Report, Casaleggio: "Su Rousseau e M5S 10 fake news"
7 giugno 2022

News

Report, Casaleggio: “Su Rousseau e M5S 10 fake news”


“Piccole e grandi bugie non fanno bene alla politica e al giornalismo italiano. Se i giornalisti dichiarano apertamente di non poter pensare su questioni politiche come vedrete nel filmato integrale dell’intervista, chi pensa per loro conto? Chi commissiona i servizi riempiti di piccole e grandi bugie e omissioni? Mio malgrado sono costretto nuovamente a fare chiarezza su 10 fake news o storie raccontate a metà per tutelare la storia di Rousseau e del Fu MoVimento 5 Stelle. In questi anni ho capito che spesso interessa più il ‘verosimile’ che il ‘vero’. Se una storia è falsa, ma può sembrare vera, allora si butta in pasto ai lettori”. Lo dichiara Davide Casaleggio, presidente dell’Associazione Rousseau, a proposito del servizio trasmesso lunedì sera dalla trasmissione di Rai Tre ‘Report’.

“Da molto tempo si continua con una litania sul conflitto di interessi che mi riguarderebbe. Io non mi ci sono mai trovato avendo rifiutato posti da ministro e candidature e non avendo mai chiesto nulla a nessun eletto per i miei clienti. D’altra parte 120 parlamentari oggi in Parlamento che possiedono un’azienda si trovano invece proprio in questa condizione. La timidezza dei giornalisti italiani, che non hanno tempo di guardare gli emendamenti proposti e votati da queste persone, mi sorprende sempre”, replica Casaleggio alla trasmissione, aggiungendo: “Si è riusciti a ribaltare la realtà parlando di un contratto proposto da Conte a Rousseau per il prosieguo delle attività e che Rousseau avrebbe rifiutato. Questo fatto è semplicemente falso e lo possono testimoniare i due notai presenti agli incontri. In politica chi dice le bugie non va tanto lontano…”.

“Una bozza di contratto fu invece richiesta da Crimi e redatta da Rousseau nell’agosto 2020 e mai discussa nonostante anche a dicembre 2020 l’87% degli iscritti chiesero di sottoscriverlo. Evidentemente non serviva una piattaforma di partecipazione per qualche ratifica burocratica ogni tanto”, prosegue il titolare della Casaleggio Associati.

E ancora: “Si è parlato dell’acquisizione di documenti dalla guardia di finanza presso Casaleggio Associati. Peccato che si è omesso di dire che Casaleggio Associati non solo non è indagata, ma è coinvolta nella questione in qualità di parte lesa nell’affaire Moby dato che ha già sostenuto i costi del lavoro, ma non ha ricevuto diversi pagamenti a causa del concordato di continuità attivato da Moby”.


Leggi anche...



News
Pnrr, Eurispes: “Transizione a Ssn digitale...

L'impatto dei 15,5 miliardi previsti dal Pnrr per la Missione Salute, per riformare entro il...


News
Gli italiani e la carne, sempre di più quelli che...

Aumentano gli italiani che scelgono di non mangiare più carne. "E' vegetariano il 7,2% degli...


News
Ansiolitici e antidepressivi, nell’ultimo...

E' peggiorata la salute mentale degli italiani dopo la pandemia Covid. "Nell’ultimo anno 1...


News
In Italia attivi due milioni di influencer, è il...

L'Italia, "con due milioni di influencer attivi (21% del totale del mercato europeo),...