘Ndrangheta. A volte sono considerate bande isolate o si tende addirittura a romanzare la figura del padrino. Il sistema criminale, invece, coinvolge l’intera comunità che vive questi luoghi: burocrati, mafiosi, imprenditori, politici».

Grasso ha ricordato poi alcune storie personali e intime, come la terribile notizia dell’attentato a Giovanni Falcone, suo amico e collega, e delle ultime ore di vita del giudice.

«Persone come Falcone e Borsellino erano capaci di una rivolta morale e hanno influenzato le esperienze della mia vita. Una interminabile storia di cieca violenza», ha spiegato il presidente del Senato durante il suo intervento a Leggere&Scrivere 2017, «conclusa con gli attacchi al cuore dello Stato. Anche io, in seguito alle dichiarazioni di un pentito siciliano, appresi di essere un obiettivo della mafia siciliana dopo Falcone e Borsellino».

E, secondo Grasso, accendendo i riflettori sui Corleonesi e Cosa Nostra è stato sottovalutato un fenomeno che oggi viene conosciuto in tutto il mondo per la sua strategia e levatura criminale: la ‘ndrangheta.

«Bisogna infondere cultura sui valori, la democrazia e i beni comuni», ha affermato l’ex magistrato, «e bisogna scegliere da che parte stare. In questo delicato processo la scuola dà speranza: i ragazzi diventino protagonisti e non spettatori del proprio futuro».

A margine della presentazione il presidente Grasso ha risposto alle domande dei giornalisti sul caldo tema riguardante lo ius soli, tornato ora all’ordine del giorno del Senato (dove si è arenato da due anni), e ha detto: «spero che si possa aprire una finestra per poterlo calendarizzare al Senato. Del resto, credo che ci sia maggiore consapevolezza che si tratti più di uno ius culturae che di uno ius soli in senso stretto».


Leggi anche...



News
Razzi di Hamas su Tel Aviv, Israele attacca Rafah:...

Sarebbero almeno 35 le persone morte nell'attacco israeliano di ieri contro un campo per...


News
Da vicino nessuno è normale, Angelina Mango tra...

Secondo appuntamento oggi lunedì 27 maggio con 'Da vicino nessuno è normale', l'inedito...


News cultura, spettacolo, eventi e sport
LAMEZIA. Lectio Cardinale Ravasi: “La Bibbia ci...

Il primato della Parola, la Grazia e il dramma della libertà umana che può accogliere e...


News cultura, spettacolo, eventi e sport
LAMEZIA. «Maschere, identità nascoste»: a Villa...

LAMEZIA. È in programma per venerdì 31 maggio 2024 alle 18 la presentazione della mostra di...