susumelle_calabresi_biscotti_natalizi_tradizionali_miele_dettaglio2
26 ottobre 2023

Ricette calabresi-cucina leggendaria

Susumelle calabresi: la vera storia del dolce dei poveri


Non c’è Natale in Calabria senza susumelle, i tipici biscotti ovali a base di miele con spezie, uvetta, frutta candita e ricoperti di cioccolato bianco o fondente.

La storia delle susumelle è molto antica e per certi versi misteriosa, anche il nome è oggetto di discussione: secondo alcuni potrebbe derivare dalle parole sesamun e mel, cioè sesamo e miele, e quindi discendere dai dolci che nell’Antica Grecia si preparavano in onore delle dee Demetra e Core. E’ l’ipotesi più semplice, ma le susumelle non contengono sesamo.

Secondo altri significa carezza, nome quanto mai indicato per la bontà del prodotto, ma finora questa ipotesi non trova nessun riscontro linguistico.

Secondo un’altra interessante teoria susumella deriva dal greco susumeda, che significa cibo andato a male. Ma perché usare un termine così orribile per un dolce così buono?

Un motivo c’è e sta nel fatto che ai tempi del Regno di Napoli (forse anche prima) e quindi anche in Calabria, i ricchi facevano la carità ai poveri in particolari festività, regalando qualcosa da mangiare e anche dolciumi ma cattivi e di scarsa qualità.

Infatti dolci simili alle susumelle sono le pitte di San Martino che, a novembre nella ricorrenza del Santo, in Calabria venivano un tempo regalati dai nobili ai bisognosi.

A riprova di questa teoria, una vasta documentazione attesta che già nel Seicento a Napoli fu proibito per legge alle suore dei conventi di usare farina bianca per fare le susumelle, uno spreco se queste fossero finite sulle tavole delle classi meno abbienti!

Inoltre esistevano tre tipi di susumelle (anche se fatte in forma e ingredienti diversi dai nostri): nobili, con farina bianca e destinate ai ricchi; dello zampognaro, con farina mista e ingredienti di scarto, e del buon cammino buone ma destinate a preti e frati.

Insomma, pare che una volta le susumelle, al contrario di oggi, non fossero tanto buone e neanche gradite alla maggior parte delle persone. Per fortuna quell’estrema povertà non esiste più e nel tempo i buoni calabresi, non più discriminati, le hanno arricchite di ingredienti che le rendono davvero deliziose. Ora le susumelle sono nobili per tutti!

INGREDIENTI
250 g di farina tipo 00
100 g di zucchero semolato
50 g di cacao amaro in polvere
75 g di mandorle tritate (cotte)
mezza bustina di lievito per dolci
25 g di burro morbido
100 g di miele
75 ml di acqua
cannella
chiodi di garofano
frutta candita
uva passa
per la copertura 200 g di cioccolato fondente o di cioccolato bianco.

PREPARAZIONE
Fate sciogliere il miele insieme all’acqua in un pentolino e, una volta raffreddato, impastatelo insieme a tutti gli ingredienti (tranne il cioccolato) formando un impasto omogeneo; se risulta appiccicoso aggiungete un po’ di farina. Ricavate ora le susumelle facendo con l’impasto delle palline che poi schiaccerete dando ad ognuna una forma leggermente ovale e alta un paio di centimetri.

Fatele cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 10-15 minuti e, appena raffreddate, ricopritene il lato superiore con cioccolato fondente o con il cioccolato bianco fuso a bagnomaria. Lasciate solidificare e le susumelle calabresi sono pronte da gustare!
Annamaria Persico (articolo già pubblicato il 20 dicembre 2016 su Reportage)


Leggi anche...



News
Trump, allerta intelligence: complotto...

Donald Trump nel mirino dell'Iran, c'era un complotto di Teheran per eliminare l'ex...


News
SuperEnalotto, numeri combinazione vincente oggi 16...

Nessun '6' né '5+1' all'estrazione del SuperEnalotto di oggi. Nel concorso di martedì 16...


News
Donna annega in mare a Vieste per salvare la nipotina

Una donna di 57 anni di Vieste, in provincia di Foggia, è morta per annegamento dopo essersi...


News
Mattarella a Porto Alegre: “Terra Gaucha ha...

"Tanti italiani sono venuti qui, in Rio Grande do Sul, accolti con le braccia aperte,...