scirubetta_denisia
9 gennaio 2017

Ricette calabresi-cucina leggendaria

Scirubbetta calabrese, il gelato più antico del mondo


La scirubbetta calabrese, ovvero la neve mescolata con miele di fichi o mosto cotto, è una bella consuetudine ancora molto viva in Calabria all’arrivo dei candidi fiocchi invernali. Una preparazione tanto semplice quanto antica, la cui origine si perde nella notte dei tempi ed è da considerare come il primo gelato della storia.

E’ sufficiente raccogliere della neve pulita, metterne un pochino in una coppa, versarci su un filo di mosto cotto o miele di fichi e gustarla: è una vera delizia.

Il nome scirubbetta deriva dall’arabo sharbat, da cui derivano anche le parole italiane sciroppo e sorbetto, che significa bevanda e nei paesi orientali si riferisce ad una bevanda dolce servita molto fredda, liquida oppure densa, da sorbire con un cucchiaino.

Esistono tracce storiche di preparazioni simili in tutti i paesi in cui avvenivano precipitazioni nevose, in cui la neve veniva raccolta da operai specializzati e conservata a blocchi in luoghi sotterranei usando come coibentante paglia e legno. La neve poi veniva mangiata o usata per raffreddare i cibi, una sorta di frigorifero primordiale.

Le prime presenze di scirubbetta risalgono a 6000 anni fa e si ritrovano in Cina, dove si degustavano coppe di neve mista a miele e succhi di frutta. Di coppe adibite alla neve dolce ci sono tracce in Mesopotamia e in Persia, in antiche tombe egizie per arrivare all’antica Grecia, dove intorno al 500 a.C. diversi poeti parlano delle bevande a base di neve.

Nell’antica Roma poi il piacere del dolce freddo era assai diffuso. Plinio il Vecchio, oltre a fornire la prima ricetta di gelato a base di neve, miele e succhi di frutta, racconta che c’era una fiorente industria della neve, che si riforniva sul Terminillo ma anche sul Vesuvio e sull’Etna, e nelle città erano diffusi i chioschi dove vendevano bevande a base di neve e miele.

Si capisce quindi che la scirubbetta calabrese nasce da queste consuetudini e l’uso di condirla con miele di fichi o mosto cotto deriva dal fatto che nell’antichità la Calabria era il territorio a più alta produzione di fichi e di vino dell’epoca.

Da dire che allora come ora, nell’andare dei secoli, tutti consumavano la scirubbetta in inverno, quando era sufficiente raccogliere un po’ di neve dai tetti e aggiungere u vinu cuattu, ma anche succo d’arancia o caffè, ed era subito pronta, buonissima e utile anche contro i malanni di stagione.

D’estate invece, fino all’Ottocento, la scirubbetta era un cibo da ricchi, destinato a strati più elitari della società per via dei costi elevati.

Il pittore inglese Edward Lear infatti, nel suo famoso Journals of a landscape painter in Southern Calabria, il diario di viaggio corredato dei magnifici disegni della Calabria, spesso parla del «buon vino e neve scintillante», la deliziosa scirubbetta che gli veniva servita nelle case dei notabili dove veniva invitato.
Annamaria Persico


Leggi anche...



News
Coniugi uccisi in casa a Fano, fermato il figlio

E' stato fermato dalla polizia nella notte il figlio della coppia di anziani uccisa lunedì...


News
Ciclone sopra l’Italia, ancora maltempo al...

Ancora maltempo sull’Italia, con piogge continue al Centro-Nord e temperature sotto media, a...


News
Gaza, raid Israele nel campo Shati : uccisa sorella...

Le Forze di difesa israeliana (Idf) hanno condotto nella notte raid aerei contro la Striscia...


News
Coppa America, Brasile-Costa Rica 0-0: flop verdeoro

Flop del Brasile all'esordio in Coppa America. I verdeoro pareggiano per 0-0 con il Costa Rica...