vacanze_3
23 giugno 2017

Storia, miti e leggende della Calabria e del Sud

Calabria magica: la leggenda di Donna Canfora e della Costa Viola


Donna Canfora era una gentildonna molto bella e buona. Tutti, nel piccolo paese di mare dove era nata e cresciuta, ammiravano quella giovane vedova alta e flessuosa, vestita di scuro, dai lunghi capelli ricci e lo sguardo dolce ma fiero.

Le sue virtù erano pari alle sue ricchezze ma Donna Canfora, che non aveva figli, teneva per sé solo il necessario e dava ai poveri il superfluo.

La fama della sua bontà e della sua bellezza si sparse ben presto di contrada in contrada e fuori dai confini della Calabria, molti cavalieri iniziarono a giungere da ogni parte del mondo per vederla e chiederla in sposa. Lei rifiutava e continuava la vita di sempre. Era felice così.

Un giorno la fedele governante di Donna Cànfora tornò al palazzo con la notizia che al porto era giunta dall’Oriente una nave straniera carica di sete e velluti di ogni colore, gemme e pietre preziose e oggetti di ogni genere e che tutti stavano correndo giù alla marina per ammirare tutte quelle meraviglie.

Anche Donna Cànfora, dopo ore di insistenze della donna, decise di andare alla Marina a vedere la nave. Al suo arrivo, la folla riunita la accolse come una regina e, tra applausi e grida di giubilo, si aprì in due ali per farla passare.

Il capitano della nave le andò subito incontro con viso sorridente e, ringraziandola per la visita, la invitò a salire a bordo per mostrarle la mercanzia.

Donna Canfora senza quasi accorgersene si ritrovò sulla tolda piena fino all’inverosimile in tutti gli angoli di merci preziose e, accompagnata sempre dal gentile capitano, cominciò ad ammirarle ad una ad una.

A un tratto il vento le scompigliò i capelli. Donna Canfora alzò lo sguardo incredulo, tutto intorno a sé si mosse e la nave già filava dritta come una freccia.
Dalla riva si alzarono le grida furibonde della gente in tumulto e le imprecazioni di almeno cento uomini che, capito l’inganno, a nuoto tentarono di raggiungere la nave e liberare Donna Canfora.

Troppo tardi. La terra era già lontana, circonfusa da un pulviscolo dorato, e Donna Canfora perduta, ormai prigioniera di quegli stranieri che si rivelarono essere i terribili Saraceni.

Si voltò verso il capitano che l’aveva ingannata così atrocemente, e guardandolo dritto negli occhi, gli chiese la grazia di esser lasciata libera un istante per dare l’ultimo saluto alla terra natale.

Salì sulla poppa, gli occhi profondi e lucenti e i capelli al vento, guardò le curve delle montagne baciate dagli ultimi raggi del sole, il mare che sembrava quasi accarezzare la terra e intravedeva ancora i compaesani riuniti sulla riva che osservavano impotenti l’allontanarsi della nave.

Donna Canfora guardò, guardò a lungo come per abbracciare tutto e tutti e poi all’improvviso si lanciò fra le onde e scomparve.

Nel piccolo paese della costa calabrese tutti piansero per giorni e per anni la scomparsa di Donna Canfora e da allora il tratto di mare dove ella morì possiede tutte le sfumature blu e indaco delle sue vesti. E’ la Costa Viola.
Annamaria Persico


Leggi anche...



News
Attacco Iran, ‘allerta totale’ in...

L'"allerta totale" è stata dichiarata dall'esercito di Israele per un possibile attacco...


News
Scintille Fedez-Gramellini, il rapper: “Di...

Dopo le polemiche sulla cover del cellulare con l'immagine di Berlusconi da parte di Fedez,...


News
Ammirati (Rai): “Incendio a Stromboli grande...

"Anche noi, come servizio pubblico, abbiamo vissuto come un grande dramma quello che è...


News
Sinner e la sconfitta a Montecarlo: “Errore...

Jannik Sinner battuto in semifinale a Montecarlo da Stefanos Tsitsipas anche per un errore...