Vino-cotto-grano-Santa-Lucia
13 dicembre 2016

Ricette calabresi-cucina leggendaria

Natale in Calabria. La ricetta della cuccìa, il grano cotto di Santa Lucia


E’ grande in Calabria la devozione popolare per Santa Lucia, la Santa della luce. Non a caso si festeggia il 13 dicembre, il giorno più corto dell’anno, e fa parte fa parte dei rituali dell’Avvento in attesa del Natale, il giorno della nascita di Gesù Luce del mondo.

In molti paesi del Crotonese e del Cosentino in suo onore viene accesa la fhocara, un grande falò, e si prepara ‘u ranu e Santa Lucia, un delizioso piatto a base di grano cotto e vino cotto o miele di fichi.

Il procedimento è un po’ lungo ma semplice: lavate il grano decorticato e mettetelo a bagno in acqua fredda per 24 ore, rinnovando l’acqua per 2-3 volte. Scolatelo, mettetelo in una pentola, con un paio di litri di acqua, un pizzico di sale e portate a ebollizione. Fate cuocere a fiamma bassa per circa 3 ore, mescolando spesso e una volta raffreddato, aggiungete gli altri ingredienti.

In Calabria era di rito preparare il grano cotto il 12 dicembre per consumarlo in famiglia e donarne ai vicini il 13, per buon augurio e per invocare la protezione di Santa Lucia.

La martire cristiana visse a Siracusa intorno al IV secolo e, ispirata dall’apparizione di Sant’Agata, dedicò la sua vita ai poveri. Rinunciò al fidanzamento con un giovane del luogo e per questo venne denunciata e perseguitata per anni, sotto l’imperatore Diocleziano.

Lucia subì le più crudeli torture ma ribadì sempre la sua fede, e fu condannata a morte. Prima dell’esecuzione predisse a Diocleziano la morte e la fine delle persecuzioni entro pochi anni.

Santa Lucia è la Santa della luce e la protettrice della vista, raffigurata con una corona di candele (che indossava perché andava a trovare i poveri nelle catacombe), oppure con in mano un vassoio sul quale sono posati due occhi (donati ad un giovane che glieli aveva chiesti e che le erano ricresciuti più belli di prima).

Leggenda vuole che in tempo di carestia a Siracusa, la sua città, Santa Lucia lacrimò grano, o, secondo un’altra versione, fece apparire miracolosamente navi cariche di grano. Il popolo affamato non perse tempo a preparare il pane e mangiò il grano dopo averlo semplicemente bollito, salvandosi così da morte certa.

Da quel giorno per ringraziare la santa, ogni anno i siciliani e i calabresi, preparano il grano cotto che, col tempo, si è poi arricchito di altri ingredienti.

Tanti però sono i riti e le tradizioni dedicate a Santa Lucia, non solo in Calabria e in Sicilia, dove il grano cotto si chiama cuccia ed è arricchito di cioccolato, ricotta e canditi, ma anche nel resto d’Italia e nel Nord Europa: in Veneto, Friuli, Emilia Romagna e Trentino così come in Svezia e Danimarca i bambini le scrivono una letterina, lasciano del cibo sulla finestra per lei e attendono i suoi doni la notte del 13 dicembre.

In Svezia è tradizione che le ragazze al mattino indossino una coroncina verde con sette candeline e, cantando, portino dolci ai genitori.
Annamaria Persico


Leggi anche...



News
Ucraina, al summit di pace in Svizzera i Paesi del...

Bicchiere mezzo vuoto: il summit sulla pace in Ucraina, voluto dalla Svizzera, finisce con un...


News
Euro 2024, Inghilterra-Serbia 1-0: gol di Bellingham

All'Inghilterra basta un gol di testa di Jude Bellingham al 13esimo del primo tempo, servito...


News
California, incendio nella contea di Los Angeles:...

Maxi incendio nella contea di Los Angeles in California. Le fiamme si sono estese per migliaia...


News
Gordon Ramsay e l’incidente in bici:...

"Indossate sempre il casco in bici, a me ha salvato la vita". E' il messaggio dello chef...