Lamezia Unita - Sopralluogo Depuratore - Image 1
21 luglio 2016

News Lamezia e lametino

«Blitz» di Lamezia Unita al depuratore. Muraca: «Soddisfatto per il buon funzionamento dell’impianto»


Preoccupati per le notizie diffuse ieri da Goletta Verde sul funzionamento della piattaforma depurativa lametina, stamane un gruppo di dirigenti di «Lamezia Unita», costituita dai consiglieri comunali Luigi Muraca, Maria Grandinetti, Marialucia Raso, dal vicepresidente di Lamezia Europa Spa Geltrude Maione, da Osvaldo Rocca e Francesco Perino si sono recati, senza alcun preavviso, presso l’impianto di proprietà dell’Asi e gestito dalla Deca.

La delegazione di Lamezia Unita è stata ricevuta dal Direttore generale del Consorzio Industriale, Fabrizio D’Agostino e dal personale della Deca e si è proceduto preliminarmente ad una verifica istantanea delle acque in uscita dal depuratore, che si presentavano limpide con percettibile contenuto di cloro. Si è passati poi all’esame del monitor da cui vengono segnalati eventuali punti di criticità dell’impianto a tutt’oggi inesistenti.

L’intero impianto è stato realizzato con meccanismi che consentono un soddisfacente grado di automatismo, in maniera tale che possa essere controllato e gestito riducendo al minimo le operazioni di comando di tipo «manuale». I flussi in entrata ed in uscita non destavano allarme e le pompe di sollevamento erano funzionanti. Particolarmente importante in questo senso è l’installazione di PLC (logica di controllo programmabile) per il quadro elettrico generale e per i sotto quadri di sistemi complessi (come ad esempio i sistemi di microfiltrazione).

Infine il gruppo di lavoro di «Lamezia Unita» ha esaminato accuratamente le analisi effettuate sulle acque di scarico del depuratore, tutte nei limiti, sia quelle afferenti i metalli, sia quelle di carattere batteriologico. Alla fine della visita il capogruppo di «Lamezia Unita», Luigi Muraca ha espresso soddisfazione per il funzionamento dell’impianto, sul quale il concessionario, che gestisce il depuratore a seguito di una procedura di project financing, ha già speso oltre 2 milioni di Euro per realizzare lavori macro-strutturali nei seguenti comparti: pretrattamenti, denitrificazione e ossidazione biologica, sedimentazione e ricircolo fanghi, digestione fanghi, trattamento fanghi, rifacimento impianto di disinfezione, acqua industriale e potabile.

«La soddisfazione per il buon funzionamento della piattaforma depurativa di Lamezia», ha detto Muraca «si attenua se invece si guarda a ciò che sta avvenendo in Calabria, dove la finanza di progetto per l’attuazione di diversi interventi nel settore fognario-depurativo è oggetto di indagine da parte dell’Autorità Anticorruzione del presidente Raffaele Cantone, il quale ha dichiarato che in Calabria sono state riscontrate gravi distorsioni e, sulla base dell’indagine dell’Anac, la Regione Calabria ha dovuto bloccare 14 dei 16 interventi dislocati in Comuni della Calabria, anche abbastanza grandi, a causa dell’errata ripartizione dei rischi tra soggetti pubblici e soggetti privati, sicché tutti questi impianti che avrebbero dovuto essere rinnovati, sono ancora vetusti e depurano male. Forse è da ricercare in questo ennesimo caso di cattiva amministrazione calabrese una delle probabili ragioni del mare sporco».


Leggi anche...



News
A Serenissima Ristorazione premio Industria Felix,...

Serenissima Ristorazione, tra i leader nel settore della ristorazione collettiva e commerciale...


News
Roma, nuova voragine in via Sestio Menas al...

Una betoniera, impiegata per lavori di ripristino del manto stradale, è parzialmente...


News
Toti resta ai domiciliari, gip: “Da...

Il governatore ligure Giovanni Toti, arrestato per corruzione lo scorso 7 maggio, resta ai...


News
Assemblea Assobiotec, ‘Competitività il nodo...

È dedicato a ‘Competitività, il nodo della ricerca, il ruolo dell'impresa’ il convegno...