Stoltenberg, Ucraina e armi Nato contro Russia: cosa dice l'Italia
27 maggio 2024

News

Stoltenberg, Ucraina e armi Nato contro Russia: cosa dice l’Italia


Le dichiarazioni di Jens Stoltenberg continuano ad alimentare il dibattito politico anche in Italia e le reazioni si susseguono. Il segretario generale della Nato ha invitato gli alleati che forniscono armi all’Ucraina a “valutare” di porre fine al divieto di utilizzarle per colpire obiettivi militari in Russia, perché Kiev “ha il diritto di difendersi e questo include anche colpire obiettivi in territorio russo”. Ma qual è allo stato la posizione del nostro Paese?

Lega: “Governo censuri Stoltenberg”

Nella maggioranza l’affondo a Stoltenberg arriva dalla Lega. “Questo signore o chiede scusa, o rettifica o si dimette”, dice senza mezzi termini Matteo Salvini. La Lega è pronta a depositare un ordine del giorno o una interrogazione finalizzata a censurare le parole del segretario generale della Nato. Primo firmatario il senatore Claudio Borghi, candidato in Ue, che all’Adnkronos spiega: “Con il primo strumento disponibile depositeremo un testo parlamentare per invitare il governo a censurare le parole di Stoltenberg che, senza alcun mandato per farlo, ha previsto un utilizzo offensivo e non difensivo degli aiuti militari mandati a Kiev a supporto dell’Ucraina”.

“Non abbiamo bisogno di alcuna escalation militare e non siamo in guerra con nessuno – scandisce il leghista – Prevedere impieghi di soldati italiani o l’uso delle nostre armi per colpire il territorio di un’altra nazione è una pazzia e Stoltenberg non ha alcun diritto di trascinarci in conflitti armati”. “La Nato è un’alleanza difensiva, la guerra se vuole vada lui a farla ma senza di noi”, conclude Borghi.

Meloni: “Bisogna essere prudenti”

Sulla questione Nato e le parole di Stoltenberg la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, a In mezz’ora su Rai 3, osserva: “Credo che bisogna essere prudenti, ma credo pure che sia giusto che la Nato mantenga la sua fermezza”.

“Fermo restando che ci sono incognite, ritengo controproducente il racconto allarmante di una Europa sull’orlo di un conflitto ampio, irresponsabile chi alimenta questo racconto. La deterrenza è l’unico rimedio, se si parla di via diplomatica è perché finora si è mantenuto equilibrio tra le forze”, dice Meloni ricordando il motto latino ‘se vuoi pace prepara la guerra’.

Quanto all’annuncio della Lega, “vedremo esattamente il testo e valuteremo”, commenta ad Affaritaliani.it Raffaele Speranzon, vice capogruppo di Fratelli d’Italia e componente della Commissione Difesa ed Esteri di Palazzo Madama. “Di sicuro è inaccettabile che il segretario della Nato o un solo Paese membro possano dettare la linea dell’Alleanza Atlantica”.

Parole sulla scia di quelle pronunciate in un’intervista a La Stampa dal ministro della Difesa, Guido Crosetto: “Non esiste un segretario Nato o una nazione che decide la linea per tutte le altre”. E questo vale per Stoltenberg “ma vale anche per Macron, quando ha detto ‘manderemo i nostri soldati in Ucraina’. La Nato si muove, e si muoverà nell’incontro che avremo a Washington a luglio, portando dei progetti, dei piani, delle idee. Le singole spinte valgono poco”.

Forza Italia si fa sentire per voce del suo leader, Antonio Tajani: ”Non manderemo nessun soldato italiano in Ucraina, non useremo i nostri strumenti militari per sparare in Russia. Le decisioni vengono prese dalla Nato tutti insieme. Noi siamo già d’accordo con gli ucraini che tutti i nostri strumenti militari, e noi ne controlliamo l’uso, non possono essere utilizzati al di là dei confini dell’Ucraina”.

”Noi non siamo in guerra con la Russia – ribadisce – Vogliamo difendere soltanto l’integrità territoriale dell’Ucraina, perché puntiamo alla pace, perché soltanto se Putin non vincerà sarà costretto a sedersi al tavolo con Zelensky e firmare la pace. E lo stesso vogliamo fare in Medio Oriente”.

Il Pd punge la premier. “Quando è partito il governo Meloni, la maggioranza sembrava unita su tutto. Oggi sono in disaccordo su tutto. E sull’unità del governo riguardo la politica estera? Cosa pensa Meloni dell’interrogazione della Lega di Salvini sulle parole di Stoltenberg?”, chiede il deputato del Pd e capogruppo Pd in Commissione Difesa di Montecitorio Stefano Graziano.

Secondo Massimiliano Smeriglio, eurodeputato Avs, “c’è grande confusione al governo. Stoltenberg, che è in scadenza di mandato, lavora su un’ipotesi che per me è terribile perché è una ulteriore escalation e ci mette nelle condizioni di diventare oggettivamente cobelligeranti”.

Leggi anche


Leggi anche...



News
Ucraina, al summit di pace in Svizzera i Paesi del...

Bicchiere mezzo vuoto: il summit sulla pace in Ucraina, voluto dalla Svizzera, finisce con un...


News
Euro 2024, Inghilterra-Serbia 1-0: gol di Bellingham

All'Inghilterra basta un gol di testa di Jude Bellingham al 13esimo del primo tempo, servito...


News
California, incendio nella contea di Los Angeles:...

Maxi incendio nella contea di Los Angeles in California. Le fiamme si sono estese per migliaia...


News
Gordon Ramsay e l’incidente in bici:...

"Indossate sempre il casco in bici, a me ha salvato la vita". E' il messaggio dello chef...