Israele-Hamas, slitta tregua a Gaza
23 novembre 2023

News

Israele-Hamas, slitta tregua a Gaza. Qatar: “Negoziati procedono bene, annuncio a breve”


Slitanno la tregua tra Israele e Hamss e il rilascio degli ostaggi, inizialemnte previsti per oggi secondo le ultime news di giovedì 23 novembre. I negoziati a Doha per l’accordo “proseguono positivamente” e nelle prossime ore ci sarà l’annuncio della tregua, ha assicurato il portavoce del ministero degli Esteri del Qatar, Majed al-Ansari, secondo cui Doha sta lavorando con le due parti e con gli Stati Uniti “per garantire il rapido inizio della tregua e per fornire quanto è necessario per assicurare l’impegno delle parti per l’accordo”. Tregua che sarebbe dovuta iniziare questa mattina alle 10 (le 9 in Italia). Un portavoce dell’esercito israeliano ha dichiarato che il processo di liberazione degli ostaggi è complesso e non ancora concreto. L’esercito sta preparando l’attuazione di questa prima fase dell’accordo di scambio di ostaggi, ha dichiarato Daniel Hagari nella tarda serata di mercoledì. Tuttavia, il rimpatrio delle persone rapite potrebbe richiedere tempo e svolgersi in diverse fasi, ha affermato.

“Il rilascio (degli ostaggi) inizierà secondo l’accordo originale tra le parti, e non prima di venerdì”, ha dichiarato il consigliere israeliano per la sicurezza Tzachi Hanegbi, citato dai quotidiani Haaretz e Times of Israel e dal canale N12. “I colloqui per il rilascio dei nostri ostaggi stanno procedendo e continueranno su base continuativa”.

L’accordo tra Israele e Hamas

Il primo scambio di ostaggi rapiti in Israele con prigionieri palestinesi era inizialmente previsto per oggi. Il Times of Israel ha citato un funzionario israeliano che ha spiegato il ritardo dicendo che sia Israele che Hamas avrebbero dovuto firmare un documento di ratifica dell’accordo perché questo entrasse in vigore. Haaretz ha riferito che i funzionari israeliani avevano detto che non ci sarebbe stata alcuna interruzione dei combattimenti finché non ci fosse stata una tempistica definitiva per l’accordo con Hamas.

L’accordo prevede il rilascio di 100 ostaggi da Gaza in cambio di 300 prigionieri palestinesi detenuti in Israele. Il gabinetto israeliano ha approvato l’accordo all’inizio di mercoledì, dopo settimane di negoziati difficili mediati dal Qatar e dagli Stati Uniti. Il primo passo dell’accordo prevede il rilascio graduale di 50 donne e bambini israeliani che sono stati trattenuti dai militanti a Gaza dall’attacco terroristico del 7 ottobre. In cambio, verranno rilasciati 150 prigionieri palestinesi. In una seconda fase, altri 50 ostaggi israeliani saranno scambiati in piccoli gruppi con altri 150 prigionieri palestinesi. Il cessate il fuoco sarà accompagnato da maggiori consegne di aiuti per la popolazione civile sofferente nella Striscia di Gaza, dove cibo, acqua, elettricità e forniture mediche scarseggiano.

Israele ha dichiarato che il cessate il fuoco durerà almeno quattro giorni, ma potrebbe essere esteso di un giorno per ogni 10 ostaggi in più rilasciati. È previsto un massimo di 10 giorni per l’intero scambio. Dopodiché, la lotta dell’esercito israeliano contro Hamas e altri estremisti islamici nella Striscia di Gaza continuerà.

Delle 240 persone rapite e portate a Gaza, quattro donne sono state finora rilasciate da Hamas. Un giovane soldato è stato salvato dall’esercito israeliano. L’esercito ha anche trovato i corpi di due persone. Non è chiaro quanti ostaggi siano ancora vivi. I media locali hanno riferito che Israele trasmetterà una prima lista di nomi di ostaggi da rilasciare. Le madri e i bambini rapiti non sarebbero stati separati.

Il governo israeliano ha annunciato mercoledì i nomi e i dettagli dei 300 palestinesi imprigionati che possono essere rilasciati. Nella lista ci sono 123 persone di età inferiore ai 18 anni. I più giovani hanno 14 anni. Secondo la lista, 33 prigionieri sono ragazze e donne. Sono accusati di lancio di bombe incendiarie, incendi dolosi e attacchi con coltelli, tra gli altri reati. Non è previsto il rilascio di nessun prigioniero in carcere per omicidio. Una volta liberi, dovranno tornare nei luoghi in cui vivevano prima della detenzione, come la Cisgiordania o Gerusalemme Est.

Poco dopo l’attacco del 7 ottobre, l’esercito israeliano ha lanciato attacchi aerei sulla Striscia di Gaza e ha schierato truppe di terra con l’obiettivo di distruggere Hamas. Secondo il ministero della Sanità controllato da Hamas, finora sono state uccise più di 16.000 persone. L’esercito israeliano ha dichiarato mercoledì che i soldati hanno distrutto circa 400 tunnel dall’inizio della guerra. Molti dei tunnel utilizzati da Hamas sono stati trovati sotto ospedali civili, scuole e case. La Mezzaluna Rossa palestinese ha dichiarato che altri pazienti saranno evacuati dall’ospedale al-Shifa, in rovina, a Gaza City.

Quattordici ambulanze, accompagnate da personale delle Nazioni Unite e di Medici Senza Frontiere, sono arrivate al più grande ospedale della Striscia di Gaza mercoledì. I pazienti sono stati portati negli ospedali del sud, dove le condizioni sono relativamente più sicure rispetto al nord.

Leggi anche


Leggi anche...



News
Assalto Cgil, Cassazione: Appello bis per nove imputati

Appello bis per nove imputati nel processo con rito abbreviato per l’assalto alla sede della...


News
Spagna, l’annuncio di Sanchez: “Lunedì...

Dopo l'inchiesta giudiziaria che ha coinvolto la moglie, il premier socialista scrive una...


News
Spotify presenta i nuovi talenti di ‘Radar...

Arriva in Italia la quarta edizione di Radar, il programma globale di Spotify nato per...


News
Università, Gesualdo (Fism): “Nettamente...

"La decisione di eliminare il numero chiuso per l'iscrizione alla Facoltà di Medicina,...