locandina-tosa
1 marzo 2024

News cultura, spettacolo, eventi e sport

Premio Muricello: oggi a Lamezia Lorenzo Tosa presenta il suo ultimo libro «Vorrei chiederti se un giorno»


Lorenzo Tosa è un giornalista, uno di “quelli che scrive” e lo sa anche fare bene. Ha dalla sua una grande umanità, che spende quotidianamente nelle sue battaglie peri i diritti civili e sociali. Blogger da oltre 60.000 follower, ha pubblicato  “Vorrei chiederti di quel giorno”, il suo ultimo lavoro, che presenterà Venerdì, 1 marzo, alle 18,30 nella sala della libreria Tavella, sotto l’egida del Premio Muricello

E’ una storia difficile che emoziona e fa riflettere: l’autore ha concepito un’inchiesta privata e corale su Bruno, suo padre, morto suicida il 2 aprile 1986, che parte dall’ultimo giorno e dalle ultime ore trascorse insieme. Lorenzo aveva solo due anni e mezzo, non può ricordarle ma può ricostruirle e in parte immaginarle, e da lì avviarsi nel lungo e tortuoso viaggio per ricomporre i pezzi di una storia finora taciuta, in un’operazione di omissione concordata messa in atto dalla sua famiglia. Lo fa parlando con chi Bruno lo ha conosciuto e amato, gli amici, i compagni, le donne della sua vita; ricorrendo alla memoria e ricucendo i frammenti di Bruno arrivati fino a lui, senza sconti per nessuno e per se stesso; scavando anche nelle proprie insicurezze di bambino, di giovane adulto e di genitore a sua volta, per rispondere all’urgenza di conoscere e raccontare suo padre. C’è quindi Genova in queste pagine, c’è l’Italia degli anni Sessanta e Settanta e la generazione della politica e della contestazione, il turbinare nell’aria e nei cuori di nuovi modi di stare insieme nell’amicizia e nell’amore, e lo scontro tra i padri e i figli che sarà la cifra forse più paradigmatica di quegli anni. Dentro la vicenda di Bruno Tosa, ragazzo di trentatré anni, c’è la riflessione, così attenta e delicata nelle parole di Lorenzo, sul crollo psichico che porterà all’esito della vicenda, sullo stigma che il disagio mentale ancora si porta dietro, sulla cronaca di una morte non annunciata. Un racconto spietato e tenero, composto di silenzi e urla rabbiose, di presenze, assenze e abbandoni. Un cerchio che si chiude, nella salvezza che solo il conoscere può garantire, avvicinandosi un pezzo alla volta «a quell’utopia che chiamiamo anche verità».

L’appuntamento inizierà con i saluti di Gioacchino Tavella e di Antonio Chieffallo, Presidente dell’associazione Muricello. Dialogherà con l’autore l’avvocato Giuseppe Spinelli. Sabrina Pugliese leggerà alcuni brani del libro e Maria Pappalardo presenterà il disegno ispirato al lavoro di Lorenzo Tosa.

 


Leggi anche...



News
Assalto Cgil, Cassazione: Appello bis per nove imputati

Appello bis per nove imputati nel processo con rito abbreviato per l’assalto alla sede della...


News
Spagna, l’annuncio di Sanchez: “Lunedì...

Dopo l'inchiesta giudiziaria che ha coinvolto la moglie, il premier socialista scrive una...


News
Spotify presenta i nuovi talenti di ‘Radar...

Arriva in Italia la quarta edizione di Radar, il programma globale di Spotify nato per...


News
Università, Gesualdo (Fism): “Nettamente...

"La decisione di eliminare il numero chiuso per l'iscrizione alla Facoltà di Medicina,...