dav
4 giugno 2019

News cultura, spettacolo, eventi e sport

Lamezia Terme. Impressioni Mobili: 8 giugno alla scoperta di Accaria e Galli, i «borghi di lassù»


Open Space – Associazione Culturale, coordinatrice del progetto Impressioni Mobili, organizza giorno 8 giugno un nuovo percorso di trekking urbano alla scoperta delle frazioni lametine Accaria e Galli.

Dopo l’ultima uscita che ha toccato i “contorni” di Lamezia Terme Nicastro con la visita alle frazioni storiche di Magolà, Zangarona e Bella, Impressioni Mobili va alla scoperta dell’entroterra collinare attorno alla città della Piana con il percorso di trekking urbano numero 8 “Accaria e Galli, borghi di lassù”, curato dallo storico Matteo Scalise.
Accaria, messa in piedi a inizio Settecento, fa parte del comune di Serrastretta, mentre Galli, fondata ai primi dell’Ottocento, appartiene al comune di Feroleto Antico.
Durante il percorso conosceremo la figura della Medaglia d’oro al valor civile, il Vice Sovrintendente della Polizia di Stato Pietro Caligiuri (1957-1996), che ad Accaria cadde durante l’adempimento del dovere il 10 maggio del 1996. Passaggio anche nei luoghi dello scienziato di fama mondiale Valentino De Fazio (1920-1960) che negli ultimi anni di vita fu medico nella frazione di Accaria, nel cui cimitero oggi riposa. E andremo pure alla scoperta dei monumenti, delle chiese (Chiesa di Maria Santissima del Rosario e Chiesa dell’Immacolata) e delle fontane che caratterizzano le due piccole comunità collinari di Accaria e Galli.

Ogni sosta sarà accompagnata dai cenni storici relativi ai monumenti e ai luoghi sacri e civili che si visiteranno. In aggiunta all’approfondimento storico, le soste verranno arricchite da “incursioni letterarie” promosse da Open Space e aperte alle proposte e agli interventi dei partecipanti.
I dettagli del percorso 8 “Borghi di lassù. Accaria e Galli”. Il punto di ritrovo e la susseguente partenza sono fissate alle 15.00 di sabato 8 giugno da Piazza della Repubblica, Lamezia Terme. Da lì si muoverà alla volta di Accaria Quinzi, posta a 607 metri sul livello del mare, facilmente raggiungibile da Lamezia Terme Nicastro sia da Fronti (SP 77) che da Cardolo (SP 79).

Dopo l’arrivo ad Accaria Quinzi e il ritrovo con quanti si siano aggregati all’uscita di trekking urbano direttamente qui, alle ore 16.00 ci si appropinquerà a piedi verso il monumento alla memoria di Pietro Caligiuri e le chiese dell’Immacolata e di Maria Santissima del Rosario. Dopodiché tappa al percorso naturalistico di località Chiuse e alle caratteristiche “Funtana da’ Puverella” e Fontana Ferretti con l’ingresso nel territorio di Galli. Ogni sosta sarà accompagnata dai cenni storici relativi ai monumenti e ai luoghi sacri e civili che si visiteranno. In aggiunta all’approfondimento storico, le soste verranno arricchite da “incursioni letterarie” promosse da Open Space e aperte alle proposte e agli interventi dei partecipanti.
Il percorso si concluderà con il ritorno ad Accaria Quinzi. Si percorreranno circa 4.800 metri, 2.000 dei quali consistenti nel percorso naturalistico. Si consigliano perciò vestimenti e calzature comodi.
Il percorso verrà raccontato per immagini da Open Space – Associazione Culturale, 35 Millimetri – Associazione Artistica e Culturale e Manifest.


Leggi anche...



News
Biden-Trump, duello al confine con il Messico: la...

Si sono accusati reciprocamente di essere responsabili della crisi migratoria, Joe Biden e...


News
Meteo, torna il gelo sull’Italia? Le...

Dopo l'ondata di maltempo con tanta pioggia e neve, potrebbe tornare il gelo sull'Italia? Sì,...


News
Strage di Erba, le tappe: il massacro,...

E' l'11 dicembre 2006 quando i vigili del fuoco entrano, alle 20.29, nella palazzina del...


News
Strage Erba, le tre prove della discordia al centro...

Testimone oculare, prova scientifica e confessioni. Sono queste le prove della discordia...